La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 31 agosto 2010

SANTA MARIA CAPUA VETERE- VENTI DI GUERRA POLITICA – IN DIRETTA DALLA CASA DI SORA GEMMA CHE ADESSO APRE I BATTENTI.

Tutto acceso presso alla sede del pd cittadino in via anfiteatro adiacente l’abitazione del consigliere provinciale Giuseppe Stellato . Dopo il comunicato del commissario Cacciola , tutto il centro sinistra è riunito tuttora ancora in conclave e tutti i telefoni sono spenti o senza suoneria . C’è attesa sull’indirizzo politico , ma sembra che stanno ancora discutendo proprio per trovare una intesa . Intanto la notte porta consigli . Alcuni consiglieri del centro destra, invece fuori il bar Novecento di via mazzocchi aspettano che qualcuno li telefoni per far sapere cosa hanno combinato nell’incontro quelli del centro sinistra . Notte insonne quindi per i politicanti della Sora Gemma di Santa Maria Capua Vetere, che assolutamente devono sapere ciò che è accaduto . Secondo le ultime notizie il centrosinistra e per esso il pd esce fuori dalla maggioranza . E’ stato stilato un documento , ma per i consiglieri del pd non è una sconfitta , ma una presa di posizione che è certamente positiva almeno non stati presi in giro .

Domani è un altro giorno

SANTA MARIA CV - POLITICA FRA PDL E PD IN DIRETTA DALLA SORA GEMMA TUTTI TACCIONO , MA C’È GIÀ CHI RACCOGLIE LE SUE BAVARATTELLE.

Colpita , ma non affonda ancora la korazzata Giudiciannoski . Il conclave del partito democratico ha stabilito tutti a casa, ma per adesso nessuno si alza dalla sua poltrona . Sarebbe molto perspicace , sapere cosa sta accadendo nella riunione interpartitica dopo quella provinciale a Santa Maria Capua Vetere perché notizie da radio scarpa affermano che c’è un faccia a faccia abbastanza serio fra tutte le forze politiche . Tre consiglieri in ogni caso potrebbero far la differenza , ma su tutti l’Italia dei valori con l’unico consigliere Gaetano Monaco tace, ma c’è qualcuno che dice che sta navigando sottoacqua con il sindaco, provare per credere  . Sinistra e libertà ha sospeso i consiglieri , ma da che cosa ? O dici di si o dici di no . Allora sono  affezionati alla poltrona . Si perché ci sono 1600 euro in palio per ogni consigliere che è componente o presidente di commissione quindi la lotta è proprio su questo , mentre gli assessori e sindaco cercano di sistemare nel migliore dei modi la STU , ma sono senza soldi.

Insomma la vita politica sammaritana in questi giorni è uguale alla casa di Sora Gemma , dove addirittura per i giovanotti di primo pelo c’è un’ agevolazione. ( La foto è stata gentilmente offerta da Ferdinando Terlizzi ed è parte integrante  del libro uscito ieri in ristampa il delitto di un uomo normale)

Ma c’è una riflessione da fare se il sindaco non si sente sicuro a con il pdl , non è da meno neanche con il pd adesso . Ed allora ?

Aspettiamo gli eventi è troppo presto perché stanno ancora discutendo

Crediti Iva inesistenti per 63 milioni di euro Vittoria in Ctp per l’Agenzia delle Entrate campana

Il Direttore Regionale delle Entrate Enrico Sangermano " E' stato riconoscito l'impegno corretto ed efficace dell'Agenzia delle Entrate in Commissione Tributaria". 

Operazioni inesistenti, il fisco bada alla sostanza. E’ di 63 milioni di euro l’ammontare della vittoria dell’Agenzia delle Entrate presso la Commissione tributaria provinciale di Napoli. I giudici hanno considerato legittimi i due avvisi di accertamento per detrazioni indebite dell’Iva emessi dall’Ufficio Grandi contribuenti della Direzione Regionale della Campania a carico di una società operante nel settore dei metalli ferrosi. La Ctp, inoltre, ha disconosciuto i rilievi procedurali sollevati dai contribuenti.

“L’esito favorevole della controversia – afferma il Direttore Regionale delle Entrate Enrico Sangermano - fa seguito ad altre recenti rilevanti vittorie dell’Agenzia delle Entrate della Campania presso gli Organi di giustizia tributaria. Viene riconosciuto, in tal modo, l’impegno per una corretta ed efficace gestione del contenzioso tributario”.

Il fatto - A seguito di controlli eseguiti dalla Guardia di Finanza, l’Agenzia delle Entrate ha rilevato l’illegittimità di crediti Iva pari a 63 milioni di euro legati a fatture emesse per operazioni inesistenti, avvenute tra due società collegate, nell’ambito di transazioni commerciali con fornitori esteri per l’acquisto di materiali ferrosi.
La tesi vincente dell’Ufficio Contenzioso della Direzione Regionale ha ricostruito il processo di acquisto della merce dall’estero. Il soggetto interponente (missing trader) acquistava dal fornitore estero e rivendeva la merce alla società ricorrente, destinataria finale. Il soggetto interponente, quindi, non aveva alcun ruolo effettivo ma operava al solo fine di consentire alla società, reale acquirente dei prodotti, la formazione di un ingente credito Iva.
Sentenza della Commissione tributaria provinciale – I giudici hanno evidenziato come la società ricorrente non abbia sollevato specifiche eccezioni in relazione al merito della pretesa tributaria, ma si sia attenuta ad una strategia difensiva incentrata esclusivamente sulla formulazione di contestazioni di natura procedurale.
Le argomentazioni difensive dell’Ufficio Contenzioso della Direzione Regionale, invece, hanno dimostrato la validità della notifica del processo verbale di constatazione, presupposto dei successivi atti di accertamento emessi.

Venerdì a Casertavecchia IL LIBRO DEL GIORNALISTA TERLIZZI A SETTEMBRE AL BORGO

Caserta - Per il ciclo “INCONTRI CON L’AUTORE”, nel corso della Quarantesima Edizione del “settembrealborgo” la libreria Mondadori di Caserta presenta la seconda edizione del libro del giornalista Ferdinando Terlizzi “IL DELITTO DI UN UOMO NORMALE”, con la prefazione del criminologo Carmelo Lavorino, VENERDÌ 3 SETTEMBRE ( ore 18), nello spiazzo antistante il teatro della Torre di Casertavecchia. Colloquieranno con l’autore: , il giudice Raffaele Cennicola l’avv. Prof. Ciro Centore, amministrativista; l’avv. Gennaro Iannotti, penalista; il dott. Michele De Simone, presidente Associazione della Stampa di Caserta; il dott. Franco Tontoli, giornalista - Corriere del Mezzogiorno - Corriere della Sera. Il libro, che ha ottenuto un lusinghiero successo, narra del delitto di un giovane di buona famiglia casertana avvenuto nel 1960. Aurelio Tafuri, (uno dei migliori medici che abbia mai avuto la provincia di Caserta  senza offesa per nessuno si intende)   per gelosia, uccide un giovane. Si ipotizza un menage a tre e la deficienza virile del medico sammaritano. Reo confesso, nel carcere scrive la “sua” verità, definendosi normale di mente e iperattivo sessualmente. Gli “strizzacervelli” di ufficio lo periziano come sano di mente. Quelli di parte lo definiscono “schizofrenico incapsulato”. I difensori, per sottrarlo all’ergastolo, vogliono farlo passare per “pazzo”. Ma lui e la madre si oppongono. La Pubblica Accusa chiederà l’ergastolo. Sarà condannato a 24 anni. Durante i 4 processi si svolgerà un duello tra i più grandi psichiatri e avvocati dell’epoca. Per l’imputato: Giuseppe Marrocco, Alfonso Martucci, Ciro Maffuccini, Giuseppe Garofalo e Enrico Altavilla. In appello Giovanni Leone. Per la parte civile: Michele Verzillo, Luigi Bagnulo, Giuliano Ferrone, Luigi Renato Sansone, Guido Cortese e Alfredo De Marsico. Il giornalista, che con la sua prima opera ha venduto tutte le copie della prima edizione ha già in preparazione un nuovo esaltante lavoro “DONNE&DELITTI”. Il libro sarà una rievocazione dei più cruenti ed efferati crimini della Provincia di Caserta dal 1950 ad oggi. Narrerà le raccapriccianti storie al femminile della follia omicida in 60 anni di cronaca nera in rosa.

Ferdinando Terlizzi è nato nel 1937 a Santa Maria C.V. Svolge la professione di giornalista, specializzato in cronaca giudiziaria. Ha collaborato con giornali e riviste. Ha fondato e diretto radio e tv libere. Nel 1977 gli è stata assegnata la “Targa d'argento”, dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati e Procuratori di Santa Maria Capua Vetere, per "l'intensa attività giornalistica in favore delle tematiche dell’avvocatura”. Dal 1982 al 1988 è stato ininterrottamente eletto nel consiglio direttivo dell’Associazione della Stampa di Caserta. Nel 1983, da parte della Presidenza della Stampa Europea, gli è stato assegnato il premio internazionale di giornalismo “Aquila d’Oro” per una serie di reportage dall’estero. Nel 1984 ha ricevuto a Londra, da Ruggero Orlando (corrispondete RAI da New York), il titolo accademico di “Doctor in Economic and Commercial Sciences”, in forza della laurea honoris causa conferitagli dall’Università Americana “Pro Deo”, di New York. Nel 1985 ha ricevuto a Parigi, da parte della Fondazione francese “International Business Corporation”, il titolo di “Chevalier du Travail dell’Europe Unì”, per benemerenze nel campo del giornalismo internazionale. Nel 1986 è stato eletto consigliere della Camera di Commercio Europea a Bruxelles ed in seno alla stessa ha ricoperto gli incarichi di capo ufficio stampa e direttore del periodico "EuroNews". Nel 1987 ha ricevuto a Parigi da parte “dell’Ordre International Des Chevalieres de l’Etoile de la Paix” il titolo di “Commandeur”. Dal 2003 è responsabile dell'ufficio stampa provinciale della “FEDER MEDITERRANEO”, (Organizzazione Indipendente - Membro della Task Force ONG del Consiglio d'Europa). Dal 1992 al 1998 è stato direttore responsabile della rivista a tiratura nazionale “Detective & Crime”, edita dal criminologo Carmelo Lavorino. In tale veste, nel 1994 è stato inviato speciale presso la “World Ministerial Conference On Organized Transnational Crime”, organizzata dall’ONU. Dal 2003 al 2005 ha curato i rapporti con i Media per l’Assessore alla Cultura della Provincia di Caserta. A novembre 2006, la trasmissione Matrix di Canale 5 ha riproposto un suo servizio TV degli anni Ottanta su di un duplice omicidio di camorra in Terra di Lavoro

MARCIANISE- LETTERA DEL L’ASSESSORE ANGELA DI SIVO INVIATA AI DIRIGENTI DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL TERRITORIO

“In occasione dell'apertura dell'anno scolastico, alla vigilia di questo importante avvio, in qualità di insegnante e delegata alla Pubblica Istruzione, a nome del Sindaco Antonio Tartaglione, e dell’intera amministrazione, desidero rivolgere i miei più sinceri auguri di buon lavoro non solo agli alunni ed alle famiglie che si accostano con rinnovato impegno agli studi , ma anche ai Dirigenti Scolastici, ai docenti e al personale tutto della scuola che a vario titolo contribuiscono al successo formativo dei giovani.

Ricordando che la Scuola è “una comunità che educa istruendo” va posto in giusto risalto il suo insostituibile compito istituzionale che svolge all'interno di una realtà civile e sociale sempre aperta al cambiamento. Mai come ora si avverte fortemente l'esigenza di accompagnare i processi di crescita dei giovani con azioni educative chiare e forti; alla Scuola, dunque, il compito di portare avanti la sua intenzione educativa in modo incisivo per garantire non solo il successo formativo dei giovani ma anche lo sviluppo della loro autonomia e partecipazione sociale. Come accade di solito nella nostra scuola, ormai abituata a repentini cambiamenti, il buon senso e la voglia di operare per il bene comune, accompagna l'azione dei docenti, del personale ATA, dei Dirigenti Scolastici che cercano sempre di assicurare un servizio educativo rispondente ai bisogni dell'utenza e del territorio.

La cultura della legalità compreso il rispetto dell'ambiente, la piena integrazione sociale, il miglioramento della qualità della vita dei giovani, anche in termini di spazi di aggregazione giovanile, il contrasto alla povertà e alla violenza, sono gli obiettivi che dovranno sostenere ed indirizzare l'azione delle diverse istituzioni scolastiche a garanzia sia del ben-essere dell'alunno, sia dell'orientamento dello stesso verso traguardi formativi capaci di far fronte alle sfide di un “villaggio globale”.

E' con questo intento che desidero rivolgermi a tutti coloro i quali tra pochi giorni inizieranno o riprenderanno la “grande avventura” dell'attività scolastica. Agli insegnanti, ai ragazzi, alle famiglie, auspico che il nuovo anno scolastico sia in grado di far cogliere la bellezza del sapere, a volte anche nella fatica, nonché il valore di contribuire tutti a rendere il momento educativo un passaggio decisivo del vivere insieme e trasformi tale esperienza in un momento di profonde soddisfazioni.

Ricordando che l'Amministrazione Comunale di Marcianise nella figura dell'Assessore alla Pubblica Istruzione è sempre disponibile ad ascoltare e a rispondere a tutte le problematiche che potranno presentarsi, rinnovo a tutti gli auguri sinceri di un buon anno scolastico”.



Tennis: Internazionali giovanili di Caserta Modugno e Cuomo brillano, la Campania under 14subito grande protagonista a livello europeo

Le teste di serie non falliscono. I napoletani Salvatore Modugno (n.6, quattordici anni) e Ferruccio Cuomo (n.7, tredici anni) avanzano agli Internazionali Giovanili di Caserta. Stefano Modugno ha eliminato al primo turno il greco Eleftherios Theodorou in rimonta, 1-6 6-3 6-0, mentre Cuomo ha piegato la resistenza di Federico Cecconi, 6-3 6-3.

Le due promesse campane raggiungono nei primi sedici del torneo del circuito di Tennis Europe i già qualificati Danilo Annecchiarico e Giuseppe Caparco, con ottime prospettive per il prosieguo del tabellone principale.

Sono quindi quattro gli under 14 della nostra regione nei top 16 del torneo, la più bella novità di queste prime due giornate del torneo del Tennis Club Caserta, che sta ottenendo un successo di partecipanti superiore a ogni aspettativa, con oltre cento ragazzi in gara tra qualificazioni e main draw, maschile e femminile.

Si fermano al primo turno, invece, i tennisti casertani, Stefano Tricarico ed Elvio Di Cosmo, battuti con onore al primo turno dal sammarinese Marco De Rossi, 6-3 6-1, e dal Joel britannico Cannell, 3-6 7-5 6-1.

Sempre domani (mercoledì) tornerà in campo negli ottavi di finale anche la napoletana Chiara Caso, unica campana ancora in gara nel torneo femminile, brava fin qui a vincere tre partite consecutive (due di qualificazione e una di main draw).

Il programma proseguirà con i quarti di finale di giovedì e le semifinali di venerdì.

Sabato 4 settembre si disputeranno le finali per il titolo del torneo internazionale (sia maschile sia femminile, di singolo e di doppio) che gode degli abbinamenti di Gioielleria Basile, concessionario Rolex per Caserta, e di Grand Hotel Vanvitelli.

ESIBIZIONE DI KARATE AL BIG MAXI CINEMA DELLA SPORTIVART

L’appuntamento con lo sport - spettacolo è per domenica 5 settembre 2010 dalle 16.30 e per tutta la serata presso il Big Maxi Cinema di Marcianise. Ad esibirsi saranno i ragazzi dello “Sportivart Show”, spettacolo di Sound Karate (Karate in musica) che già tanto successo ha riscosso in tutta la Provincia di Caserta, in particolare, ed in tutta la Campania nel corso delle varie rappresentazioni proposte nella scorsa stagione. L’occasione è data dall’uscita in tutte le sale cinematografiche italiane (venerdì 3 settembre) del film campione di incassi negli Stati Uniti d’America “The Karate Kid: la leggenda continua”.

La Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali sarà Partner Ufficiale del film, remake del famoso film “Karate Kid” diretto da John G. Avildsen nel 1984. La nuova pellicola vedrà come protagonisti Jackie Chan ed il piccolo Jaden Smith, figlio di Will Smith, e racconta la storia di Dre Parker, un ragazzo di dodici anni che da Detroit si trasferisce in Cina insieme a sua madre, per motivi di lavoro di lei. Quasi subito Dre fa amicizia con una compagna di classe, ma le differenze culturali rendono difficoltoso il rapporto tra il ragazzo e Mei Yin. E a complicare le cose ci si mette Cheng, il bullo della classe, esperto in Arti Marziali. Fortunatamente, a ribaltare la situazione in suo favore, interverrà Mr. Han, responsabile di manutenzione del suo condominio, che è anche maestro di Kung Fu e Karate e gli darà una mano. Accanto a lui, Dre capirà che le Arti Marziali non sono solo una semplice disciplina sportiva, ma qualcosa di più profondo ed educativo, soprattutto per i più giovani.

La Sportivart da sempre vicina e partecipe attiva ed attenta a tutto quel che concerne l’educazione e la formazione delle classi più giovani della nostra società, in collaborazione con il CONI Comitato Provinciale di Caserta e con la FIJLKAM Comitato Regionale Campano, organizza un’esibizione di Arti Marziali a margine e prima di ogni proiezione in sala del film, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema quanto mai attuale del “bullismo”, dello stalking e della necessità di difendersi da ogni gratuita violenza.

A conferma di ciò la Sportivart offre, a tutti i ragazzi dai 5 agli 11 che si presenteranno nelle palestre convenzionate con la brochure che sarà distribuita in occasione dell’esibizione di domenica 5 settembre, la frequenza gratuita per l’intero mese di Settembre di un corso di Karate. Con l’eccezionale possibilità di partecipare al concorso “Karate Kid Cercasi” per vincere un anno gratuito di Karate.

Le società sportive convenzionate, già inserite nel progetto Sportivart, sono la DYNAMIC CLUB di Capodrise, viale europa, 10 e l’ATHLON MAURINO di Portico di Caserta, via P. di Piemonte (Scuole elementari).

SANTA MARFIA CAPUA VETERE - QUI CASA DELLA SORA GEMMA ECCO COME SI RAGIONA NELLE SUE STANZE .

Sembra che Diogene se ne sia andato disgustato da Santa Maria Capua vetere per aver trovato solo persone di poca fede . Per far capire ai sammaritani ciò che sta accadendo abbiamo diviso la “Sora Gemma” in due squadre. Da una parte chi sta in maggioranza ma potrebbe cambiare passo e chi invece sta in maggioranza non intende passare con il pdl.

GIUDICIANNI GIANCARLO se passa nel pdl


Maggioranza????






1) CAMPOCHIARO GIOVANNI


2) CECERE FRANCESCO


3) CIMINO FERDINANDO Componente 3ª


4) CIOFFI LUIGI Componente 5ª


5) CRISILEO ANTONIO Componente 1ª


6) DE RISO PAOLO vicepresidente 5ª 2ª 3ª


7) LOPEZ FRANCESCO


8) MASTROIANNI SALVATORE vicepresidente 3ª 4ª 5ª


9) MONACO FABIO presidente 5ª


10) PARDI MEROLA EMILIO vicepresidente 1ª


11) VAVUSO FRANCESCO presidente 4ª


12) VIGGIANO NICOLA componente 4ª










13) Russo Antonio presidente 2ª????


14) ZITO PASQUALE vicepresidente 2ª?????


15) DI MONACO GAETANO presidente 3ª????






opposizione????


1) SCIROCCO ANTONIO


2) D'ADDIO ARTURO Componente 5ª


3) VALIANTE MARTINO


4) ADELINI ROBERTO Componente 3ª


5) CHIRICO MARIA LUISA


6) RAUSO GAETANO componente 2ª


7) MATTUCCI DARIO presidente 1ª 4ª


8) RINALDI GIUSEPPE componente 1ª


9) Limardi Maria


10) Emilia Borgia


11) OLIMPO EDGARDO


12) PAPPADIA UMBERTO


13) MONACO ENRICO componente 2ª


14) TROIANIELLO CARLO componente 1ª


15) GRAZIANO BRUNO componente 4ª

lunedì 30 agosto 2010

SANTA MARIA CV - LA POLITICA SAMMARITANA DEL PDL E DEL PD DIVENTA COME LA CASA DI SORA GEMMA - PER APPUNTAMENTO

I CINQUE DELL'AVE MARIA SFIDANNO IL PDL.
ENRICO MONACO "NON HANNO I NUMERI E TUTTO FUOCO DI PAGLIA "




Cucu’ e il ribaltone non si fa più . I cinque dell’ave maria , come in un film western , sfidano il popolo della libertà e mettono un veto . I numeri non li hanno. E’ senz’altro una querelle infinita quello del dilemma skespiriano che vede le opposte fazioni sul sentiero di guerra . Nessuno ha niente op meglio vogliono far credere che hanno qualcosa e come diceva un ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere il niente equivale al nulla . Ieri pomeriggio Antonio Scirocco ha giurato fedeltà a Enrico Monaco “ Giuro sui miei figli che con loro non ci vado” ma si recava a casa di Fabio Monaco che l’aveva chiamato per l’occasione per un incontro . Ma il portavoce del pd ha improntato alla buona una vera e propria conferenza stampa fra alcuni giornalisti, presente anche la collega del Mattino Cristina Monaco,colpo di fortuna ? – No solamente professionalità: “ Sappiamo tutto di Nicola Garofalo , si trincera dietro un misero posticino nel listino politiche alle prossime elezioni nel Pdl , ma perchè non si candida a sindaco di Santa Maria Capua Vetere ? Se lo mettessero bene in testa questi signori del popolo della libertà che non hanno i numeri necessari per fare il ribaltone e tutto fuoco di paglia . Siamo in cinque e venderemo cara la pelle “ .E alla domanda dei nomi delle persone Enrico Monaco ha affermato. “Questi sono i nomi che non traghetteranno nel pdl . Io, Umberto Pappadia, Carlo Troianiello, Antonio Sciricco e Arturo D’addio e saremo sicuri che qualcuno ci seguirà .Lo sanno tutti che l’operazione è immorale , d'altronde lo dice anche Giovanni Campochiaro , ma secondo lui l’operazione deve essere fatto. Ci vedremo domani con il partito e nella sera stessa anche con tutte le forze del centrosinistra , e se il sindaco verrà ci farà capire cosa intende fare . Siamo stati fin troppo leali – continua il portavoce - con il primo cittadino si aspettiamo da lui un sensop di responsabilità verso coloro che lo hanno sostenuto”. Andiamo appresso e vediamo che succede non domani ma stanotte , già perché la Sora Gemma apre alle 22.00 ed è in Piazza Mazzini.

NB . Se qualcuno afferma che frequento le case di appuntamento, io nel 1932 non ero nato. E’ soltanto conoscenza storica.

CASERTA- GUARDIA DI FINANZA - SI INSEDIA IL COMANDANTE AMENDOLA - ARRIVA IL GENERALE GIUSEPPE MANGO

domenica 29 agosto 2010

Tennis: agli Internazionali giovanili di Caserta sei campani nel tabellone principale maschile.Nel femminile si qualifica la napoletana Caso

Sei tennisti campani all'assalto degli Internazionali giovanili di Caserta, la grande novità del calendario under 14 del 2010, sia per la nostra regione sia per il tennis italiano. Sorteggiato il tabellone principale del torneo, che celebra quest'anno la sua prima edizione e che rappresenta una tappa del circuito Tennis Europe Junior Tour: il napoletano Gian Marco Saccone è la testa di serie numero 2 (affronterà il connazionale Adoncecchi); numero 6 del torneo è il vomerese Stefano Modugno che trova sulla sua strada il greco Theodorou; il tredicenne napoletano Ferruccio Cuomo è il favorito numero 7 e all'esordio avrà un qualificato. In gara anche Roberto D'Ambrosio (contro il connazionale Cerbo) e le due wild card, il casertano e beniamino di casa, Stefano Tricarico (figlio del maestro del club ed ex B2 Benito Tricarico), e il sannita Danilo Annecchiarico, brillante protagonista ai Tricolori under 13 dove ha raggiunto i quarti di finale; affronterà all'esordio l'azzurrino Quintarelli.


In tabellone under 14 tennisti provenienti da Grecia, Gran Bretagna e San Marino, con 28 italiani in gara.

Nelle qualificazioni femminili la bella notizia è legata all'exploit della napoletana Chiara Caso che vince la seconda partita in due giorni (battendo la testa di serie n.2, Marta Bellucco 6-1 6-0) ed entra in tabellone principale meritatamente; la Caso troverà nel primo turno la connazionale Beatrice Torelli.

Nel main draw c'è un'altra campana, la tennista del TC Caserta, Chiara Pascale, che ha ricevuto una wild card e che è stata sfortunata nel pescare nel sorteggio la testa di serie numero 1 e favorita del toneo, la bielorussa Golovnyova.

Al via giocatrici di Serbia, Portogallo, Montenegro e Messico, oltre a ben 25 azzurre in campo.

Domani (lunedì) inizia il primo turno sia del torneo femminile sia del maschile, sabato 4 settembre le finali per il titolo del torneo internazionale che gode degli abbinamenti di Gioielleria Basile, concessionario Rolex per Caserta, e di Grand Hotel Vanvitelli.

Intanto per gli adolescenti che volessero imitare i protagonisti della tappa casertana del Tennis Europe Junior Tour, sono aperte le iscrizioni per la scuola tennis presso il circolo casertano in via Laviano, guidata dal maestro Aldo Cherchi.

Per maggiori dettagli suo torneo in corso, consultare il sito www.tccaserta.it.

SANTA MARIA CV - IL DILEMMA SHAKESPIRIANO PASSA ATTRVERSO UN FACCIA A FACCIA CON LA CHIRICO E MONACO

Santa Maria Capua Vetere. Ribaltone si , ribaltone no , il sindaco sale in cattedra e dice la sua dopo un incontro con la rappresentante del centro sinistra che gli dato credibilità , Maria Luisa Chirico .



Io sono arci più che convinto che la pubblicazione di Giuseppe Perrotta sulla Gazzetta di Caserta ( i giornali casertani si sono svegliati troppo tardi - vedi qualche post in precedenza digitando ribaltone) è stata eseguita a mestiere per mettere sul chi va la il sindaco ed a scoprire quali sono le carte di una parte del centro destra che “ estorce”o meglio imbambola il soggetto politico del centro sinistra in questo marasma nazionale . Molti ci stanno cadendo come delle pere secche, fra questi qualche assessore che addirittura vuole chiarificazioni dal sindaco . Guarda caso la pubblicazione dell’articolo è stata eseguita quando si è saputo che il sindaco Giancarlo Giudicianni domani pomeriggio si incontrerà con i rappresentanti del centro sinistra quale appunto Maria Luisa Chirico . L’incontro è fissato già nel pomeriggio di lunedì e guarda caso dopo che il sindaco farà una sua dichiarazione. Certamente le chiacchiere che si fanno sono ancora da “ sotto l’ombrellone” e di chiacchiere se ne sono fatte tante . Ora da lunedì si passa alla vera politica con programmi e scelte che segneranno la vita politica amministrativa della città .



Tutto questo mette in serio pericolo anche ciò che fa da contorno alla famiglia del sindaco , poiché vi sono persone nucleo familiare che simpatizzano o meglio ricoprono incarichi in un sindacato della sinistra che va per la maggiore.

sabato 28 agosto 2010

Tennis: al via gli Internazionali giovanili di Caserta


Subito un record di iscritti con 60 tennisti under 14 in gara


nelle qualificazioni: vincono le promesse campane

Iamunno e Caparco nel maschile, Caso, Zecchino e Nisi nel femminile




Subito bene le promesse campane under 14: nel torneo maschile esordio con vittoria per Giuseppe Caparco, che ha eliminato la testa di serie n. 6, Matteo Tinelli, 6-3 3-1 e ritiro; bene anche Daniele Iamunno, capace di battere Andrea Masoero, numero 4, 7-6 (4) 6-4. Nel torneo femminile spiccano i successi di Chiara Caso, su Cristiana Rossi, 6-1 6-3, di Fiorella Zecchino (6-3 6-3 ad Angela Scarfo) e di Roberta Nisi, che ha battuto Stefania Picardi, 6-2 6-0.

Domani secondo e ultimo turno di qualificazione: in programma otto incontri per il maschile e otto incontri per il femminile.

Da lunedì via al main draw con under 14 provenienti da dieci nazioni europee.

Gli Internazionali giovanili di Caserta sono inseriti nel calendario di Tennis Europe Junior Tour, in una delle poche tappe italiane del 2010.

Il torneo del club di via Laviano assegnerà punti per la classifica del circuito continentale, che qualificherà i primi otto per il Masters conclusivo di ottobre, che equivale al titolo europeo.

La manifestazione, evento gemello dei tradizionali Internazionali femminili ITF disputati a maggio e nata nell’anno del cinquantenario del club rossoblu, è abbinata a due marchi di eccezione, Gioielleria Basile, concessionario Rolex per la provincia di Caserta, e Grand Hotel Vanvitelli Caserta.

SANTA MARIA CV - IN CITTA' E' IN CORSO UNA VERA E PROPRIA "ESTORSIONE POLITICA"NO AI RIBALTONI LO DICE ANCHE BERLUSCONI E BOSSI E IL CENTRO SINISTRA SI PREPARA AL COLPO FATALE A GIUDICIANNI

Io non penso che la città di Santa Maria Capua Vetere si stia preparando al ribaltone politico , ma se lo fosse allora è in corso una vera e propria” estorsione politica” contro il volere del presidente Silvio Berlusconi che insieme all’altro leader della lega Umberto Bossi che ha detto chiaramente no ai ribaltoni. “Ma perché a Santa Maria Capua Vetere succede questo ? Bene ve lo spieghiamo subito .

Quando il pd era al governo l’assise comunale era proiettata verso un centro sinistra che dispensava denaro a sinistra , ma anche a destra , adesso che cosa è successo visto che il centro sinistra non ha più credibilità a livello nazionale e regionale i consiglieri si apprestano a fare il salto della quaglia perché i soldi arrivano soltanto da un centro destra che ora è al governo regionale .

Bene anzi male. Ma allora bisogna pensare che Santa Maria Capua Vetere non è cambiata per nulla anzi la città è in mano non ad imprenditori di un area che fino ad oggi è stata al centro di episodi di criminalità , ma è in mano a strozzini , usurai , truffatori, imbroglioni, falliti, divorziati,escort , zoccole , puttane , nullafacenti , gente senza scrupole che avendo  qualche amico nelle forze dell'ordine e nei palazzi della giustizia è pronto a denunciare, cittadini  scomodo che dicono la verità   e che più ne ha più ne metta cosi come si diceva alla’epoca quando era in atto il cambiamento . altro che casal di principe . qui c'è la Casba.  La storia della città è caduta in basso. Basta pensare soltanto a quelle parole che il primo cittadino di Santa Maria Capua Vetere disse nei confronti di una signora che era ad una riunione di genitori “ Signora lei non si deve preoccupare suo figlio andrà a scuola alla Principe di Piemonte il 15 settembre” . Nella stessa data il figlio invece di frequentare la Principe di Piemonte andrà alla scuola Perla . Ma se non c’è l’acqua come vogliamo bere il vino!!!!

venerdì 27 agosto 2010

SANTA MARIA CV - LITE IN PIENO CENTRO A S.MARIA CV - ARRESTATO UN GIOVANE DALLA POLIZIA

Oggi i primi incontri degli Internazionali giovanili di Caserta under 14

Sono più di cento i giovani tennisti che da oggi daranno vita al circolo tennis di via Laviano alla prima edizione degli Internazionali giovanili di Caserta, tappa del circuito internazionale Tennis Europe Junior Tour.

Il primo incontro inizierà alle 9 del mattino di sabato 28 agosto 2010 e si proseguirà a ritmo serrato anche nel giorno di domenica per designare, tra i migliori tennisti italiani under 14, sia del maschile sia del femminile, ed i pari età di dieci nazioni europee, chi avrà diritto ad un posto nel tabellone finale per continuare a giocare per conquistare i quattro titoli in palio: il singolare ed il doppio sia in campo maschile che femminile.

La macchina organizzativa del circolo tennistico casertano presieduto da Massimo Rossi, è pronta.

Il gruppo dei volontari guidati da Giampaolo Papiro e Marco Matera è al lavoro da giorni per predisporre quanto necessario per rendere piacevole e felice il soggiorno nella città di Caserta, ai giovani ospiti che giocheranno suoi courts di via Laviano ed alle famiglie che li accompagneranno.

Gli occhi dei tifosi casertani saranno per i tennisti campani ai quali sono state concesse le wild card, per il tabellone principale ai napoletani Gian Marco Saccone, Stefano Modugno e Roberto D’Ambrosio, tutti nati nel 1996 ed a Ferruccio Cuomo nato nel 1997; in gara ci sarà anche il casertano Stefano Tricarico, beniamino di casa figlio del maestro Benito, istruttore nel circolo casertano, e il sannita Danilo Annecchiarico.

Per le qualificazioni le wild card sono state assegnate dal Tennis Caserta a Gianluca Caldo, Giuseppe Liguori e Daniele Iamunno della Campania, al pugliese Matteo Giangrande.

In campo femminile wild card a Chiara Pascale del Tennis Caserta per il tabellone principale ed alle campane Giulia Della Cioppa, Roberta Nisi e Adriana Zecchino ed alla pugliese Giorgia Scagliosi per le qualificazioni.

S.Arpino Accusata di essere stata complice di una rapina e tratta in arresto su ordine del Gip presso il Tribunale di Nola, la 24enne Rosa Aliya Ali, nata in Pakistan ma residente a S. Arpino è stata scarcerata.

Ad emettere il provvedimento è stato il Tribunale del Riesame di Napoli che ha così accolto la tesi difensiva dell'avvocato Enzo Guida che ne aveva chiesto la liberazione.

La donna era stata accusata di aver partecipato ad una rapina commessa lo scorso 27 luglio a S. Giuseppe Vesuviano, ai danni di un cittadino cinese. Secondo l'accusa Rosa Aliya avrebbe agito in concorso con altri due uomini, di cui uno, Domenico Romano, di S. Antimo, tratto in arresto in flagranza di reato. La donna, secondo la ricostruzione dei fatti, si trovava a bordo di una autovettura, con la quale avrebbe tagliato la strada alla vittima, bloccandone la marcia e consentendo ai suoi presunti complici, a bordo di una motocicletta, di mettere a segno il colpo. La vittima infatti era stato costretto, sotto minaccia di una arma, a consegnare circa 5 mila euro che aveva appena prelevato da una banca. Nello stesso momento in cui la rapina veniva posta in atto, sopraggiungevano i Carabinieri i quali si ponevano all'inseguimento della motocicletta riuscendo ad acciuffare uno dei malviventi, mentre l'altro riusciva a scappare.

Nel vano portaoggetti della motocicletta venivano trovati dei documenti di identità in copia, della Rosa Aliya, cui era intestata la motocicletta.

Sulla base di questi documenti i Carabinieri hanno ritenuto di individuare l'indagata come la persona che guidava l'autovettura, ritenendola complice della rapina.

La donna si è sempre dichiarata innocente e la difesa ha cercato di smontare l'accusa, sia mettendo in dubbio che l'auto avesse partecipato alla rapina, sia contestando l'esito della individuazione forografica.

Alla fine il Tribunale del Riesame ha scarcerato la donna, che ha lasciato il carcere femminile di Pozzuoli, rimettendola in libertà in attesa del processo.

NOTTE BIANCA AL SIDICINUM E'' TUTTO VERO - ECCO LA LETTERA DEL GRUPPO INDIRIZZATA AL SINDACO DI TEANO

Al Sig. Sindaco del Comune di Teano

al Consiglio Comune di Teano

all' Assessore al Turismo





Prot . 158/2010

Teano, 27/08/2010







OGGETTO: nostri opportuni chiarimenti



Con grande stupore prendiamo visione da parte di alcuni organi di stampa, di attacchi gratuiti, illegittimi e sicuramente mirati a chi sa quali reconditi fini.
Apprendiamo, infatti, che ci saremmo appropriati in modo arrogante ed arbitrariamente del logo del Comune di Teano per promuovere lo svolgimento dell'evento Notte Bianca che saremmo intenzionati a svolgere nella nostra struttura in data 11 settembre 2010, così come propostoci dall'associazione Proloco Teano e Borghi di Teano.
Teniamo a precisare e ciò al fine di stoppare inutili e futili, quanto strumentali polemiche, che l'evento di cui sopra ha incontrato subito il favore di una moltitudine di visitatori del nostro Centro (sia essi turisti, villeggianti, residenti all'estero tornati per le vacanze, provenienti dalle più variegate zone del circondario, nonché nostri visitatori abituali) ed ha ricevuto immediata approvazione dai nostri Operatori, da noi interpellati in merito.
Chiariamo inoltre che l'evento " de quo" andrebbe a realizzarsi, così come tutti gli eventi sin qui organizzati nella nostra struttura, a complete spese del consorzio degli Operatori e della proprietà, senza usufruire nella maniera più categorica di contributi finanziari da parte dell'Amministrazione Comunale di Teano.
Per quanto attiene alla dichiarazione dell'Assessore al Turismo del Comune di Teano "la stampa e la diffusione del volantino è frutto dell'iniziativa intrapresa dal Centro Commerciale non rientrante nella gestione della Notte Bianca a Teano"; ci preme chiarire, doverosamente che:
a) il volantino "motivo di scandalo" non è stato redatto e promozionato dal Centro Commerciale Sidicinum bensì dalla Proloco Teano e Borghi per cui, mai il Sidicinum avrebbe utilizzato senza chiedere preventiva autorizzazione, la grafica del Comune di Teano per promuovere un evento dal Centro stesso esclusivamente finanziato;
b) si fa notare, e ciò non per polemizzare, sia alle forze di maggioranza che di opposizione del Comune di Teano che l'evento Notte Bianca al Sidicinum non farebbe altro che rendere visibilità ulteriore al Comune di Teano, poiché lo stesso evento convoglierebbe presso la nostra struttura che dovrebbe rappresentare motivo di orgoglio per tutto il territorio Sidicino e non motivo puntualmente di scriteriati attacchi, migliaia di visitatori provenienti da tutte le regioni d'Italia che in questo momento si trovano nelle zone limitrofe di villeggiatura balneari e non;

c) ribadiamo infine come il nostro Centro, dall'entrata in funzione si sia sempre mostrato sensibile a partecipare, a qualsiasi titolo quando c'è stata presentata richiesta in tal senso da parte di organizzazioni del circondario e del Comune di Teano in particolare, alla realizzazione di eventi promozionali.
A tal fine si allega una delle ultime richieste, ciò a comprova di quanto sopra, pervenuteci in questi giorni a cui abbiamo già dato il nostro assenso.
Certi di aver chiarito definitivamente la nostra estraneità totale a quanto addebitatoci, e scusandoci, se nostro malgrado, abbiamo causato motivo di disagio all'Amministrazione Sidicina, porgiamo i migliori saluti.



Ufficio Stampa Sidicinum

PROSEGUE LA FORNITURA DI SACCHETTI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Marcianise. Riprenderà a metà della prossima settimana, sempre presso gli uffici di via Torri, la distribuzione di sacchetti per la raccolta differenziata, già effettuata per tutto il mese di agosto.




A renderlo noto è stato l’assessore alle Politiche Ambientali, Angelo Golino che, insieme al sindaco Antonio Tartaglione, sta costantemente monitorando la situazione, per assicurare la continuità del servizio.



Sempre l’assessore Golino ha diffuso i dati relativi alla fornitura già effettuata: secondo le stime elaborate dal delegato all’Ambiente, congiuntamente con la ditta Jacta, hanno ritirato i sacchetti già 3.200 famiglie su 14.000, pari a circa il 20%.

DDA NAPOLI - SEQUESTRO TRIS ALLA FAMIGLIA PASSARELLI - SIGILLI AL KERO

RISEQUESTRATO PER LA SECONDA VOLTA LO ZUCCHERIFICIO KERO A PIGNATARO MAGGIORE. SI APRE UNA TERZA FASE DEL GIUDIZIO - INTANTO IL SEQUESTRO UNO E' FERMO DAVANTI AL TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE E L'UDIENZA E' FISSATA PER SETTEMBRE .

AI PROSSIMI AGGIORNAMENTI

Arrestato dai Carabinieri di Marcianise 35enne pregiudicato responsabile di numerose rapine ai danni di una prostituta e dei suoi occasionali clienti.

Commetteva i reati portando in macchina il figlio di 3 anni.
Nella serata del 26 agosto 2010, a conclusione di una mirata attività di ricerca, i Carabinieri della stazione di Marcianise hanno rintracciato e tratto in arresto il catturando MEROLA Pasquale cl. 1975, pregiudicato, dal 19 luglio 2010 destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere poiché ritenuto responsabile di numerose rapine (tra le dieci e le quindici), nell’ultimo triennio, ai danni di una prostituta bulgara e degli occasionali clienti che con lei si appartavano in vie laterali prospicienti la strada provinciale Marcianise – Orta di Atella.

Il malvivente è stato riconosciuto dalla vittima che ha sporto denuncia fornendo precise indicazioni sulle condotte criminose poste in essere dal MEROLA, che spesso giungeva sul luogo ove commetteva i reati alla guida di un’autovettura Lancia Y con a bordo la propria compagna ed il figlio che ora ha tre anni.

Solitamente il MEROLA perpetrava le rapine mediante l’utilizzo di un bastone o minacciando di estrarre una pistola ed intimava alle vittime di non annotare il numero di targa asserendo di avere numerosi fratelli che avrebbero potuto “vendicarsi” di un suo eventuale arresto.

Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

S.MARIA CV- OGGI SCADE IL BANDO PER TROVARE GLI UFFICI GIUDIZIARI - ENZO NATALE "PERCHE' NON TRASFERIAMO LA FACOLTA' DI LETTERE ALL'AULARIO E UBICHIAMO GLI UFFICI GIUDIZIARI NELL'EX CARCERE . LI E' ANCORA CENTRO STORICO "

Oggi  scade il bando relativo all’ offerta per la locazione d’immobile da destinare ad Uffici Giudiziari . Non a caso, il bando era stato affisso all’albo pretorio del comune di Santa Maria Capua Vetere, già dagli inizi del mese di agosto perché il comune ha necessità di locare uno o più immobili da destinare a sede di Uffici Pubblici. “In particolare l’immobile/i ( si legge ) dovrà essere idoneo ad ospitare Uffici Giudiziari e dovrà avere una superficie utile minima di 4500 mq, nonché una idonea area da destinare a parcheggio di pertinenza; Gli interessati dovranno far pervenire apposita domanda a questo Comune, entro e non oltre le 12,00 del giorno 27/08/2010, in busta chiusa, al Comune di Santa Maria Capua Vetere riportando la seguente dicitura: “ offerta per la locazione d’immobile da destinare ad Uffici Giudiziari ”

Bene . Qualche mese Enzo Natale, ritornato sulla scena politica con una proposta che comunque ha fatto aprire quel dibattito politico in città, richiamò l’attuale amministrazione comunale ad una conservazione di un decoro cittadino nel centro storico della città di Santa Maria Capua Vetere, individuando sedi prestigiose per allocazione dei nuovi Uffici Giudiziari perché il tribunale di Piazza della Resistenza risultava essere a rischio. Enzo Natale affermò (e l’intervento è allegato al presente post) che Palazzo Melzi o Palazzo Cappabianca poteva essere una sede prestigiosa per gli Uffici giudiziari del tribunale di Santa Maria Capua Vetere essendo già all’epoca una struttura idonea ma soprattutto storica che dava opportunità al centro storico di risorgere.“Evidentemente- spiega Enzo Natale- la mia proposta, anche se valida non ha convinto l’attuale amministrazione comunale , ma visto che a Santa Maria Capua Vetere è giunta dal ministero di giustizia una cospicua somma di denaro quantificabile in diversi decine di milioni di euro e visto che la Caserma Pica è stata consegnata al Comune quindi di fatto è di proprietà dell’ente,si possono sfruttare quel patrimonio artistico e storico della città individuanto quelle strutture demaniali e dismesse  .


 La riqualificazione del territorio potrebbe partire proprio dall’ex carcere di Piazza San Francesco che è occupato metà dalla facoltà di lettere . Mi spiego meglio . Anni fa, è stato costruito un aulario per la Seconda università degli di Studi di Napoli . Attualmente il fabbricato dell’aulario è occupato soltanto in parte . Vale a dire che ai piani superiori della struttura , benché le aule sono arredate , sono completamente vuote . Ma allora che si aspetta a traslocare la facoltà di lettere all’aulario della Sun che diventa di fatto un intero corpo dell’Università per gli studenti che la frequentano!!! . L’ex carcere di Piazza San Francesco, così, completamente vuoto potrebbe ospitare I Nuovi Uffici giudiziari ritornando di fatto alle sue origini storiche. Inoltre, abbattendo addirittura quel muro lungo Via Galatina si creerebbe uno spazio adibito a parcheggio che andrebbe ad essere valvola di sfogo per professionisti che giungono con l’auto, visto che a due passi vi sono due modi cruciali , la variante Anas e l’uscita dell’autostrada . A questo ci aggiungiamo che la Caserma Pica essendo stata dismessa e consegnata al comune potrebbe essere un’area adibita a parcheggio. Tutto, ruoterebbe intorno al centro storico di Santa Maria Capua Vetere a due passi, e lì i 4500 mq ci sono tutti sfruttando i beni dismessi e demaniali ” . A domani per la seconda puntata.

giovedì 26 agosto 2010

Presentata la prima edizione degli Internazionali giovanili di Caserta gli under 14 italiani in gara contro tennisti di dieci nazioni

Italiani contro tutti, nella prima edizione degli Internazionali giovanili di Caserta, tappa del circuito internazionale Tennis Europe Junior Tour.




Alcuni tra i migliori tennisti italiani under 14, sia del maschile sia del femminile, sfideranno ragazzi di dieci nazioni europee per conquistare i quattro titoli in palio (singolare e doppio maschile e femminile).



Nella presentazione organizzata dal Tennis Club Caserta, che organizza l’evento e che è il primo circolo campano ad ospitare una tappa individuale di Tennis Europe, sono state ufficializzate le liste dei partecipanti e il programma del torneo, alla presenza di Massimo Rossi, presidente del club di via Laviano, del sindaco di Caserta, Nicodemo Petteruti, dell’assessore allo sport, Massimo Russo, del presidente del Coni di Caserta, Michele De Simone, del presidente del Comitato campano della Federtennis, Michele Raccuglia, dell’assessore provinciale all’urbanistica Gianni Mancino. Si giocherà da domani a sabato 4 settembre, giorno delle finali; gli Internazionali giovanili di Caserta godono della collaborazione di due partners di eccezione come Gioielleria Basile, concessionario Rolex per Caserta, e Grand Hotel Vanvitelli Caserta.



Al via, nel tabellone principale, ci saranno quattro tennisti napoletani, Gian Marco Saccone (numero 1 del seeding), Stefano Modugno, Roberto D’Ambrosio, tutti del 1996, Ferruccio Cuomo del 1997; in gara anche il casertano Stefano Tricarico, beniamino di casa, e il sannita Danilo Annecchiarico (del ’97).



Le wild card assegnate dal Tennis Caserta per le qualificazioni andranno a Gianluca Caldo, Giuseppe Liguori e Daniele Iamunno (Campania), Matteo Giangrande (Puglia). Nel femminile a Chiara Pascale del Tennis Caserta per il tabellone principale, e Giulia Della Cioppa, Roberta Nisi e Adriana Zecchino (Campania) e Giorgia Scagliosi (Puglia) per le qualificazioni.

CANCELLO ED ARNONE -IMPREDITORE TITOLARE DELLA TOTAL ARRESTATO PER FURTO DI ENERGIA ELETTRICA - E' AI DOMICILIARI

Oggi 26 agosto 2010, alle ore 14.30 circa, in cancello ed arnone (ce), nell’ambito di mirati servizi di controllo del territorio, i militari del dipendente nucleo operativo e radiomobile hanno tratto in arresto in flagranza di reato Mario Cipro , nato a Calvi Risorta (ce), 30.05.1962, ivi residente, titolare del distributore carburanti TOTAL in Cancello ed Arnone sulla strada provinciale n. 333, incensurato, poiche' resosi responsabile furto aggravato energia elettrica. Nella circostanza, i militari operanti hanno accertato, unitamente a tecnici della società enel, che suddetto cipro mario aveva manomesso il contatore elettrico della propria attivita' commerciale riuscendo impedire misurazione dell’energia elettrica consumata. L’arrestato e’ stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa del rito direttissimo.

S.MARIA CV - ASSESSORATO ALL'AMBIENTE AL PASSO CON I TEMPI - "LE VECCHIE BUSTE DELLA SPESA DEL SUPERMERCATO SONO MATERIALE DERIVANTE DAL PETROLIO ED INQUINANTE . SOSTITUITELI CON QUELLE BIODEGRADABILI

ECCO L'ORDINANZA CHE ENTRA IN VIGORE  DAL 1 GENNAIO 2011

Città di Santa Maria Capua Vetere



Provincia di CASERTA


Settore Igiene Urbana e Tutela dell’Ambiente






Prot. nr. 0031751 lì 26 agosto 2010










ORDINANZA n. 170 del 26 agosto 2010






OGGETTO: Divieto distribuzione shoppers (sacchetti) non biodegradabili






IL DIRIGENTE


Premesso :






 che gli shopper distribuiti dalle attività commerciali sono realizzati in materiale plastico derivante dalla lavorazione del petrolio e quindi sono causa di inquinamento ambientale attesa la non biodegradabilità del materiale de quo;


 che ogni anno in Italia oltre quattro miliardi di buste di plastica non biodegradabili finiscono fra i rifiuti, con grave danno per l’ambiente, tenendo conto che tale quantità corrisponde ad una immissione in atmosfera di circa 200.000 tonnellate di CO2


 che la norma europea EN 13432 “Requisiti per imballaggi recuperabili mediante compostaggio e biodegradazione- Schema di prova e criteri di valutazione per l’accettazione finale degli imballaggi”, è stata recentemente adottata anche in Italia con la denominazione UNI EN 13432, risolve questo problema definendo le caratteristiche che deve avere il materiale compostabile


- Biodegradabilità, ossia la conversione metabolica del materiale compostabile in anidride carbonica.


- Disintegrabilità, cioè la frammentazione e perdita di visibilità nel compost finale


- Assenza di effetti negativi sul processo di compostaggio.


- Bassi livelli di metalli pesanti (al di sotto di valori massimi predefiniti) e assenza di effetti negativi sulla qualità del compost






 Che La norma UNI EN 13432 è una norma armonizzata, ossia è stata riportata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee e pertanto deve esser recepita ed attuata in Europa a livello nazionale.


 Che la legge n. 296 del 27.12.2006 al comma 1129 (Programma sperimentale riduzione commercializzazione di sacchi non biodegradabili) stabiliva di avviare un programma sperimentale a livello nazionale per la progressiva riduzione della commercializzazione di sacchi per l'asporto delle merci che, secondo i criteri fissati dalla normativa comunitaria e dalle norme tecniche approvate a livello comunitario, non risultino biodegradabili.


 che il successivo comma 1130 statuisce che “ Il programma di cui al comma 1129, (…), e' finalizzato ad individuare le misure da introdurre progressivamente nell'ordinamento interno al fine di giungere al definitivo divieto, a decorrere dal primo gennaio 2010, della commercializzazione di sacchi non biodegradabili per l'asporto delle merci che non rispondano, entro tale data, ai criteri fissati dalla normativa comunitaria e dalle norme tecniche approvate a livello comunitario”






CONSIDERATO


Come già esposto, che l’utilizzo degli shoppers in plastica possono contribuire a pregiudicare l’ottimale raggiungimento degli obiettivi prefissati per la raccolta differenziata in ambito comunale






RITENUTO


Indispensabile, oltre che opportuno, per le finalità di cui innanzi e per gli obblighi imposti dalla legge n. 296 del 27.12.2006, vietare l’uso e la distribuzione di shoppers in plastica negli esercizi commerciali obbligando l’uso esclusivo dei sacchetti in materiale biodegradabile, realizzati secondo quanto stabilito dalla norma UNI EN 13432;






RITENUTO, altresì, dover fissare una data congrua, tale da consentire agli operatori commerciali di poter smaltire le scorte in giacenza e di poter organizzare per tempo la prenotazione di acquisto di sacchetti conformi a quanto previsto dalla succitata norma






VISTO il D. Lgs 267 del 18.8.2000 smi










O R D I N A










Con decorrenza 1° gennaio 2011 è fatto divieto a tutti gli esercizi commerciali, artigianali e di somministrazione alimenti e bevande ricompresi nel territorio comunale di Santa Maria Capua Vetere di utilizzare e distribuire shoppers (sacchetti) realizzati in materiale non biodegradabile.






Con decorrenza dalla stessa data i suddetti esercizi dovranno distribuire agli acquirenti esclusivamente sacchetti biodegradabili.






Ai trasgressori della presente ordinanza verrà applicata una sanzione amministrativa pecuniaria da € 50,00 ad € 250,00










DISPONE






la trasmissione della presente al Comando di Polizia Municipale














IL DIRIGENTE


Dott.ssa Maria Teresa Cipullo


L’Assessore all’Ambiente


Alfonso Salzillo

AVERSA - CADAVERE IN AVANZATO STATO DI DECOMPOSIZIONE NEL SOTTOSCALA DELL'UFFICIO RISCOSSIONE TRIBUTI

BUFALA GIORNALISTICA AD AVERSA


Rettifichiamo la notizia apparsa su qualche giornale on line . Il cadavere ritrovato ad Aversa in avanzato stato di decomposizione si trova sotto il Garage dove ha sede l'ufficio Riscossione tributi dell'Equitalia e non nel sottoscalo dell'Agenzia Entrate di Aversa . Si tratta di un giovane di 25 anni extracomunitario , sembra tossicodipendente che si adagiato nel garage del palazzo difronte dove ha sede anche un rinomato bar , che si trova guarda caso di fronte il palazzo dell'Ufficio territoriale dell' Agenzia delle Entrate di Aversa nei pressi della Caserma dei carabienieri . In questo frangente si sta recuperando il cadavere con l'ausilio dei vigili del fuoco di Caserta.

GUARDIA DI FINANZA SCOPERTO AGGRAVIO DELLA SPESA FARMACEUTICA A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI OLTRE 19 MILIONI DI EURO.

SEGNALATI ALLA CORTE DEI CONTI DUE DIRIGENTI PRO - TEMPORE DELL’ASL DI CASERTA.


Il Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta ha concluso un’attività ispettiva, avviata su tutto il territorio nazionale nell’ambito di un progetto del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie di Roma, che aveva l’obiettivo di rilevare la sussistenza di profili di inefficienza e danno erariale nel settore della spesa farmaceutica, per non aver osservato la normativa in materia di distribuzione dei farmaci inseriti nel prontuario ospedaliero “ph-t”: con riguardo ai farmaci per la cura di patologie gravi, croniche e acute (ad esempio soggetti diabetici ovvero destinatari del trattamento dei trapiantati d’organo).







Il combinato disposto dell’art. 9 della legge 386/1974 e degli art. 5 e 8 della legge n. 405/2001, prevede infatti che i farmaci inclusi nel suddetto prontuario possano essere acquistati direttamente dalle strutture sanitarie pubbliche, presso le case farmaceutiche produttrici, con uno sconto obbligatorio pari almeno al 50% del prezzo al pubblico.






In sostanza i farmaci inclusi nel “pht” hanno una duplice via di distribuzione che può avvenire direttamente, attraverso le farmacie delle strutture sanitarie (c.d. distribuzione diretta) ovvero tramite le farmacie pubbliche e private (c.d. metodologia a rimborso).






I militari del Nucleo di Polizia Tributaria hanno, in particolare, monitorato l’operato delle ex aziende sanitarie locali di Caserta, Asl Ce/1 e Ce/2, finalizzando il servizio inizialmente alla quantificazione della spesa farmaceutica sostenuta per il consumo dei farmaci inseriti nel “pht” delle due Asl, nel periodo dal 2004 al 2008, a carico del servizio sanitario nazionale e procedendo, successivamente, a determinare l’eventuale risparmio che le aziende sanitarie avrebbero potuto realizzare attraverso il ricorso alla distribuzione diretta, rispetto all’erogazione tramite le farmacie convenzionate aperte al pubblico.






Da tale attività è emerso che il mancato rispetto della citata normativa di settore ha comportato, nella sola provincia di Caserta, un aggravio della spesa farmaceutica a carico del Servizio Sanitario Nazionale quantificabile in oltre 19 milioni di euro.


Tale cifra costituisce una cospicua percentuale del deficit complessivo nel settore della sanità pubblica della regione Campania.






La seconda fase dell’indagine, effettuata con il coordinamento della Procura Regionale della Corte dei Conti di Napoli, è consistita nell’acquisire ulteriori riscontri finalizzati al rilevamento delle eventuali iniziative assunte dalle due aziende sanitarie del casertano, per promuovere e/o potenziare la distribuzione “diretta” dei farmaci inseriti nel pht.






Tale attività ha permesso di disvelare che mentre la ex Asl Ce/1 si è adeguata ai dettami normativi, provvedendo ad avviare un progetto incentivante per il personale dei servizi farmaceutici, rinnovando i contratti a tempo determinato ai dirigenti farmacisti, contribuendo così a diminuire sensibilmente la spesa a carico del S.S.N., l’ex Asl Ce/2 non ha intrapreso alcuna significativa iniziativa volta a potenziare la distribuzione diretta dei farmaci inseriti nel prontuario pht, dovendo procedere, alla fine del 2008, a stipulare un accordo con la Federfarma di Caserta per la distribuzione “per conto” di tutti i farmaci del pht, con un aggio alle farmacie convenzionate di circa 4,5 % sul prezzo al pubblico dei farmaci.






Tale condotta antidoverosa tenuta da due dirigenti pro-tempore che si sono succeduti nella gestione dell’ex Asl Ce/2 dal 2004 al 2008, è stata segnalata alla competente procura regionale della corte dei conti.






Il servizio s’inquadra nel più ampio contesto operativo della intensificazione dell’azione della Guardia di Finanza nel controllo della spesa pubblica ed in particolare dello specifico settore della spesa sanitaria nazionale, così come previsto dal Dlgs. n. 68 del 19 marzo 2001.

mercoledì 25 agosto 2010

Controlli nelle campagne di Macerata Campania finalizzati al contrasto al lavoro nero in agricoltura presso aziende operanti nella coltivazione del tabacco.

Nella mattinata del 25 agosto 2010, nel corso di servizi finalizzati al contrasto del lavoro nero in agricoltura, i carabinieri della stazione di macerata campania e del nucleo cc ispettorato del lavoro di caserta hanno effettuato dei controlli presso due aziende agricole operanti nel settore della coltivazione del tabacco:

• azienda agricola ubicata in localita’ “quattro moggi”: all’interno della stessa e’ stata accertata la presenza di sei lavoratori rumeni, la cui regolarita’ contributiva e assicurativa e’ in corso di accertamento;

• azienda agricola ubicata in localita’ “corte”: e’ stata accertata la presenza di quattro lavoratori rumeni, la cui regolarita’ contributiva e assicurativa e’ in corso di accertamento; e’ stata inoltre elevata una sanzione amministrativa di euro 1.300 per mancanza della documentazione sanitaria relativa ad un lavoratore.

52enne arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile per furto all’interno del negozio di abbigliamento ‘Coscia’ in Casapulla.

Nel pomeriggio del 25 agosto 2010, nel corso di un servizio preventivo di controllo del territorio, i carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato in flagranza per “furto aggravato” il 52enne G.E. residente a Caserta.Il predetto e’ stato sorpreso all’interno del negozio “coscia”, ubicato a casapulla (ce) sulla via nazionale appia, mentre stava trafugando un capo d’abbigliamento mediante l’utilizzo di una pinza al fine di rimuovere la placca antitaccheggio.In attesa del processo con rito direttissimo previsto nella mattinata di domani 26.08.2010, l’arrestato e’ stato sottoposto agli arresti domiciliari.

TEANESE BLOCCATO CON QUATTRO NIGERIANE - ANDAVANO A PROSTITUIRSI . FERMATO ED ARRESTATO

Oggi 25 agosto 2010, nel corso della nottata, in Cancello ed Arnone (ce), nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, i militari della locale stazione carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato Giacomo Croce , nato a teano (ce), il 21.08.1967, ivi residente, censurato, poiche' ritenuto responsabile di favoreggiamento della prostituzione. Nella circostanza i militari operanti bloccavano il croce su quella strada provinciale 333, mentre a bordo della propria autovettura trasportava quattro donne di nazionalita' nigeriana, accertando che le stava accompagnando in castel volturno (ce) per prostituirsi. L’arrestato e’ stato tradotto presso la casa circondariale di santa maria capua vetere (ce) a disposizione dell’autorita’ giudiziaria.

martedì 24 agosto 2010

CASERTA -CELEBRAZIONI OLIMPIADE DEL 60 - 17 "NONNETTI" FRA LA FOLLA CASERTANA MENTRE ATTRAVERSANO IL CORSO TRIESTE CON LA FIACCOLA IN MANO.MOMENTI DI GLORIA CASERTANA




Nonostante il periodo ancora di ferie e il gran caldo ha avuto un significativo successo la rievocazione storica del cinquantenario del passaggio della fiaccola olimpica, proveniente dalla Grecia e diretta a Roma per accendere il tripode dei Giochi della XVII Olimpiade, quando a Caserta lungo il corso Trieste, nella notte tra il 23 e il 24 agosto 1960, transitarono, nella tradizionale staffetta olimpica, i tedofori scelti per lo storico evento, buona parte dei quali, a distanza di mezzo secolo richiamati dal Coni per ripetere, in forme diverse ma con il medesimo spirito, un simbolico itinerario a ricordo della ricorrenza. Una manifestazione che ha riportato alla mente di tanti anziani un momento esaltante di storia casertana ed ha offerto ad altrettanti giovani la conoscenza di un episodio da molti di loro ignorato proprio per non averlo vissuto. Tra l’altro la rievocazione a Caserta, unica città italiana oltre Roma ad aver programmato iniziative celebrative, si è svolta proprio alla vigilia di quella allestita al Campidoglio nella capitale in coincidenza con la data del 25 agosto, giorno in cui vennero aperte le Olimpiadi 50 anni fa e che si svolsero, nei vari impianti sportivi realizzati per l’occasione, sino all’11 settembre 1960.

Una coreografia semplice ma toccante che ha visto, di nuovo con la stessa maglietta di allora, gli ormai “maturi” tedofori percorrere, con la fiaccola “originale” stretta in mano, piccoli tratti del corso Trieste a riprodurre emblematicamente gli 83 km. che da Aversa, via Marcianise, furono toccati fino a Caserta e, successivamente, a S. Maria Capua Vetere, Capua e, lungo l’Appia, con conclusione a Sessa Aurunca, dove al ponte del Garigliano l’ultimo dei 67 tedofori consegnò il fuoco olimpico al primo staffettista della provincia di Latina nel Lazio. I tedofori, affiancati da giovanissimi atleti dei centri avviamento allo sport, e preceduti dai motociclisti della Polizia Urbana e da una “storica” auto da corsa realizzata proprio in quegli anni dal pilota casertano Antimo Minutolo, con alla guida l’omonimo nipote. Quanto mai spettacolare la chiusura presso il Palazzo della Provincia dove l’ultimo staffettista, il velocista Salvatore Giannone componente della 4x100 azzurra che gareggiò in finale a Roma guadagnando il quarto posto grazie allo sprint del grande Livio Berruti, ha acceso il tripode olimpico, ai cui lati erano posizionate due coppie di figuranti in splendidi costumi di San Leucio forniti dall’Associazione Favole Seriche presieduta da Pina Raucci, mentre al cielo volavano palloncini tricolori, tra sventolii di bandiere e l’esecuzione degli inni olimpico ed italiano, alla presenza dei campioni olimpici Noemi Toth (oro nalla pallanuoto femminile ad Atene 2004) ed Ennio Falco (oro nel tiro a volo ad Atlanta 1996) e del pongista Nicola Molitierno che ha partecipato alle Paralimpiadi di Sydney 2008.

Subito dopo, nell’androne del Palazzo della Provincia il presidente on. Domenico Zinzi con il presidente del Coni Michele De Simone, promotore dell’iniziativa, e le altre Autorità istituzionali e sportive hanno inaugurato una mostra di foto e ritagli di giornali dell’epoca, che ripercorre con immagini e testi il passaggio della fiaccola olimpica in Terra di Lavoro. Quindi suggello della kermesse con i saluti istituzionali nell’aula consiliare della Provincia ad opera del presidente Domenico Zinzi, che ha ufficialmente annunciato che si adopererà per la nascita di un museo sportivo per Terra di Lavoro, affiancato dal presidente del Coni Michele De Simone, da mons. Antonio Pasquariello in rappresentanza del Vescovo Pietro Farina, recatosi in pellegrinaggio a Lourdes e dalla presidente della Società Italiana di Storia dello Sport Angela Teja che ha tenuto un discorso celebrativo.

E infine, al brindisi conclusivo, a tutti i tedofori presenti (Eduardo Gatta di Aversa, Paolo Zechender di Caserta, Domenico Colella di Marcianise, Antonio Sparaco di Marcianise, Franco La Spina di Maddaloni, Bruno Massa di Caserta, Nicola Tronco di San Leucio, Armando Maglione di Casagiove, Luigi Longano di S.Maria Capua Vetere, Giovanni Iodice di S.Maria Capua Vetere, Mario Madonna di Caserta, Mimmo Mingione di Caserta, Angelo Stellato di Capua e Michele Centore di Caserta) è stato consegnato un guidoncino ricordo in seta di San Leucio con il ricamo dei simboli della “Grande Olimpiade” e il gagliardetto riproducente lo stemma della Provincia.

Tra i presenti anche il Governatore dell’area campana del Panathlon, Antonio Gambacorta, accompagnato dal presidente del club casertano Giuseppe Bonacci, il presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro Alberto Zaza d’Aulisio ed altri rappresentanti delle istituzioni.

lunedì 23 agosto 2010

DISSEQUESTRO PASSARELLI - GIUSEPPE GAROFALO " LA CAPACCHIONE E'' DISINFORMATA - BRUTTA FIGURA DE IL MATTINO -

ANCHE LE GRANDI TESTATE  E I GIORNALISTI PIANGONO

DURE REAZIONI DEL COLLEGIO DIFENSIVO DEGLI EREDI PASSARELLI PER L’ARTIOCOLO A FIRMA DI ROSARIA CAPACCHIONE ANNUNCIATI STRASICHI GIUDIZIARI - SECONDO GLI AVVOCATI LA CRONISTA E’ DISINFORMATA SUI TERMINI GIUDIZIARI.



S. Maria C.V. Botta e risposta fra il collegio difensivo e la giornalista del Mattino. Una e vera e propria dura reazione degli avvocati che formano il collegio difensivo degli eredi Passarelli ( Avv. Giuseppe Garofalo, Mario Murone, Nicola Garofalo e Franco Liguori ) per gli articoli pubblicati dalla cronista de Il Mattino, relativamente alla decisione dell’8° Sezione del Tribunale del Riesame di Napoli che ha deciso il dissequestro di tutti beni del defunto Dante Passarelli.



Tre aspetti entrambi importanti che fanno molto pensare al modo e al pressappochismo sono alla base di certe affrettate decisioni.

In pochissimi mesi di gestione da parte dei custodi giudiziari che sono subentrati nella gestione delle aziende che per gli inquirenti sono in odore di camorra ben 96 mila euro sono stati liquidati in parcelle per questi “professionisti dell’antimafia” che in pochissimo tempo hanno guadagnato quello che con i loro studi non avrebbero realizzato neppure in 5 anni.

La seconda considerazione riguarda un marchiano profilo di incostituzionalità – che è allo studio del collegio difensivo – anche con l’apporto dell’amministrativista Prof. Ciro Centore – relativamente al cosiddetto decreto Marone che andrebbe a mettere sullo stesso piano imputati morti e quelli vivi e imputati assolti e condannati.

La terza riguarda direttamente i termini processuali . Gli avvocati difensori avevano fatta richiesta di discutere il Riesame nel mese di settembre. Sia il piemme d’udienza che il presidente non hanno potuto accogliere l’istanza in quanto oltre alla perentorietà dei termini vi sono precise disposizioni interne di dare precedenza assoluta a questi accadimenti giudiziari. Basterebbe questa sola affermazione per capire dove e come è andata a parare la Capacchione.

Ma per avere un quadro più completo abbiamo sentito l’Avv. Giuseppe Garofalo ( portavoce del pool difensivo) ) il quale ci ha espressamente dichiarato: ”L’articolo di Rosaria Capacchione “Arresti e sequestri, il condono di agosto”, si presta varie interpretazioni: agosto sarebbe il mese in cui la giustizia viene sottoposta a sofferenza da imbrogli, dalle malearti degli avvocati, non escluso un frastornimento di giudici estivi dovuto a colpi di sole. Tutte le ipotesi, nessuna esclusa, non onorano né giudici né avvocati. Non mi occupo dei vari casi citati perché non ne conosco origini, evoluzioni e conclusione. Mi riferisco alla procedura del sequestro di beni degli eredi Passarelli su cui Capacchione martella, purtroppo alquanto disinformata. Tralascerò il merito della fondatezza del sequestro. Desidero solo informarla e ristabilire la verità sulle modalità delle procedure. Il mese di agosto non lo abbiamo scelto noi ma imposto dalle norme di legge che regolano la materia. Il Pubblico Ministero che ha proceduto al sequestro dei beni a metà luglio sapeva benissimo che la richiesta di riesame dei difensori soggetta a decadenza se non proposta nei dieci giorni avrebbe portato la decisione in agosto e, se non adottata dal Tribunale del Riesame sarebbe anch’essa decaduta. Ma vi è di più a smentire i sospetti di Capacchione. I difensori degli eredi Passarelli hanno dichiarato di volersi avvalere della sospensione dei termini del periodo feriale e richiesto al Tribunale di rinviare il procedimento ad una udienza del periodo ordinario. Il Tribunale lo avrebbe fatto se non ci fosse stata una disposizione interna che imponeva di trattare in ossequio ad una sentenza della Corte di Cassazione di cui non si capisce né la ratio né l’interesse da raggiungere che riteneva non applicabile la sospensione dei termini a determinati processi ufficializzando così, se ce ne fosse stato bisogno, l’esistenza nella nostra legislazione del secondo binario di giustizia”.


CONSIDERAZIONE

Conosco ed aprezzo sia Rosaria che la sua famiglia, ma una telefonatina all'avvocato Giuseppe Garofalo.... ci voleva , anche perchè si conoscono da tanti anni . Non ti arrabbiare se ho scritto questo.    

ARMIERE DEI CASALESI FERMATO D'ANIELLO

Oggi 23 agosto 2010, alle ore 07.30 circa, in carinaro (ce), i militari della stazione carabinieri di san cipriano d'aversa (ce) unitamente ai militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia carabinieri di casal di principe hanno tratto in arresto in flagranza di reato Enzo Alessio D'aniello , nato ad aversa (ce), 19.05.1980, ivi residente, incensurato, nullafacente, poiché ritenuto responsabile di detenzione di armi da sparo comuni e da guerra. Nella circostanza, gli operanti dopo aver monitorato l’abitazione facevano irruzione bloccando il d’aniello rinvenendo le sottoelencate armi sottoposte a sequestro, verosimilmente riconducibili al clan camorristico denominato "dei casalesi" per tipologia e quantita':
- pistola marca derringer cal 6 mm starter;
- fucile mitragliatore ak 47 kalaschnikov calibro 7,62, recante matricola 22843f, con calciolo pieghevole, completo di caricatore;
- fucile semiautomatico, privo marca e matricola calibro 12 con canna mozza.
L’arrestato sara' associato presso la casa circondariale santa maria capua vetere (ce), a disposizione dell’autorita’ giudiziaria.

SALVATORE GIANNONE ALLA CELEBRAZIONI DELL'OLIMPIADE DEL 60 A CASERTA

Il velocista Salvatore Giannone, triestino di nascita, negli anni ’60 atleta della Partenope Napoli, ma casertano di adozione visto che da oltre quaranta anni vive nel capoluogo di Terra di Lavoro, alle Olimpiadi di Roma componente della staffetta 4x100, è stato designato come ultimo frazionista della simbolica ministaffetta in programma stasera martedì 24 agosto lungo il corso Trieste, animata dai tedofori che esattamente 50 anni fa si dettero il cambio per accompagnare il viaggio sul percorso in provincia di Caserta della fiaccola olimpica proveniente dalla Grecia e diretta a Roma. Giannone corse la finale allo Stadio Olimpico nella capitale l’8 settembre 1960 con un quartetto che, oltre a Sardi e Cazzola, vedeva in gara, nella frazione finale Livio Berruti, trionfatore nella “storica” prova dei 200 metri piani. La staffetta azzurra in 40”netti finì al quarto posto, preceduta dalla Germania, cui andò l’oro, dall’allora Urss e dalla Gran Bretagna.

“E’ una grande soddisfazione, in occasione della rievocazione storica del passaggio della fiaccola olimpica, schierare un atleta protagonista diretto dei Giochi Olimpici di cinquanta anni fa –sottolinea il presidente del Coni provinciale Michele De Simone- e, anzi, abbiamo già rivolto l’invito a Livio Berruti di venire a Caserta in un’altra manifestazione del della grande Olimpiade di Roma in modo da ricreare, se possibile, una opportunità di ricordo ancora più significativa”. “A Caserta, oltre a Giannone, risiede ormai da decenni un altro reduce dai Giochi di Roma, il cestista Giovanni Gavagnin -.prosegue il dirigente sportivo-, impossibilitato a partecipare alla rievocazione perché fuori sede, ma sarà presente sicuramente ad altri appuntamenti celebrativi”.

Il programma della rievocazione storica del transito del fuoco di Olimpia in Terra di Lavoro prevede l’accensione della fiaccola martedì 24 agosto alle 19.30 nel salone d’onore del Coni in via Colombo, da dove partirà il primo tedoforo dando il cambio al successivo all’angolo con il Corso Trieste, dove con un itinerario in andata e ritorno fino a piazza Dante si svilupperà la ministaffetta con la partecipazione di venti tedofori di 50 anni fa. Si tratta di Eduardo Gatta di Aversa, Pietro Leonardo di San Salvatore Telesino, Paolo Zechender di Caserta, Domenico Colella di Marcianise, Antonio Sparaco di Marcianise, Franco La Spina di Maddaloni, Bruno Massa di Caserta, Nicola Tronco di San Leucio, Armando Maglione di Casagiove, Luigi Longano di Santa Maria Capua Vetere, Lello Aveta di Santa Maria Capua Vetere, Giovanni Iodice di Santa Maria Capua Vetere, Mario Madonna di Caserta, Mimmo Mingione di Caserta, Innocenzo Lombardi di Maddaloni, Angelo Stellato di Capua e Michele Centore di Caserta. Contattati ma impossibilitati a partecipare Giuseppe Batelli, che risiede a Mestre, Vittorio Bodenizza di Santa Maria Capua Vetere, Aniello Cerreto di Maddaloni e Biagio De Lucia di Caserta, che risiedono a Roma.

L’arrivo è fissato al Palazzo della Provincia, dove, nell’androne, verrà acceso il tripode olimpico. Successivamente verrà inaugurata una mostra di foto e ritagli di stampa dell’epoca e, infine, nell’aula consiliare della Provincia il Presidente Domenico Zinzi con il presidente del Coni Michele De Simone e le altre Autorità festeggeranno i tedofori partecipanti alla rievocazione. Nel corso dell’incontro la presidente della Società Italiana di Storia dello Sport Angela Teja terrà un discorso celebrativo. Interverranno anche i rappresentanti degli altri organismi che patrocinano le celebrazioni, tra cui Alberto Zaza d’Aulisio presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, Antonio Giannoni presidente della sezione dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport, Giuseppe Bonacci, presidente del Panathlon Club Terra di Lavoro.

A far da corona alla kermesse un gruppo di ragazzi dei Centri di Avviamento allo Sport della provincia di Caserta e due coppie di figuranti in costume settecentesco, messe a disposizione dalla Associazione Favole Seriche di San Leucio, di cui è presidente Giuseppina Raucci, reduce dai successi della trasmissione su Rai1 “I Borbone si raccontano”, in cui ha presentato splendidi costumi settecenteschi in seta di San Leucio.