La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

venerdì 11 marzo 2016

INCENDIARONO UN AUTO DI UN CARABINIERE - LA PROCURA CHIEDE ED OTTIENE 4 ARRESTI

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Stazione di Casagiove, coordinati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di applicazione di misura cautelare di obbligo di presentazione alla p.g. emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di quattro soggetti, gravemente indiziati, a vario titolo, di incendio aggravato commesso in concorso fra di loro e danneggiamento. L'attività investigativa venne avviata a seguito dell'incendio dell'autovettura appartenente ad un militare dell'Arma dei carabinieri (in servizio a Napoli), parcheggiata nei pressi della sua abitazione, durante la notte del 5 luglio 2014; incendio che ben presto si era propagato, danneggiandole, ad altre due autovetture lì parcheggiate. L'indagine, svolta attraverso attività tecniche; e tradizionali, consentiva immediatamente di pervenire alla identificazione dei quattro soggetti ritenuti responsabili dell'incendio (quattro giovani residenti in quel Comune), nonché di escludere che il gesto fosse riconducibile all'attività professionale della vittima, disvelando piuttosto motivazioni di carattere familiare dovute a pregressi dissidi legati alla gestione del patrimonio familiare. Tra gli indagati, infatti, figura un nipote del militare, che, unitamente con tre coetanei, si ritiene abbia portato a termine l'azione delittuosa

I Carabinieri della Compagnia di Caserta e quelli della Stazione di Casagiove (CE), nelle prime ore della mattinata odierna, nel corso dell’esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di 4 indagati, ritenuti responsabili di incendio aggravato in concorso e danneggiamento, hanno proceduto all’esecuzione della perquisizione domiciliare nei confronti di uno dei destinatari del provvedimento, rinvenendo, nella sua disponibilità, una pistola a salve cal. 22, 4 cartucce a salve del medesimo calibro, nonché di 33 gr. di sostanza stupefacente del tipo hashish, tutto sottoposto a sequestro. L’uomo è stato altresì deferito per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi.


Nessun commento: