La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

venerdì 22 novembre 2013

CARABINIERI IN AZIONE - LE OPERAZIONI DEL GIORNO N PROVINCIA DI CASERTA





TAMAY GONZALEZ TANIA FATIMA cl. 78 dell’Equador, alle ore 13.00 circa odierne è stata trovata distesa sulle scale (1^ rampa) di un condominio di via Querce a Caserta. La donna è stata attinta da una decina di coltellate per lo più all’addome. A trovarla è stata una condomina che ha immediatamente informato i carabinieri della Compagnia di Caserta che sono subito giunti sul posto. La 35enne è stata immediatamente trasportata presso l’ospedale civile di Caserta dove è tutt’ora ricoverata in prognosi riservata. Diverse sono le ipotesi al vaglio degli inquirenti che stanno indagando a 360° .         



Parte il prossimo 22 novembre la campagna di prevenzione dell’abuso di alcol e droga realizzata in collaborazione tra Arma dei Carabinieri e A.S.L.

L’Arma dei Carabinieri e l’Azienda sanitaria locale di Aversa collaboreranno per prevenire i fenomeni legati al consumo eccessivo dell’alcol e all’uso delle sostanze stupefacenti.

AVERSA – Venerdì 22 novembre partirà la campagna di prevenzione dell’abuso di alcol e droga che vedrà la collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri e l’A.S.L. di Aversa.
Il progetto nasce su iniziativa del Reparto Territoriale dei Carabinieri di Aversa e del Dott. Antonio D’Amore, Direttore del Dipartimento delle Dipendenze Patologiche dell’Azienda Sanitaria Locale di Caserta.
Nell’ambito della campagna di prevenzione dei rischi per la salute legati all’uso eccessivo di alcol, personale dell’Arma e del Ser.T. di Aversa sarà, quindi, presente nei prossimi tre week end nelle zone interessate dal fenomeno della cosiddetta Movida.
Scopo del progetto è quello d’informare i ragazzi sui pericoli derivanti dall’uso incontrollato delle bevande alcoliche e, soprattutto, sui rischi che si corrono mettendosi alla guida di veicoli dopo la loro assunzione.
Il personale specializzato dell´A.S.L. di Caserta, il cui Direttore Generale sin dal suo insediamento ha dimostrato una particolare sensibilità alle problematiche giovanili, da sempre impegnato nel contrasto dei fenomeni di devianza, distribuirà ai ragazzi materiale informativo, test alcolemici monouso e profilattici.
Questi ultimi saranno distribuiti gratuitamente a tutti i ragazzi che ne faranno richiesta perché le statistiche dimostrano che le problematiche legate ai rapporti sessuali non protetti aumentano sensibilmente dopo l’uso delle sostanze alcoliche (gravidanze indesiderate, malattie veneree, diffusione dell’AIDS).
Per quanto attiene, invece, ai controlli mirati a contenere e contrastare il fenomeno delle stragi del sabato sera, i Carabinieri grazie all’utilizzo di alcolimetri professionali verificheranno se i ragazzi saranno in grado di condurre un veicolo.

La campagna di prevenzione si basa anche su una corretta informazione sui rischi legali (denunce e ritiro della patente) che si corrono a essere trovati positivi al test dell’alcol, ma soprattutto sul pericolo, elevato, di poter provocare incidenti mortali o comunque gravi. Al riguardo:
“La necessità di prevenire l’abuso di alcol nasce dal fatto che tale abuso ha un effetto deleterio sulla salute del bevitore. L’eccessivo consumo di alcol provoca danni a quasi ogni organo del corpo, compreso il cervello, causando una serie di disturbi sia fisici sia psichici. Nessuno è esente da questo rischio, ma le donne sono più sensibili all'alcol e più inclini a subirne gli effetti fisici e mentali. A lungo termine può causare cirrosi epatica, pancreatite cronica, epilessia, neuropatie, malattie cardiache, carenze nutrizionali e disfunzioni sessuali. Queste complicanze, a volte, possono portare a un esito fatale. Altri nefasti effetti sulla salute includono un aumento del rischio di sviluppare il cancro.
Le donne hanno un tasso di mortalità superiore. In loro le complicanze a lungo termine includono: danni al cervello, al cuore, al fegato e un aumento rischio di cancro al seno. Inoltre, l'eccessivo consumo di alcol può avere un effetto negativo sulla capacità riproduttiva, crea problemi o irregolarità nel ciclo mestruale e può portare alla menopausa precoce.
I problemi di salute legati all’abuso di alcool sono facilmente percepibili come molto dannosi per la società. L'eccessivo consumo di bevande alcoliche può generare incidenti automobilistici, episodi di violenza, aggressioni. Questo comporta ingenti spese sanitarie, senza includere i notevoli costi sociali, sia per l'alcolista sia per suoi familiari, che spesso richiedono l’intervento di psicologi o psichiatri. Ecco perché, visti gli alti costi sociali ed economici legati all'alcolismo, molte nazioni (tra le quali l’Italia) adottano politiche di contrasto del fenomeno.
Forse non tutti sanno che le contravvenzioni maggiormente sentenziate nel 2011 sono state quelle collegate alla guida sotto l’effetto di alcool o droghe. Addirittura il 36,7% del totale delle contravvenzioni elevate riguardava questi tipi di reato. Le contravvenzioni per le violazioni di legge legate all’alcol e alle droghe sono passate in dodici anni dal 16,8% al 36,7%. Per questi motivi l’Arma ha intensificato i controlli nelle zone interessate al cosiddetto fenomeno della Movida (e non solo in quelle) senza tralasciare un fondamentale mezzo di contrasto ai fenomeni delittuosi qual è quello della prevenzione ab origine degli stessi. Da questo scaturisce l’idea della collaborazione con il Dipartimento Dipendenze dell’ASL per l’effettuazione della campagna di prevenzione che partirà domani”.



In Macerata Campania, nel corso di predisposti servizi i carabinieri del locale comando stazione hanno rinvenuto e posto sotto sequestro  un terreno di circa 700 mq, ubicato in quella via De Matteis ove erano stati sversati una ingente quantità di rifiuti anche speciali e pericolosi per volume stimato metri cubi 2500 circa tra cui plastica, carta, ferro, eternit, vetro frammisti a inerti derivanti da demolizioni edile.

 

2. Nella mattinata odierna il Gip del Tribunale di Napoli Nord ha convalidato il fermo d’iniziativa operato in data 16 novembre 2013, in Gricignano di Aversa (CE), dai militari del locale Comando Stazione e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Marcianise nei confronti di  EDOBOR Bright, cl. 87 e  OMOSIGHO Uyi, cl. 84, nigeriani. Il  provvedimento precautelare era scaturito in seguito alla richiesta di intervento avanzata da un 35enne cittadino Nigeriano che nel circolare su pubblica via in Gricignano di Aversa, aveva individuato e poi indicato ai militari dell’Arma i due connazionali che lo avevano in data 31.10.2013 rapinato in Casal di Principe, e due giorni dopo aggredito in Frignano. I due per tale motivo erano stati sottoposti a Fermo di indiziato di delitto e tradotti presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale.  





1.    In Napoli, presso la Casa Circondariale di  Napoli-Poggioreale,  i Carabinieri della stazione di Mondragone,  hanno notificato al cittadino nigeriano Olimo Kensley cl. 1982, ristretto per altra causa, l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per inosservanza degli obblighi imposti dal regime di detenzione domiciliare al quale il citato era precedentemente sottoposto.

2.      Il Tribunale del riesame di Napoli ha confermato gli elementi di cui all’ordinanza di custodia cautelare emessa in data 28 ottobre 2013 nei confronti di POLVERINO Angelo cl. 1957, BOTTINO Francesco Alfonso cl. 1942 e GASPARIN Giuseppe cl. 1958.

Nessun commento: