La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

giovedì 23 novembre 2017

SANTA MARIA CAPUA VETERE- IL RICORDO DI GIANNI VECCIA PATER FAMILIAS - VENERDI' ALLE 18.30 IL TREGESIMO NEL DUOMO DI SANTA MARIA CV


L'IMPRENDITORE GIANNI VECCIA CON
LA SIGNORA ANGELUCCI E
LUCA ROSSETTI  
Nella enciclopedia italiana della Treccani autentica opera d’arte della lingua italiana, ma anche romana, il pater familias è, secondo l’espressione latina romana, l’equivalente all’italiano di padre di famiglia. Giovanni Veccia, per gli amici Giannino è stato il vero capo buono della sua famiglia, che ha accompagnato per gradi ad una agita conoscenza della vita sociale contorniata da una elegante e signorile rapporto con il prossimo, dando luce a chi è stato al suo fianco.

La sua capacità imprenditoriale è stata al centro delle innovazioni che portato non solo Santa Maria Capua Vetere, ma anche Caserta a livelli di conoscenza non solo nazionale ma anche europea.

Il suo disegno è stato come un segno indelebile in una città come quella di Caserta che incredula ha assistito ad una apertura di una nuova collezione in una autunnale serata del 26 novembre dello scorso anno.

“Hai combattuto contro te stesso continuando a camminare per la tua strada e non ho accettato il modo in cui ci hai lasciato. Non ti ho voluto vedere alla fine del tuo percorso, perché questo mi ricordava mio padre.

Non ti dico Ciao, ma arrivederci perché noi ci rivedremo”.  

venerdì 17 novembre 2017

SCANDALO ALLA RAI - DANIELE PIERVINCENZI NON E' UN GIORNALISTA E NON E' NEANCHE CONTRATTUALIZZATO !!! E' UN PRECARIO

Vengono oramai alla luce i risvolti della vicenda che ha aperto polemiche, ma soprattutto prese di posizioni di colleghi giornalisti i quali addirittura sono andati a manifestare ad Ostia contro quei soprusi , ma poi quando si scopre che Danieli Piervincenzi era andato per conto di qualcuno a provocare Roberto Spada , che quel gesto non lo doveva fare, non in qualità di giornalista rai, allora caro giudice che hai indagato sul caso,   per coloro che gestiscono il servizio pubblico e mandano allo sbaraglio persone che non hanno nessuna caratura giornalistica, che reato c'è che pena c'è che mafia è questa !!!. Mi dispiace per un amico giornalista  Carlo Verna  che ci ha messo la faccia perchè me lo ricordo quando  solcava le piscine casertane  per eseguire la cronaca degli incontri di pallanuoto a Santa Maria Capua Vetere e Caserta, io ero un dirigente del Volturno Sporting Club, mi dispiace per un amico d'infanzia  oggi Vice direttore della rai a Napoli Carlo De Blasio, ma non mi dispiace per tanti Pippo Pelo maschi e Pippe Pele femmine che sono andati soltanto per fare passerella , ma ciò che è stato svelato nel corso della commissione di vigilanza della rai da un onorevole del pd, mi fa pensare che ll'interno di mamma rai c'è qualcosa che non torna. Ma doppiamente   la figura di melma è stata fatta da Nemo  e soprattutto dai direttori giornalisti che appartangono alla "casta rosata" avvallano  programmi come nemo. Oseremo dire per rimanere in tema di dagospia che ha pubblicato l'agenzia e lo linkiamo qui sotto, CHE CAFONAL!!

ecco il link 


giovedì 16 novembre 2017

POLITICA A SANTA MARIA CAPUA VETERE - LA NOBILE DECADUTA IN MANO A PIVELLI DI PRIMO PELO CHE ADDIRITTURA MILLANTANO CREDITO CON POLITICI NAZIONALI - COME SIAMO CADUTI IN BASSO

Non sapevo di essere una blogger e un giornalista da destare interesse sull’opinione pubblica nel pubblicare i miei pensieri su una città, pardon paesone, di Santa Maria Capua Vetere che di giorno in giorno è sempre più agonizzante. Non è che altre cittaà e paesi della provincia di Caserta se la spassano in maniera diversa, ma quello che ieri  ho visto, letto, sentito ma anche lo sparlare di continuo , perché a Santa Maria Capua Vetere se ne fa un uso continuo, mi fa rabbrividire .  
 Dove è la citta’ di cultura , se non fosse per qualche iniziativa in città la fanno da padrone i circoli dove si fa un uso indiscriminato dei tavoli da gioco . Dove è la città imprenditoriale , a Santa Maria Capua Vetere  si parla e si produce soltanto munnezza e si fanno soldi con il sistema di fatturazione falsa sotto gli occhi di addetti ai lavori. Dove è la citta politica che per certi versi ha formato, ma adesso non forma più, uomini politici di rango , sostituiti oggi da quaquaraquà di rango che millantano soltanto credito che non hanno. Basti pensare che allo Iacp il rione dove i sindaci venivano eletti con il maggior numero di preferenze, uno pseudo consigliere  comunale si era preso a cuore la situazione sociale del rione ma alla prima operazione politica comunale  ha messo le corna agli elettori che lo avevano votato approvando lavori in altre zone . Da qui il putiferio che secondo qualcuno si è consumato con una infamità. Ma ce ne sono altri che addirittura millantano il nome di Matteo Salvini e poi che fanno? Osannano il consigliere Luigi Bosco che sostiene il presidente della Regione Campania De Luca? A me sembra che c’è una storpiatura, se lo sapessero i vertici compreso Matteo Salvini, come è fatto lui ,   lo prenderebbe a calci nel culo a lui e al giornalista che gli ha pubblicato ciò che ha scritto.

 Purtroppo santa Maria Capua Vetere vive in una realtà tutta sua , e i sammaritani  vivono  in una realtà lontana  dal centro cittadino per paura di essere individuati da altri i quali gli fanno in conti in tasca. Ma una certezza c’è che  nessuno è considerato nelle stanze dei bottoni provinciali , regionali e nazionali e tutto questo si fa con il benestare dei giornaliti che ogni giorno vengono  "rosati" dai personaggi politici amministrativi .   

NASCE UNA NUOVA IDEA - CARO RINO SPERIAMO ......... CHE TE LA CAVI !!!!

Hai inseguito per diverso tempo il tuo fiuto artistico ed alla fine è giunto il momento per raccogliere i veri frutti di una vita che è stata per certi versi caratterizzata da vicissitudini solcandola in modo indelebile .
Caro Rino è giunto il momento di dire  - “ ci sono anche io e voglio starci con tutta la mia arroganza”.
 Hai sofferto, ma l’amicizia e soprattutto la conoscenza che ci lega da oltre 40 anni ci ha permesso di frequentarci e confrontarci ogni volta ci incontravamo.
 Forse un po' di umiltà ti mancava, la stessa che ti ha fatto da coronamento per iniziare il tuo percorso interrotto da diversi anni .

 In culo alla balena e speriamo…… che te la cavi !!!! 

ASSOLTO MANLIO DONADONI E IL SUOI SOCI . ERA STATI CONDANNATI IN PRIMO GRADO A 4 ANNI DI RECLUSIONE PER BANCAROTTA . PER I GIUDICI NAPOLETANI IL FATTO NON SUSSISTE .



 Assolti perché il fatto non sussiste . E' stata emessa nel tardo pomeriggio dal Tribunale di Napoli seconda sezione della Corte di Appello presidente Alabiso la sentenza  di assoluzione nel procedimento penale a carico di Donadoni Manlio (di anni 60), difeso dall’avvocato Barletta,  Sacco Vincenzo (di anni 63) e Di Mauro Alfredo (di anni 75), imputati  e condannati in primo grado per  bancarotta fraudolenta per avere, secondo l’accusa  distratto ed occultato beni della fallita DONATAB s.r.l. negli anni '90 (tra cui terreni, partite di tabacchi, somme di danaro in Svizzera, somme di danaro derivate da locazioni di complessi aziendali in zona Lo Uttero di Caserta, somme di danaro per vendite di beni a prezzi simulati tra cui l'opificio industriale venduto alla ETA s.r.l. di via Ferrarecce di Tedeschi Ovidio e Landolfi Alessandro, ed altro), per importi rilevantissimi (svariati miliardi delle vecchie lire).

La Seconda Sezione Penale del Tribunale di S. Maria C.V., Presidente Dott. Picardi, aveva  Donadoni Manlio alla pena di anni 6 di reclusione, Sacco Vincenzo alla pena di anni 4 di reclusione e Di Mauro Alfredo alla pena di anni 4 di reclusione, oltre pene accessorie ed inabilitazioni commerciali. Gli imputati sono stati altresì condannati al risarcimento del danno nei confronti della parte civile, ma tutto questo è stato cancellato . 

mercoledì 15 novembre 2017

SANTA MARIA CAPUA VETERE PROVE TECNICHE DI DIMISSIONI - CARO SINDACO DI SANTA MARIA CAPUA VETERE ………. QUANTO MI FAI RIDERE !!!


 L’avrei saputo fare anche io il sindaco dopo tutto quello che era successo in città . Ma la cosa più strana e che il sindaco ( siamo intesi e non professionista) non ha capito che oramai il suo tempo politico è concluso e non ha più carte positive per poter vincere. Come in un tavolo di schemen de fer i suoi punti sono sempre inferiori agli altri e le “ rosate “ dei suoi  amici non bastano più,  perché chi gioca alla punta ha sempre quell’otto e il nove che lo rende 
vincitore su di lui . In questa massima nostalgica prenatalizia si gioca anche a Caserta una credibilita’ dove il suo amichetto del cuore tale “Gigetto” da Casapulla lo vogliono cacciare da terra di lavoro perché ha tradito gli schemi di un pd provinciale che si sta leccando ancora le ferite. Ma i casertani però non gliela danno buona ed hanno chiesto al quel galantuomo di Carlo Marino di metterlo alla porta. Ecco quindi che lui visto che quando va in bagno evacua vermi si è andato a raccomandare dal papa  Mirabelli che con una benedizione sta cercando di tranquillizzare un pd orami alla frutta.
 Gigetto però a Santa Maria Capua Vetere continua a galvanizzare con cazzate varie i sammaritani fessi che si credono il ciuccio che vola con i suoi amici giornalisti i quali pendono dalle sue labbra soltanto se alza il telefono e dice  sono l’assessore  Bosco.
Non è così a Caserta  perché i casertani lo tengono alla larga per le note vicende giudiziarie che gli sono capitate che guarda caso è stato difeso proprio dal sindaco.

Caro Antonio senti un consiglio da uno che ne ha passate tante. Dimettiti ne guadagni di prestigio professionale, sociale ed intellettuale, perché adesso devi onorare le cambiali politiche con la ristrutturazione del tribunale di Santa Maria Capua Vetere e tua moglie o addirittura la tua governante avrà  un gran da fare per cucire le giacchette stracciate visto che tele tirano a destra e a sinistra !!!!

SANTA MARIA CAPUA VETERE - LA RISTRUTTURAZIONE DEL TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE VALE UN MILIONE E SEICENTO MILA EURO

Dopo trensette anni  dalla sua fabbricazione , il tribunale di Santa Maria Capua Vetere  sarà ristrutturato . La notizia si apprene da un bando di gara non europeo che è stato pubblicato dulla gazzetta uffciale il giorno 13 novembre 2017e reso pubblico ieri mattina attrverso una pubblicazione anhe via internet. Il tutto per la modica cifra di Euro 1.677.277,48 .
I partecipanti alla gara potranno consegnare le buste entro il 19 dicembre 2017 alle ore
12.30.
Ecco il link
http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/11/13/TX17BFC20305/S5

giovedì 9 novembre 2017

FEDERICO CAFIERO DE RAHO DIVENTA IL “CRY FREEDOM” DI UNA NAZIONE E DI UN POPOLO


Era il 31 gennaio 2013 quando la nomina a procuratore capo della Dda di Reggio Calabria fece il giro d’Italia dopo che Lei aveva concluso quell’iter giudiziario- istituzionale presso la Dda di Napoli . In quell’occasione il suo incarico lo equiparai come ad un grido di liberta’ quel “Cry Freedom” che  molti cittadini aspettavano  con risposte concrete attraverso un iter giudiziario – istituzionale e lei prima,  ma anche  nei  cinque anni di onorata nomina trascorsi a Reggio Calabria,  ha dato fino a qualche giorno fa senza togliere nessun merito ad altri magistrati che si sono battuti come lei per legalità nel nostro paese. Anche d’estate e in quel di Roccella Ionica, dove mi recavo durante i mesi estivi, sui giornali regionali e nazionali il suo senso della legalità si toccava con mano ma soprattutto  anche mediatico. La sua nomina a Procuratore Nazionale Antimafia  è senz’altro un coronamento di un successo giuridico – istituzionale  fatto di sacrifici e tanta caparbietà nel concludere le indagini  contro la criminalità organizzata a cui  Lei ha saputo essere credibile a chi forse aveva perso il senso di legalità in quella regione . La sua signorilità l’ha contraddista con gli altri, nell’esporre qualsiasi atto a cui aveva eseguito una indagine. Ha ridato speranza e coerenza a chi per un periodo è stato frastornato da cadute su bucce di banane , ma poi “ risuscitato  nella legalità”.
Non vorrei divulgarmi tanto ma è d’obbligo “un inchino” sotto forma di saluto ed un "in culo la balena" che le ha portato fortuna dal 31 gennaio 2013 giorno in cui gli scrissi spontaneamente sul mio blog e linkato qui sotto , qualche riga per la sua nomina a Procuratore capo della Dda di Reggio Calabria.           

Con profonda stima e rispetto
Prospero Cecere


PS – Sarebbe il caso che la migliore trasmissione della Rai “ in mezz’ora “della Signora Lucia Annunziata si interessasse e gli dedicasse qualche frazione di tempo per un risultato giustamente meritato.   


IL LINK DEL 31 GENNAIO 2013

venerdì 3 novembre 2017

OPERAZIONE AZIMUT - ASSOLTO IL GEOMETRA SCHIAVONE - AVEVA FATTO UN SOPRALLUOGO NELLA MASSERIA DI CELLOLE - I GIUDICI NORMANNO-PARTENOPEI HANNO SENTENZIATO - FRANCESCO SCHIAVONE NON E' UN CAMORRISTA !!!

Per Francesco Schiavone omonimo del capo del clan dei casalesi, stavolta i giudici del tribunale di Napoli  Nord hanno creduto alla tesi dell’avvocato Alfonso Baldascino. Il geometra  stimato professionista,  che era stato accusato di associazione camorristica finalizzata all'estorsione per un sopralluogo eseguito nell'esercizio della sua professione, è stato assolto in formula piena dai giudici normanni- partenopei.  Il pubblico ministero della Dda di Napoli nel corso della sua requisitoria qualche giorno fa  aveva chiesto una condanna esemplare  9 anni di reclusione che si è  tramutata dai giudici del tribunale di Napoli Nord in una soluzione in formula piena .
 Ma veniamo ai fatti .    
Qualche anno fa Raffaele Tonziello proprietario di una masseria in Cellole loc. Casamare, secondo gli atti in possesso della Dda di Napoli, dopo aver contattato appartenenti alla famiglia Zagaria – Schiavone , si era rivolto ad un professionista geometra per eseguire un sopralluogo su questa masseria che era stata di proprietà del Tonziello , ma la stessa era  venduta all’asta ad Angelo Tagliatela e Vincenzo Gallo che guarda caso risultano essere indagati nell’operazione Azimut nel marzo 2017  .  Ignaro di quanto era   accaduto in precedenza il professionista Francesco Scvhiavone  si reca sul posto per eseguire il sopralluogo e la valutazione della masseria che doveva essere intestata ad una società fittizia legata al Tonziello. Da qui il legame anche con Salvatore Borrata a chi sono stati richiesti i 9 anni di reclusione, secondo la DDa di Napoli . L’esito dibattimentale ha chiarito che non ci fu nessun legame fra Borrata  lo stimato geometra Schiavone perché il professionista non è mai stato inserito in una associazione di stampo camorristico e ne con la sua valutazione della masseria aveva consumato una estorsione .


venerdì 13 ottobre 2017

POLITICA A CASERTA - PROVE TECNICHE DI "ROSATELLUM " IN TERRA DI LAVORO - VOINCE MAGLIOCCA MA CON IL MENEFREGHISMO DELLA SINISTRA E DEL CENTRO SINISTRA - VOTANO SOLTANTO I NULLAFACENTI.

Secondo me, ma anche altri, ieri sera è finita per sempre la V repubblica e si da vita alle tante orge politiche non solo di stato ma anche regionali , soprattutto provinciali visto la vittoria dell’ex sindaco di Pignataro maggiore e comunali che, guarda caso , e c’è una farfallina che gira su Piazza Vanvitelli, domani sarà l’ultima di Carlo Marino come sindaco di Caserta visto che si vota il bilancio .  
 Cari Egregi casertani, cittadini della provincia , delle Regioni e dello Stato visto che il grullo di Pontassieve e il ratman di Arcore hanno pensato soltanto ai fatti loro e cioè quello di fare un matrimonio gay alla camera di deputati con lesbiche e omosessuali e poi anche al senato mettendo da parte gli uomini con la U maiuscola  e Donne con la D maiuscolo che in questo stato di ex diritto non possono più starci.

Già, perché la prima del Rosatellum è andata in onda proprio ieri sera nella provincia più chiaccherata di D’Italia con la vittoria del candidato di centro destra Giorgio Magliocca che guarda caso ha passato 11 mesi in carcere, ma poi è stato assolto in formula piena dalla corte di appello di Napoli per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Per Giorgio senz’altro c’è un grande merito quello di combattere fino all’ultimo fendente per poi affondare il colpo con maestria, ma certamente non era solo. Una domanda, però,   sorge spontanea per dirla alla Lubrano ( non quello di Pignataro maggiore s’intende ) quale è il prezzo che deve pagare a favore di Forza Italia che oggi , anzi ieri ha celebrato il matrimonio gay tra il Grullo di Pontassieve e il Ratman di Arcore che ha rovinato una provincia e una regione dando adito al “muccusiello” napoletano  di sponsorizzare un libro dove una casa milanese ha messo la firma  a discapito delle 500mila e più famiglie che non trovano più pace non solo in italia , ma anche nel mondo .
 Ecco tutto questo non si poteva fare senza il benestare di giornalisti , direttori di giornali , direttori di servizi nazionali giornalistici che rubano i soldi agli italiani che dicono soltanto fesserie per dare adito al secondo compromesso storico, perché per il primo ha pagato soltanto Aldo Moro.

Per questo sono sempre convinto che oggi il migliore è sempre Luigi Di Maio e tutto il movimento 5 stelle che guarda caso non si è presentato alle elezioni provinciali, segno questo che si pensa soltanto a Roma perché è li che la battaglia politica si disputa per il paese, ma rimango sempre dell’idea che l’unico programma della rai che si può seguire è quello di Lucia Annunziata su Rai Tre .  

domenica 8 ottobre 2017

CASERTA - ECCO LA VERA STORIA DI QUANTO STA ACCADENDO IN VIA SAN CARLO. I BULLI SAN FELICIANI APPARTENGONO ALLA CAMORRA CON I LORO SCAGNOZZI

C’era una volta via San Carlo chiamata poi via De Dominicis, oggi è stata battezzata, per effetto della calata dei Bulli san feliciani , via San Felice a Cancello . Ebbene dalla scorsa estate 2016 nessuno poteva mai immaginare che i soldi riciclati delle operazioni svolte in quel comune e nei centri limitrofi da parte della camorra politica ed imprenditoriale anche casalese , lo dice l’ordinanza scattata a settembre 2016 della Dda di Napoli   potevano essere investiti in quella strada “ rosando” sui magazzini che erano in difficoltà in quella strada e che chiudevano perché il terziario era oramai alla frutta . Da un anno a questa parte i bulli San Feliciani , perché a San Felice a Cancello vi sono anche persone perbene , quella strada è diventata la nuova movida di Caserta con locali dove addirittura si suonava dal vivo , ma anche all’aperto dove alcuni residenti aveva anche avvisato la polizia municipale e le forze dell’ordine affinchè i proprietari capissero che quel luogo era una strda dove risiedevano anche le famiglie lavoratrice casertane.   Se qualche casertano ricorderà addirittura organizzarono una festa con concerti dove la   spiccava la presenza di artisti napoletani eccellenti. Dall’anno scorso è iniziata una sorta di combutta con i residenti perché oramai i bulli san feliciani si erano comprati tutto il primo tratto di Via san Carlo e si apprestavano a fare ulteriori business con altri proprietari del secondo tratto di Via San Carlo. Da quella estate i residenti non hanno trovato più pace . Per l’amor di Dio via San Carlo era rinata e molte attività commerciali di città che erano oramai sotto terra hanno trovato benessere, ma chi gestiva i nuovi locali erano veri spaccalegna paesani i quali invogliavano anche coloro che erano un po’ titubanti.
Ma un importante nodo da sciogliere era proprio la viabilità e il conseguente rapporto instaurato con alcuni operatori del terziario, poiché addirittura vi erano personaggi poco raccomandabili i quali frequentando e risiedendo la più antica strada di Caserta erano diventati i nuovi padroni della strada senza che ci fosse un controllo da parte delle forze dell’ordine e della polizia municipale. Secondo gli inquirenti Franco De Blasio è stato colui che ha menato il proprietario della pizzeria Donna Sofia era sorvegliato speciale , anche indagato per omicidio.  Qualche giorno fa addirittura in una intervista al comandante nuovo della polizia municipale il Geometra De Simone, che guarda caso è di San Felice a Cancello , lo stesso addirittura ha chiesto la collaborazione dei cittadini per controllare il territorio.  Caro comandante  e collega( sono anche io geometra)  invece di chiedere la collaborazione dei cittadini perché con le autorità competenti giudiziarie non denuncia ciò che sta accadendo a via san Carlo, invece di dare ordini ai suoi di multare addirittura a chi esegue un dovere verso persone disabili casertane?? Il comune di Caserta è l’unica città che emette multe ai figli di persone disabili che accompagnano la propria mamma.

Caro Carlo Marino sindaco di Caserta mandalo a casa, non ti dimenticare che un certo Ferrara imprenditore casalese ed affiliato alla camorra si presentava nel comando della polizia municipale e chiedeva permessi della Ztl per i suoi amici.

giovedì 5 ottobre 2017

ARRESTATO ALL'AEREOPORTO DI CAPODICHINO PERICOLOSO LATITANTE

Si erano cosi bene immedesimati come turisti ma una volta giunti all'aereoporto di Capodichino, hanno trovato ad aspettarli gli agenti della questura di Napoli. 
ma andiamo per ordine . Erano partiti stasera intorno alle 20.00 dall'aeroporto di Ibiza per giungere a Napoli intorno alle 21.30.  Ma il loro viaggio, il latitante era in compagnia della sua compagna , è terminato dopo che i carrelli del Boeing ha toccato terra. La squadra una volta giunto l'aereo si è indirizzata verso il velivolo , dopo che erano stati già avvisati hostess, steward e comandante. Una volta giunto sulla pista il velivolo, dove vi erano i passeggeri, è stato tenuto chiuso e la squadra di polizia  si è dapprima divisa in due squadre, una composta da quattro persone  è entrata da dietro all'aereo e una altra è entrata davanti pronti per intervenire in caso di fuga. Una volta visti gli agenti il latitante si è alzato ed ha fatto segno che era lì in compagnia della sua compagna. Alla scena abbastanza insolita hanno assistito quasi tutti i passeggeri che increduli non si erano resi conto che sono stati testimoni oculari di un arresto eclatante. Dopo alcuni istanti sono scesi i due fermati e trasportati per le operazioni di rito presso la questura di Napoli.

lunedì 2 ottobre 2017

CATALOGNA INDIPENDENTISTA – LA LOMBARDIA E IL VENETO AUTONOMI E IL REGNO DELLE DUE SICILIE CHE COSA E’ ?



Sono stato attento a quanto divulgato negli ultimi tre giorni e sono giunto ad una mia massima che è quella che se la Catalogna, la Lombardia e il Veneto dichiarano la loro indipendenza , anche il sud dovrebbe farlo . Ma andiamo per ordine.  Iniziamo con affermare che il governatore del veneto Luca Zaia ospite di Lucia Annunziata (rimane sempre una delle migliori trasmissioni della rai forse l’unica) ha in ogni caso spiegato a differenza della Catalogna che il referendum sulle autonomie di Lombardia e Veneto è stato deciso dalla Corte Costituzionale sulla base di un ricorso presentato da comitati e Lega . Ma perché la Corte Costituzionale ha deciso per il referendum? Lo diciamo in maniera semplice perché in quegli anni vigeva in Italia  “il renzismo” , cosa è il renzismo? E’ una sorta di cambiamento radicale elevato all’ennesima potenza degli incetrulliti ben pensanti toscani ( come si dice nelle vicinanze di Pontassieve, ma anche nel capoluogo di provincia  ) ,  che non  fumano i sigari, i quali  avevano deciso di cambiare la costituzione , con in testa i catto comunisti,  oseremo dire “inchiummatori” napoletani,  che non sono quelli del Mpd,  che in televisione si sono  messi a parlare della costituzione per cercare di far capire agli italiani che bisognava cambiare . In realtà in questo periodo di tempo proprio perché si aveva sentore che qualcosa bolliva in pentola i nordisti compresi quelli della Lega hanno raccolto le firme e chiesto il referendum, ma non fu accordato ne dal renzismo, ne da altre forze politiche del governo le quali soprassedettero e da qui   il ricorso alla Corte Costituzionale,  che  lasciò a bocca aperta un po' tutti quando decise che il popolo esercitava un diritto costituzionale.  Bene !! anzi male perché oggi sfruttando la Costituzione Italiana che rimane una delle migliori in assoluto il referendum si farà il 22 ottobre 2017 dove milioni di cittadini saranno chiamati a votare sull’autonomia regionale . Ma invertendo gli ordini degli addendi il prodotto non cambia , per dirla in maniera matematica . Cosa significa questo è molto semplice. Se la catalogna in Spagna  ha chiesto si essere indipendente e la Lombardia e il Veneto  hanno chiesto l’autonomia  economica in Italia,  non è la stessa cosa ?? Cosa hai fatto Grullo di Pontassieve ecco perché ti hanno messo a girare per l’Italia !! Perché devi pensare come far conoscere che i lombardi e i veneti hanno sbagliato !!!
Volte sapere cosa penso ?! Penso che se dovesse vincere il centro destra alle prossime elezioni politiche così come molti sondaggi lo danno favorito , alcuni onorevoli e senatori  dovranno  spiegare l’autonomia anche al regno delle due sicilie e a tutto il meridione che  aveva perso la sua autonomia . Quindi penso che il ratman di Arcore con tutti suoi mouse –man farà in modo che  le elezione politiche non le vinca, perché daccordo con il grullo di Pontassieve,  vuole fare il presidente della repubblica  lasciando in balia delle onde i partiti della coalizione .

 Provare per credere meglio Luigi di Maio !!!!