La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

lunedì 19 maggio 2014

RAPINE AGGRAVATE - LA PROCURA DI SANTA MARIA CV CHIEDE ED OTTIENE 6 FERMI

Nei giorni scorsi i carabinieri della Stazione C.C. di Macerata Campania hanno eseguito un
decreto di fermo del Pubblico Ministero emesso dalla Procura della Repubblica di Santa
Maria Capua Vetere, nei confronti dei primi quattro soggetti di cui al separato elenco, a
carico dei quali vi erano gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di rapina aggravata
dall'uso delle armi.
A seguito della procedura di convalida del fermo del p.m., il GIP del Tribunale di Napoli
Nord (competente in quanto i fermi sono stati eseguiti in quel circondario) ha applicato in
relazione a tali indagati misure cautelari custodiali.
Nell'ambito del medesimo procedimento penale, valutate le ulteriori risultanze probatorie,
sono state inoltre emesse due ordinanze di custodia cautelare in carcere (quale
aggravamento della misura degli arresti domiciliari) nei confronti di altri due indagati, già
detenuti in regime di arresti domiciliari per i medesimi fatti.
Tali provvedimenti coronano un'attività investigativa volta a identificare gli autori della
rapina a mano armata compiuta il 20 novembre 2013 in danno della gioielleria "Momenti
d'Oro" di Macerata Campania, nel corso della quale furono sottratti gioielli per un valore
stimato in 300.000 euro circa.
Le prime indagini permettevano di identificare e di arrestare i due esecutori materiali e i
due basisti, notati dalla vittima in più occasioni prima della rapina.
Successivamente, l'analisi del materiale rinvenuto nelle perquisizioni e le dichiarazioni
degli arrestati ha consentito:
- di giungere all'identificazione di altri quattro soggetti coinvolti nella rapina, tra cui i due
compiici a volto coperto penetrati all'interno della gioielleria e altri due partecipi, che
fungevano da palo;
- di acquisire ulteriori elementi a carico dei soggetti già individuati fin dall'inizio quali
"basisti" che sono risultati aver procurato le armi utilizzate (entrambe risultate armi
vere).
Particolare di rilievo nell'intera indagine, già sottolineato in occasione del precedente
provvedimento cautelare, è il commento carpito all'indagata CARANDENTE che
confermava il possesso, da parte del commando, di armi vere, pronte a sparare. In
particolare la donna commenta così l'ipotesi dell'incontro con una pattuglia di carabinieri
durante la rapina prospettatole dall'avvocato: "...e ma ci lasciava la pelle...i ragazzi chestavano con me erano molto timorosi... manco li cani c'era un conflitto a fuoco. ..io ti
coprivo... però... uno ha il diritto di fare fuoco sui carabinieri... giustamente si facevano la
cartella...", evidenziando di non avere alcuna remora o scrupolo a fare uso delle armi
contro i militari.
Ulteriori accertamenti sui legami familiari hanno permesso di acclarare un legame di
consanguineità tra un componente del gruppo e il clan Abbinante operante nel comune di
Marano di Napoli e vertice del cartello degli scissionisti.
Il provvedimento, che ha sancito la definitiva disarticolazione di un gruppo criminale
dedito alla commissione di rapine, e costituito da ben otto persone, rientra nell'ambito nel
quadro di una serie di attività svolte dal Comando Provinciale dei carabinieri di Caserta e
coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua
Vetere, volte al contrasto del pericoloso fenomeno dei reati co^ro il patrimonio, in
particolare quelli commessi con l'uso della violenza

SOGGETTI AI QUALI E' STATA APPLICATA MISURA CAUTELARE
1. SPERANZA Mariano, nato a Napoli il 10.5.1991;
2. DE FELICE Gennaro, nato a Napoli il 31.1.1991;
3. DI ROSA Paride nato a Mugnano di Napoli il 6.9.1983;
4. SCOTTI Fortunato nato a Napoli il 23.9.1985;
5. PALUMBO Maria, nata a Mugnano di Napoli il 12.10.1987;
6. DALIZZO Ciro, nato a Portico di Caserta il 4.6.1978.

Nessun commento: