La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

lunedì 6 luglio 2015

Operazione “SECURITY” TREMANO I POLITICI DELLA CAPITALE - ARRESTATO FABRIZIO MONTALI

GUARDIA DI FINANZA ROMA. ARRESTATO L’IMPRENDITORE FABRIZIO MONTALI, SEQUESTRATE LE AZIENDE DEL GRUPPO “METRONOTTE”, OPERANTE NEL SETTORE DELLA SICUREZZA E DELLA VIGILANZA PRIVATA, DEL VALORE STIMATO IN OLTRE 94 MILIONI DI EURO, E LE DISPONIBILITÀ DI ALTRI 6 INDAGATI PER ULTERIORI 60 MILIONI DI EURO.

Al termine di complesse attività di polizia giudiziaria e tributaria, i Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato questa mattina l’imprenditore di origini siciliane Fabrizio MONTALI, indagato per una serie di reati tributari, trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori, dominus del noto gruppo societario romano “METRONOTTE”, leader nel settore della sicurezza e della vigilanza privata. L’inchiesta, denominata SECURITY, coordinata dalla Procura della Repubblica capitolina, è stata condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, ed ha consentito di accertare come il predetto risultasse l’effettivo e unico titolare di tutte le aziende costituenti il gruppo “METRONOTTE”, attraverso lo schermo di otto società cooperative. Attraverso tale sistema, MONTALI - già conosciuto alle cronache giudiziarie per i suoi legami, diretti ed indiretti, con il più noto NICOLETTI Enrico, cassiere della “Banda Della Magliana”, a causa dei quali, nel 2003 e nel 2005, era stato colpito da provvedimenti cautelari reali – era riuscito a consolidare, nel tempo, una holding con oltre 800 dipendenti (dato riferito al 2009) che assicurava servizi di sicurezza e vigilanza anche in favore di numerosi enti pubblici ubicati a Roma. Le indagini svolte hanno consentito di individuare articolate e molteplici operazioni societarie, poste in essere con l’intento di dissimulare il suo ruolo di “deus ex machina” del gruppo. L’ultima, nell’ottobre 2014, ha riguardato la cessione di una società a prestanome al solo scopo di aggirare il provvedimento interdittivo emesso appena 4 giorni prima dalla Prefettura di Roma, che aveva documentato “situazioni relative a tentativi d’infiltrazione mafiosa”. Più in particolare, gli investigatori delle Fiamme Gialle hanno, in primis, analizzato l’operazione attraverso cui l’ISTITUTO DI VIGILANZA NUOVA CITTÀ DI ROMA, una delle società cooperative del gruppo METRONOTTE, aveva rilevato, al prezzo irrisorio, peraltro neppure del tutto saldato, di 3,5 milioni di euro – a fronte di un valore di avviamento periziato per oltre 15 milioni di euro – esclusivamente la parte in bonis di una società cooperativa, l’ISTITUTO DI VIGILANZA CITTA’ DI ROMA, lasciando, in capo a quest’ultima, le cospicue Comando Provinciale Guardia di Finanza Roma 00141 Roma, Via Nomentana 591 Tel  06.87022372 Fax  06.87022364 esposizioni debitorie verso l’Erario, di natura fiscale e previdenziale, quantificate in oltre 9 milioni di euro. Il progetto criminoso del MONTALI, pianificato e realizzato anche grazie al contributo di un commercialista romano e di ulteriori 5 soggetti, tutti indagati, veniva portato a compimento attraverso la variazione della denominazione sociale della cooperativa cedente (ora MOVI.LAN.), l’intestazione della legale rappresentanza ad un prestanome straniero ed il successivo trasferimento della sede legale in Romania, impedendo, così, all’Erario italiano ogni possibilità di riscossione. In tale contesto, gli accertamenti svolti hanno permesso, da un lato, di verificare il mancato versamento, per oltre € 800.000,00, del corrispettivo pattuito per la compravendita e, dall’altro, di appurare come due degli indagati – tra cui il menzionato commercialista - si fossero fraudolentemente appropriati di somme, per circa € 900.000,00, effettivamente corrisposte dall’impresa cessionaria alla cedente e da questa veicolate, sine titulo, a parenti, amici, vicini di casa dei due citati indagati. Parallelamente alle indagini di polizia giudiziaria, sono state avviate cinque verifiche fiscali, nel cui ambito sono emersi ingenti debiti tributari contratti da tre cooperative del gruppo societario, quantificati in oltre 14 milioni di euro, e riscontrato il ricorso sistematico all’emissione e/o utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, con la finalità prevalente, da parte del MONTALI, di approvvigionarsi di risorse finanziarie – anche mediante l’indebito utilizzo di carte di credito aziendali - da destinare a finalità strettamente personali, come la partecipazioni a gare automobilistiche di rilevanza nazionale. L’operazione SECURITY si è conclusa, sul piano penale, con la segnalazione all’Autorità Giudiziaria di 14 persone fisiche, a vario titolo coinvolte, per i reati di fittizia intestazione di patrimoni, emissione e utilizzo di false fatture, omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali, omesso versamento di ritenute ed iva, indebita compensazione di tributi, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, appropriazione indebita aggravata, falso documentale. Sulla scorta dei plurimi elementi indiziari raccolti, confermando la fondatezza dell’ipotesi accusatoria e la sussistenza delle esigenze cautelari prospettate dal Pubblico Ministero, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti del MONTALI, il sequestro preventivo dell’intero capitale sociale e del patrimonio aziendale del gruppo METRONOTTE, dal valore stimato per oltre 94 milioni di euro, nonché il sequestro per equivalente, fino alla concorrenza di circa 60 milioni di euro, nei confronti dei beni, di qualunque natura e provenienza, risultanti nella titolarità di altri 6 indagati. In esecuzione di tale provvedimento, sono stati sottoposti a sequestro, nelle province di Roma, Milano, Genova, Ancona, Bologna, Alessandria, Perugia e Crotone, sino a concorrenza del profitto da reato, i saldi attivi di conti correnti intestati agli indagati, 11 unità immobiliari, partecipazioni societarie e 7 autovetture. 

Nessun commento: