La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 19 novembre 2013

FERIE FORZATE AL CONSORZIO DI BACINO - LA LETTERA DI ZINZI

Oggetto: delibera del Soggetto Liquidatore n. 15 del 13.11.2013; richiesta urgente di chiarimenti.

Con riferimento al provvedimento in oggetto, a firma della S.V., trasmesso alla scrivente Amministrazione dal Commissario Liquidatore dell’articolazione territoriale di Caserta, acquisita al protocollo dell’Ente al n.0104144 del 18.11.13, con il quale è stato disposto il collocamento in “ferie forzate”, con successiva sospensione del rapporto di lavoro, di tutti i dipendenti del CUB, eccezion fatta per quelli inseriti, senza alcuna motivazione apparente, in due distinti elenchi contraddistinti dalle lettere A e B, si richiedono urgenti e dettagliati chiarimenti circa le ragioni ad esso sottese, ed in alcun modo esplicitate, e sui criteri di scelta utilizzati per l’individuazione dei dipendenti da “salvare”.

In termini più generali non può non rilevarsi come la S.V. perseveri, con accanimento degno di miglior causa, ad assumere condotte e provvedimenti che si pongono in evidente contrasto con quanto previsto, dalla legge e dai decreti interpresidenziali di nomina, in ordine all’autonomia organizzativa e funzionale delle distinte articolazioni territoriali del CUB.

In relazione a quel che precede è appena il caso di evidenziare come, anche in tale evenienza, sia mancata ogni forma di preventiva concertazione con il Commissario Liquidatore dell’articolazione territoriale di Caserta (così come da questi rappresentato con nota acquisita al protocollo dell’Ente al n. 104153 del 18.11.13, con tutte le implicazioni da ciò discendenti.

Ad ulteriore riprova del singolare modus agendi che caratterizza l’operato della S.V. nella qualità di Soggetto Liquidatore del CUB, non può non stigmatizzarsi come non si sia ritenuto neppure opportuno notiziare, né preventivamente né successivamente, dell’adozione di un provvedimento di particolare rilevanza, quale quello in oggetto, i Presidenti delle Province di Napoli e Caserta.

Ogni commento sul punto appare superfluo; ci si limita, pertanto, a reiterare, da un lato, l’invito alla S.V. a rassegnare, con immediatezza, le proprie dimissioni dalla carica, stante l’evidente compromissione del rapporto fiduciario e, dall’altro, a rappresentare al Presidente della Provincia di Napoli, che legge la presente per doverosa conoscenza, l’assoluta improcrastinabilità della formale adozione del decreto interpresidenziale di revoca del Soggetto Liquidatore del CUB, a suo tempo trasmetto e recante già in calce la firma dello scrivente.

Si precisa, da ultimo, alla S.V. che in ipotesi di mancata presentazione dei richiesti chiarimenti, ovvero nell’ipotesi in cui gli stessi non siano ritenuti soddisfacenti, l’Amministrazione Provinciale di Caserta si riserva, espressamente, l’adozione di tutte le iniziative, anche di natura giurisdizionale, atte a tutelare gli interessi della collettività di Terra di Lavoro.

Nessun commento: