La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

venerdì 4 aprile 2014

GUARDIA DI FINANZA DI CASERTA: “TASK FORCE” PER IL CONTRASTO ALLA MINUTA VENDITA DI SIGARETTE DI CONTRABBANDO.

La Guardia di Finanza di Caserta prosegue, con metodica determinazione, nell’incessante 
lotta al contrabbando di sigarette, fenomeno storicamente radicato sul territorio della 
Provincia che, dopo un periodo di forte calo, appare in preoccupante ripresa, favorita dal 
perdurare della crisi economica che ha colpito il Paese. 

Le Fiamme Gialle casertane hanno istituito una vera e propria “task force” per contrastare 
l’illecito fenomeno, particolarmente diffuso nei comuni limitrofi a quello di Caserta, nell’area 
di Capua e soprattutto nelle zone del litorale domizio e dell’agro aversano, confinanti con i 
paesi dell’hinterland napoletano. 

Dall’analisi degli elementi informativi relativi allo specifico comparto operativo, è emerso 
che nei primi tre mesi di quest’anno il contrabbando di sigarette è più che raddoppiato 
rispetto allo stesso periodo del 2013. 

Nel corso dei 60 interventi effettuati dai finanzieri, sono stati denunciati all’Autorità 
Giudiziaria 48 soggetti, di cui due tratti in arresto. Oltre 300 Kg. di “bionde” di 
contrabbando sono state sottoposte a sequestro ed è stato accertato un consumo in frode 
di ulteriori 200 Kg. di t.l.e.. 

Il dato allarmante riguarda la tipologia delle “bionde” sequestrate, quelle che in gergo le 
chiamano “cheap white'” e, cioè, sigarette prodotte legalmente in alcuni Paesi dell'Est e 
del Medio Oriente, spesso con pacchetti molto simili alle marche più conosciute ed 
acquistate in Europa, non ammesse alla vendita all'interno della Ue perché considerate 
non rispondenti agli standard di sicurezza comunitari e, quindi, estremamente nocive per 
la salute degli ignari consumatori. Queste sono sempre più diffuse sulle bancarelle, anche 
perché in tempi di crisi economica il loro prezzo, che può essere più basso anche di 2-3 
euro rispetto ai “pacchetti” tradizionali, sembra incoraggiare il mercato clandestino del 
contrabbando. 

Basti pensare che solo in quest’ultima settimana la Compagnia di Mondragone ha posto 
sotto sequestro oltre 10 kg di tabacchi lavorati esteri ed effettuato controlli nei confronti di 
più di 50 cittadini extracomunitari e 10 veicoli proveniente dall’est Europa, dove insistono 
le principali basi di partenza delle sigarette contraffatte e di contrabbando. 

Nessun commento: