La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 16 gennaio 2018

POLITICA A SANTA MARIA CAPUA VETERE GIGGINO O CASAPULLESE E TONINO L'AVVOCCATO (proprio accussi') SI STANN IUCANN I SAMMARITANI

Che peccato che Santa Maria Capua Vetere abbia fatto una fine o meglio sia caduta in basso tale da non rialzarsi più.
 Doveva essere l’epoca del cambiamento, le promesse e il tocco di qualità  che doveva auspicare una nuova linfa non è avvenuto , non sanno più cosa inventarsi!!!
 E’ troppo brutto assistere ad una città in lento declino! Basti pensare che tutti gli assessori della giunta non sono mai presenti compatti, anzi sembra che fanno a turno in modo da validare la stessa. Santa Maria  Capua Vetere vive una situazione politica che oseremo dire da  rianimazione. E’ vero anche che addirittura ci sono consiglieri comunali  e assessori che pensano soltanto agli affari loro, anzi in questo periodo è riniziata la conta per vedere con chi bisogna buttarsi, non dal fiume, ma con chi partito politico  schierarsi per una manciata di voti o chiedere soldi .
Nessuno è in grado di far fronte alle esigenze della famiglia sammaritana anche perché abituata sempre a u’ bruglio o all’estorsione. I cornn serveno pe’ magna' !!!  
 Personaggi politici che si spacciano per imprenditori che da un punto di vista di reddito non producono neanche un centesimo. E’ stata tutta una presa per il naso le interviste nelle televisioni i programmi politici scritti sui giornali, le strette di mano e i sorrisi e sorrisetti.  

 Fra poco perderà anche il tribunale se non l’ha già perso perché Il tribunale di napoli Nord ha avuto il 290 per cento di aumento delle cause !! che peccato che la città e la provincia di Caserta abbia perso di dignità perché non ci è rimasta neanche quella !!!

HAPPY SLAPPING - ARRIVA A NAPOLI IL MINISTRO MARCO MINNITI E IL CARDINALE CRESCENZO SEPE FA DA GARANTE

A sua Eccellenza   Cardinale Crescenzo Sepe e sopratutto 
Al  Ministro dell'interno Marco Minniti, 
lo so che forse questo post non Lo leggerete o non vi sarà sottoposto, ma intendo , attrverso questo strumento, dare una piccola imbeccata a ciò che sta accadendo nelle strade della nostra regione. 
 Del fenomeno che si sta abbattendo nelle nostre città, me ne sono già occupato molti anni fa quando era ancora in etinere e scrivevo su un quotidiano provinciale. Fui scosso da un racconto di una professionista inglese che eserciatava la sua attività di medico pediatra in uno ospedale di Londra . Ero in vacanza in sardegna e in un noto villaggio turistico di Budoni nel 2004 conobbi questo medico che mi raccontò a tavola, fra una chiacchera e l'altra, cosa stava accadendo nella città Britannica.  Mi disse che stavano succedendo cose strane, perchè in quell'anno vi erano molti adolescenti che giungevano presso gli ospedali per farsi medicare di escoriazioni, ma anche di eccomisi e soprattutto anche di ferite da taglio. Mi raccontava che addirittura già negli anni pregressi molti ragazzi filmavano atti di violenza per poi farli vedere in giro . Un fenomeno che poi in parte, ancora oggi non è stato debellato del tutto. 
Oggi si dovrà decidere il destino di questi ragazzi che hanno subito queste violenze , ma anche di ragazzi che tra loro hannno costituito delle vere e proprie gang da far paura a chi forse non ha nulla da temere . 
 Quale è il rimedio ?  Vi rispondo in maniera secca. I falchi sulle motociclette. Ripristinare , se è stato tolto, il servizio di controllo del territorio attraverso questo ordine di sicurezza che negli anni passati ha sortito in ogni caso  positivamente con i fatti gli episodi di violenza cittadina in modo da spaventarli a non commettere più atti violenti. Una puntura di una vespa vale molto di più di un arresto, perchè è fastidiosa. 
Un secondo indirizzo può essere una azione di reclutamento attraverso anche le parrochie e le chiese sfruttando gli spazi degli episcopi con lo sport e attività didattica. 
Ma soprattutto  entrando nei quartieri e nelle case di questa gente e indirizandoli a non far commettere ai propri igli atti del genere. 
Grazie    

CASERTA E IL FANTOMATICO MATRIMONIO SE NE PARLA CON IL PROFESSOR MONTANARI E IL MINISTRO FRANCESCHINI ALLA 7 CON LILLI GRUBER

Sfocia su la 7 il grande obbrobrio  mai accaduto in un palazzo settecentesco appartenuto ad  una delle più grandi famiglie reali. ma la storia ha ancora degli strascici. 
Il primo punto che oramai è  assodato e che questa evento in primo luogo è partito come cena di gala , poi come un vento di moda e poi infine come un matrimonio . E' come dire .... cari casertani non dovete capire e non potete capire. 
Il secondo è quello che anche a livello politico,  dopo che i casertani si sono espressi a favore e sempre di personaggi politici del centro sinistra come una vecchia conoscenza casertana del tipo il ministro Franceschini legato nei mesi passati politicamente, si intende, all'onorevole Pina Picierno, il quale addirittura ha dichiarato che la reggia ha fatto bene ad affittare per un matrimonio. 
Quindi non era una cena di gala ne un evento di moda e i casertani ma nache quelli che operano nella pubblica amministrazione son stati presi in giro. 
Ma perchè ?! E' molto semplice. Il grande evento del matrimonio era stato richiesto in primis alla sovraintendenza del palazzo reale a Napoli, ma poi non si sa per quale motivo si è preferito farlo a Caserta, forse perchè non abbiamo uomini politici con il polso che non difendono il territorio , o addirittura sono affascinati da quella carta filigranata che ha un profumo inebriante e che fa passare tutti i mali.   

in sintesi vorrei invitarvi a vedere la trasmissione cliccando il link qui sotto 

domenica 7 gennaio 2018

Caserta – IL DIRETTORE MAURO FELICORI “ FURBETTO DEL QUARTIERINO CASERTANO, MA HA AVUT’ A ZUPP’ FOR’ MAN’ DAL BENZINAIO ??


Continua la querelle di scuse e notizie ribattute sui quotidiani regionali e casertani scritti da “ giornalisti unti” i quali per volere di un furbetto del quartierino visto che nei confronti dei cittadini casertani ha fatto una grandissima figura di melma.
Stamattina ed ieri altri due articoli e comunicati che hanno osannato il direttore della Reggia, non fa altro che pensare che tutta la stampa regionale e napoletana e casertana sia stata comprata. Lo dico con un pizzico di amarezza perché tutto quello che è stato scritto, per la verità si sapeva già dall’ottobre scorso quando i giornalisti casertani e napoletani hanno zittito su un accordo fatto dal “benzinaio”  e con un fantomatico console onorario ( se li comprano tutti),  per far felice la piccola figlia che doveva sposarsi con il principe azzurro.
Adesso non mi vengano a dire io non lo sapevo, perché quello che non si sa , si sa troppo bene . Quindi , enunciando la tesi di un famoso matematico, come volevasi dimostrare, il furbetto e  gli amichetti del furbetto del quartierino casertano, sapevano già e hanno avuto a zupp’ for man, perché si sa in questi casi la regalia è d’obbligo. Tutto a discapito dei cittadini casertani i quali hanno assistito “alla svendita dei beni di famiglia “ .
Direttore illustrissimo ma lei lo sa che boss è un gergo che viene usato per catalogare i camorristi ma Roberto Saviano non lo ha spiegato?!. 
Eppoi  lo sa che forse il benzinaio e il console sembra hanno vuto qualche problemino nei precedenti anni ??
Ma i magistrati dove stanno ? perché si attacca il sindaco Carlo Marino  che con una Caserta addobbata per le feste natalizie ha dato dignità ai casertani ?
Carlo Marino è un galatuomo e forse fa bene a tenere alla larga una persona come Mauro felicori , che lo hanno bollato nella sua bologna per le schifezze che ha fatto.
Mauro Felicori è una espressione di Matteo Renzi e dell’ex Ministro Franceschini conoscenza di onorevoli del pd che quando è giunto a Caserta si sono inchinati a 90 gradi ed  hanno preso per culo tutti gli Italiani ed ancora oggi con Mauro Felicori  è rimasta l’unica espressione di una Italia in declino.
Concludendo……. Che vi arrabbiate a fare voi siete gli ultimi!!!!

NB: Penso che ci vorrebbe una rivoluzione come quella del 5 settembre 1969!!!! 

venerdì 5 gennaio 2018

CASERTA - FELICORI - FA IL FURBETTO DEL QUARTIERINO, DA IL VIA LIBERA AD UN MATRIMONIO ALLA REGGIA DI CASERTA ? MEGLIO IL CONCERTO DI PEPPE SERVILLO A ROCCELLA IONICA (UN SUCCESSONE) E QUELLO DI PIETRO CONDORELLI AL COMUNALE DI CASERTA !!!!

Quante polemiche, ma soprattutto quante fesserie sono state dette e scritte sui giornali casertani in merito ad un fantomatico matrimonio fra la figlia di un noto “ commerciante “ napoletano e un figlio del Console di Argentina: per la verità mi sono occupato  di due cose belle avvenute. Il concerto di Peppe Servillo all’International jazz festival di Roccella Ionica  e che verranno  come stasera al Teatro Comunale di Caserta di Pietro Condorelli con la sua orchestra .
Nessuno dei giornali si è occupato di questi eventi che hanno solcato le feste natalizie casertane. Forse perché i colleghi giornalisti non sono stati “unti” tali far pubblicizzare eventi di caratura ben diversa come  quelli che avranno luogo nella Reggia di Caserta. Già perchè nell’articolo di Lidia Luberto magistralmente scritto sul Mattino di oggi 5 gennaio 2018, purtroppo non si fa riferimento a normative di giurisprudenza omettendo decreti ministeriali e articoli di legge con cui la reggia di Caserta può essere “affittata” al modico prezzo di 50 mila euro. Perché è stato omesso questo decreto legislativo ministeriale? Chi ha firmato del governo Renzi questa bruttura? Chi ha preso per il naso  i casertani che si sentono defraudati di una bella struttura da trecento anni  che esiste sul territorio casertano? Se fosse vivo Carlo III di Borbone lo caccerebbe a pedate nel sederino a Mauro Felicori . Addirittura il suo amichetto che ci ha governato fino a qualche mese fa negò ai Savoia di usare la Reggia. Come ad esempio il Signor Felicori si permise di dichiarare che tutto quello che faceva lui era tutto giusto mentre tutto ciò che era stato fatto dai supi predecessori  non aveva secondo lui valore .
Intanto “il brullo” di Bologna ha fatto uscire a livello internazionale la Reggia di Caserta per un suicidio avvenuto nel mese di luglio dove una donna aprì la finestra e fece un salto nel vuoto morendo.   E continuando... per aver contribuito a non tenere sotto dovuta sorveglianze alcune stanze che hanno mostrato segni di cedimento, mai successo prima  e dulcis in fundo le orecchie da mercante che ha fatto per il ponte di Ercole incolpando l’amministrazione comunale  e il sindaco Carlo marino . Ma scusa  Felicori ma se non era agibile il ponte di Ercole perché doveva essere agibile la Reggia Di Caserta dopo i crolli e il giardino che guarda caso era in prossimità del ponte ??? Sei proprio un furbetto del quartierino !!! Tu e i tuoi amichetti perché vi comprate giornalisti!!

 E’ attesa anche la presenza della "lesbica" per eccellenza  Belen Rodriguez ( ha baciato Hillary Blasy in diretta e in prima  fascia oraria difesa da quell'insignificante Signorini ).   
Eppoi voglio capire una cosa per Pasquale De Lucia , Vincenzo Iodice , Silvia Aprile, Rita di Salvia  la Dda di Napoli si è mossa per una presentazione di un CD trasformato in matrimonio affermando che  lo stesso non poteva essere eseguito ? Adesso per Mauro Felicori e i suoi amichetti non c’è nessun reato presunto?? I magistrati dove stanno visto che si affitta la Reggia a 50 mila euro?? E in conclusione…….. stamattina una casertana desiderava entrare alla Reggia e nonostante ci sia una proroga fino a febbraio 2018 con il vecchio abbonamento non l’hanno fatta entrare!!!


Caro Leonardo prendi le distanze………. Tu sei una persone per bene !!!         

mercoledì 27 dicembre 2017

POLITICA , ITALIA , ESCORT E .... 29 !! IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCIOGLIE LE CAMERE IL GIORNO 29 DICEMBRE 2017 E... PARTE LO SFOTTO' PERCHE' DEPUTATI E SENATORI 945 SARANNO CITTADINI NORMALI

E SE LA DATA SARA' SPOSTATA SARO' IL PIU' GRANDE GIORNALISTA DEL MONDO!!!! 


Eccoci qua. Anzi, come diceva il personaggio creato del compianto Peppino De Filippo in quella Scala Reale di 50 anni fa  Pappagone, “ Eque qua !” I 630 deputati e i 315 senatori dal giorno 29 dicembre ( speriamo di no perché sarebbe uno sfottò unico nella storia) diventano cittadini normali pronti per punzecchiarli con la saliva dei cittadini comuni apostrofandoli con qualche vocabolo poco felice .
Ma un nuovo amore è già nato quello fra il grullo di Pontassieve e il ratman di Arcore con “il culo flaccido” ( come diceva la Minetti),  i quali imperterriti si lanciano messaggini telefonici ma purtroppo hanno deciso di contarsi e di fare la guerra ad un movimento cinque stelle che oggi parte al 29 per cento ma potrebbe arrivare anche al 40 per cento se il grullo e il ratman prenderanno ancora per i fondelli gli italiani. Caro Matteo Salvini e Giorgia Meloni , lasciate stare il ratman che vi manda al macello!!!
Sarà un caso, ma guarda caso, c’è sempre di mezzo il coefficiente “29” nel male e nel bene. Da domani, infatti,  inizia un lungo periodo di strette di mano , sorrisetti , pagamento di bollette luce , gas, telefono , schede regalate , promesse fatte a famiglie per i figli che dovranno lavorare e perché inviti a feste festicciole, regali di escort , pardon, e’ rot e scort’, ma sarà anche un periodo di astinenza per molti cittadini di programmi seri perché i 945 parlamentari ( un vero esercito se si facesse una piccola guerra ) saranno in tutte le trasmissioni di famiglia per raccontare cose di famiglie che fino a qualche mese fa non si potevano sapere perché considerate “ riservate”. Ora si può dire tutto di tutti e sopraggiugerei ……anche le corna e le bravate e le storielline con gli amichetti del cuore e le amichette del cuore . Tutto si può ora !!!
E fra poco farà  capolino su  alcune televisioni private il fatitico film del principe De Curtis dove si narrava la candidatura di un cittadino italiano che si chiamava “Antonio la Trippa” .
 Ah caro Totò!! Se fosse vivo di farebbero, o meglio Antonio la Trippa deputato eletto farebbe il presidente del consiglio in questa Italia che di dignità non ha più niente.

E mò facimmc na’ risata. 

domenica 24 dicembre 2017

NATALE ALLA REGGIA 2017 - IL PROGETTO DI ROBERTA VETRELLA

Nei giorni 27, 28, 29 e 30 Dicembre alle ore 17:00 nella magnifica cornice del Palazzo Reale di Caserta, andrà in scena per "Natale alla Reggia"  a cura della Reggia di Caserta ( in collaborazione con la Camera di commercio di Caserta e Amici della Reggia)  lo spettacolo “Le Acque della Reggia”.
Lo spettacolo scritto da Roberta Ventrella  ripropone la storia  della costruzione dell'Acquedotto Carolino, grandiosa opera idraulica progettata da Luigi Vanvitelli a partire dal 1751.
L'opera drammaturgica è  tratta dal libro “ Reali delizie, itinerario storico-artistico in Campania Felix" di Ettore Ventrella e integrata alla fedele ricostruzione delle lettere originali di Luigi Vanvitelli al fratello Urbano e del Ministro Bernardo Tanucci al Re Carlo di Borbone.
Le musiche di Friedrich Georg Hendel fanno da colonna sonora alla rappresentazione che si apre con l'arrivo di Vanvitelli accolto dal principe d'Aragona.
L'organizzazione dell'evento è affidata all’Associazione socio-culturale INDILA e Ventrella Edizioni, casa editrice volta alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico campano e si avvale contributo di 012Factory.

La direzione dello spettacolo è stata affidata al neo regista Antonio Veneziano, giovane aiuto del  maestro Luca Ronconi, che si è avvalso della collaborazione della coreografa  Arianna Giovannetti e di Gaetano Battista per il disegno luci. Protagonisti tutti, gli attori : Francesco Rivieccio, Gaetano Battista, Angelo Nocerino, Arianna Ricciardi, Riccardo Sergio, Lello Russo, Andrea Rao, Cinzia Annunziata, Giusy Pangia, Nadia Cuomo, Lorenzo Villa, Davide Mormolino, Ilenia Romano e Alessandra Merola. 

sabato 23 dicembre 2017

ASPETTANDO IL NATALE 2017 E L'INIZIO DEL 2018 - RICORDI DI ROCCELLA IONICA INTERNATIONAL JAZZ FESTIVAL 2017

AMICI DEL BLOG 

Con questi video da me girati a Roccella Ionica durante i festival dell'International jazz vorrei augurarvi un Buon Natale e Buone feste . Sono tre video. il primo e il duo americano  tack e patti  voce e chitarra elettrica , il secondo una performance di Antonella Ruggiero con mark harris , arrangiatore di Fabrizio De Andre' e Colombo che è un musicista che ha fatto parte della grande PFM. 
Dulcis in fundo, forse il più bello, il video di Antonio Salis ( una parte si intende) in Siso Song , Canzone per Siso per ricondare il compianto politico di Roccella Ionica l'onorevole Sisino Zito  che ha insieme a Vincenzo Staiano, ha reso fattibile un progetto jazzistico da 37 anni. e il 3 gennaio tocca a Peppe Servillo chiudere la manifestazione che si è svolta anche nelle feste di Natale.
 Buon natale , Buone Feste e soprattutto Buon ascolto.  
vedi i video qui sotto 



https://www.facebook.com/prospero.cecere/videos/10211889604408949/

https://www.facebook.com/prospero.cecere/videos/10211925126216972/

https://www.facebook.com/prospero.cecere/videos/10208656598185814/

mercoledì 20 dicembre 2017

IL CONSIGLIO DI STATO SENTENZIA – A SANTA MARIA CAPUA VETERE LE AREE INDUSTRIALE NON POSSONO ESSERE CAMBIATE IN AREE COMMERCIALI IL PRG NON LO PREVEDE . LA GIUNTA MUNICIPALE DI MURO AVEVA VISTO BENE DAL 2011 AL 2015



Nessuno si sarebbe mai immaginato che il piano regolatore generale stilato nel 1983 dall’ingegnere Giuseppe Merola potesse essere uno strumento urbanistico così blindato. Anche il Consiglio di Stato  con sentenza del 5 dicembre 2017, che pubblichiamo integralmente perché il documento passerà alla storia giudiziaria amministrativa,   estensore , guarda caso, il Giudice Carlo Schilardi ex Prefetto di Caserta, ha ritenuto,  nonostante la Regione Campania e noti faccendieri e speculatori si volevano impossessare di terreni industriali per costruirci centri commerciali  e il piano casa, di rigettare il ricorso della Cooperativa al Risparmio che aveva  chiesto al comune  di Santa Maria Capua Vetere di aprire una attività commerciale in un area industriale dismessa sfruttando anche un parere della Regione Campania. La giunta municipale di Santa Maria Capua Vetere di cui l’architetto Biagio Maria  Di Muro ne era il sindaco, aveva visto giusto in quanto già il tar aveva in ogni caso dato ragione già nel 2015 al Comune di Santa Maria Capua  Vetere. E’ inutile dire che l’avvocato Pasquale Iannuccilli che aveva difeso il Comune aveva avuto già ragione in primo grado . La battaglia iniziata già nel 2011  è durata per ben 4 anni fermando gli speculatori che volevano distruggere Santa Maria Capua Vetere e i figli che verranno . Con questa sentenza si è messa la parola fine ad una querelle che ha visto schierarsi autorevoli personaggi politi dell’opposizione che sfruttando pennivendoli i quali non hanno fatto che narrare cose inesatte . ora sta al comune di santa Maria Capua Vetere   con in prima linea  il Sindaco Antonio Mirra farne tesoro di ciò che ha stabilito il Consiglio di Stato nel comune di Capua Antica fermando i suoi presupposti sul piano regolatore generale stilato nel 1983 dall’ingegnere Giuseppe Merola.
 Sciogliendo ogni dubbio pubblichiamo qui sotto integralmente la sentenza n.9020/2017, pubblicata il 20/12/2017






N. 05984/2017REG.PROV.COLL.
N. 09020/2016 REG.RIC.
logo
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Consiglio di Stato
in sede giurisdizionale (Sezione Quarta)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 9020 del 2016, proposto dalla Società Cooperativa Al Risparmio di Santa Maria Capua Vetere, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dall'avvocato Luigi Adinolfi, con domicilio eletto presso lo studio legale Rosati Bei Anna in Roma, via Ovidio n. 10; 
contro
il Comune di Santa Maria Capua Vetere in persona del sindaco in carica, rappresentato e difeso dall'avvocato Pasquale Iannuccilli, con domicilio eletto presso il suo studio in Roma, via Lima n. 7; 
per la riforma
della sentenza del T.A.R. CAMPANIA - NAPOLI: SEZIONE III n. 03206/2016, resa tra le parti, concernente l’ammissibilità della S.C.I.A. per l’apertura di una media struttura commerciale.


Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;
Visto l'atto di costituzione in giudizio del Comune di Santa Maria Capua Vetere;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 5 dicembre 2017 il Consigliere Carlo Schilardi e uditi per le parti l’avvocato Adinolfi e l’avvocato Conticiani per Iannuccilli;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.


FATTO
1.- La Società Cooperativa al Risparmio di Santa Maria Capua Vetere (nel seguito società cooperativa) è affittuaria di un capannone industriale di proprietà della Biel Company s.r.l, sito nel comune di Santa Maria Capua Vetere in località Cappuccinelle.
L’area su cui insiste detto immobile, dal Piano Regolatore Generale (P.R.G.) del Comune è classificata omogenea “D”, a destinazione industriale; sulla stessa area insistono diversi capannoni costruiti a partire dagli anni 50, anche in deroga alle norme urbanistiche comunali e legislative, a fronte dell'importanza dell’attività industriale svolta nell'area dall'Italtel (ex Siemens).
A seguito della dismissione dell'attività industriale, la società proprietaria e i suoi affittuari hanno presentato una molteplicità di S.C.I.A., concernenti ciascuna singoli capannoni industriali o parti di essi, ma non l'intero insediamento.
Anche la Società Cooperativa al Risparmio di Santa Maria Capua Vetere presentava in data 6 maggio 2015 all'Ufficio Tecnico del Comune di Santa Maria Capua Vetere, una S.C.I.A. per lavori destinati all'apertura di una media struttura commerciale all’interno del capannone.
1.2. Con nota n. 16353 del 3 giugno 2015, l'Ufficio tecnico di Santa Maria Capua Vetere comunicava alla società interessata il preavviso di diniego, ai sensi dell’art 10-bis L. 241/1990, ritenendo la S.C.I.A. irricevibile.
1.3. La società cooperativa impugnava innanzi al T.A.R. per la Campania detto preavviso (ricorso n. 4144/2015) e, in data 16 luglio 2015, trasmetteva le proprie controdeduzioni, alle quali il comune rispondeva con il provvedimento n. 0025255 del 31 agosto 2015 del dirigente S.U.A.P. di dichiarazione di irricevibilità della S.C.I.A..
Il Comune di Santa Maria Capua Vetere, con provvedimento del dirigente S.U.A.P. n. 0025255 del 31 agosto 2015, replicava alle osservazioni presentate dalla società cooperativa, confermando il diniego della S.C.I.A..
Avverso tale ultimo provvedimento la società cooperativa proponeva un nuovo ricorso innanzi al T.A.R. per la Campania, assumendo di aver superato i profili di illegittimità evidenziati dal Comune, avendo depositato, in data 12.6.2015, la documentazione che l'ufficio tecnico comunale aveva rilevato essere mancante all'atto della presentazione della S.C.I.A.
1.4. Il T.A.R. con sentenza n. 3206 del 22 giugno 2016 ha rigettato il ricorso ritenendo infondate le censure avanzate dalla società cooperativa.
Avverso la sentenza la società cooperativa Al Risparmio di Santa Maria Capua Vetere ha proposto appello.
Si è costituito in giudizio il Comune di Santa Maria Capua Vetere che ha chiesto di rigettare l'appello.
All'udienza pubblica del 5 dicembre 2017 la causa è stata trattenuta per la decisione.
DIRITTO
2. Con un primo motivo l'appellante lamenta l'erroneità della sentenza del T.A.R. nella parte in cui il Tribunale ha ritenuto che la documentazione allegata alla S.C.I.A. fosse incompleta e che, conseguentemente, non fosse censurabile la dichiarazione di irricevibilità della stessa opposto dal Comune.
L'appellante sostiene che il Comune avrebbe affermato in modo generico che la documentazione prodotta a corredo della S.C.I.A. fosse insufficiente e che con i documenti integrativi, trasmessi in data 12 giugno 2015 aveva, comunque, "assolto l'onere di corredare la S.C.I.A. di tutti gli elementi istruttori, realizzando dunque tutti i presupposti per considerarla ricevibile".
2.2. Diversamente, la difesa del Comune insiste nel sostenere che i documenti mancanti erano stati indicati nel preavviso di irricevibilità della S.C.I.A. e richiamati nell'atto di diniego della stessa del 31 agosto 2015 e in ogni caso, che alcuna integrazione documentale avrebbe potuto validare la S.C.I.A., essendo la stessa un'autodichiarazione che legittima i lavori e, in quanto tale, doveva essere necessariamente presentata completa in ogni suo elemento.
2.3. La tesi dell'appellante non può essere condivisa. Nel provvedimento del 3 giugno 2015 n. 16353, infatti, sono elencati i documenti mancanti e non allegati alla S.C.I.A., che per la loro ritualità dovevano essere conosciuti anche dall'istante, documenti che sono stati, poi, prodotti in via successiva il 12 giugno 2015.
Come evidenziato dal T.A.R., inoltre, l'Amministrazione ha fondato la legittimità del diniego e l'irricevibilità della S.C.I.A. non solo sulla mancata produzione per tempo della documentazione necessaria alla formazione del silenzio significativo, ma anche perché era necessario rispettare gli standard urbanistici previsti nella zona "D"industriale in sé e con riferimento alle strutture commerciali insistenti su aree superiori a 8000 mq, nonché per l'intervenuta violazione dell'art 23 T.U. del DPR. n. 380/2001 sul cambio di destinazione rilevante.
3. Con altra articolata censura l'appellante lamenta l'erroneità della sentenza del T.A.R. laddove il Tribunale ha ritenuto infondati il secondo, terzo e quarto motivo del ricorso originario e assume che per le strutture presenti nella zona D, il S.I.A.D. legittimerebbe l’allocazione di strutture commerciali in edifici aventi destinazione industriale e, in particolare che il provvedimento impugnato violerebbe le previsioni del S.I.A.D. e dell’art. 15, comma 1, della legge regionale n. 1 del 9 gennaio 2014, secondo cui “l’insediamento degli esercizi di vicinato è ammesso in tutte le zone territoriali omogenee comunali, ad eccezione di quelle per le quali lo strumento urbanistico generale espressamente ne vieta la realizzazione”.
Le norme di attuazione dello strumento urbanistico (N.T.A.) lascerebbero intendere, poi, che l’intervento richiesto non sarebbe vietato in alcuna delle zone omogenee “A”, “B”, “C”, “D” e non sarebbe necessario approvare preventivamente un piano urbanistico attuativo per assentire la S.C.I.A., essendo tale piano richiesto per interventi superiori a mq 10.000, laddove quello da realizzare prevede uno sviluppo non superiore a mq 8.000.
Il T.A.R., infine, non avrebbe considerato che il P.R.G. del Comune di Santa Maria Capua Vetere prevede distinte zone "D", quelle "esistenti" e quella di "nuova individuazione" e che le norme del S.I.A.D. (strumento di intervento per l’apparato distributivo) prevedono per le zone già "esistenti" (come nel caso di specie) la destinazione commerciale in adeguamento al P.R.G., con intervento diretto (per cui è sufficiente la S.C.I.A. per l'allocazione nell'area di una media struttura commerciale) mentre per le zone di nuova individuazione è necessaria una specifica variante al P.R.G..
L'appellante a sostegno della propria tesi richiama due sentenze del T.A.R. Campania (n. 5149/2016 e n. 727/2014) che, in casi analoghi, si sarebbe determinato in maniera opposta a come si è pronunciato nel presente giudizio.
3.2. Orbene, il Collegio osserva che, come evidenziato dalla difesa del Comune, il richiamo alla sentenza del T.A.R. Campania n. 5149/2016 non si attaglia al caso in trattazione, in quanto nella stessa oggetto del contendere è la zona "F" del Comune di Caserta, la cui compatibilità commerciale è prevista anche dal P.R.G..
Parimenti inconferente è il richiamo alla sentenza n. 727/2014 della Sezione di Salerno del T.A.R. Campania, non ricorrendo anche in quel caso alcun conflitto con la pianificazione urbanistica.
Diversamente, nel caso di specie l’area in questione è regolata dall’art. 28 delle norme tecniche di attuazione del Piano Regolatore vigente, che disciplina le zone D e D-PIP, destinandole ad insediamenti industriali e artigianali e ad attrezzature mercantili all'ingrosso, mentre l'art. 24 delle N.T.A. al P.R.G. disciplina separatamente le aree commerciali da quelle industriali.
Ed è da escludere che il S.I.A.D. possa modificare le N.T.A. del P.R.G. non potendo esso contrastare con la pianificazione generale che è, invece, chiamato ad integrare, mentre, come rilevato dal T.A.R., va evitato che la differenza di indici e di regolamentazione tra le zone "D" e le zone "G" commerciali possa determinare un sostanziale disordine edilizio.
La delibera della Giunta Regionale n. 349 del 19 marzo 2005, concernente il visto di conformità del S.I.A.D. del Comune di Santa Maria Capua Vetere, malgrado le incertezze presenti nel corpo del provvedimento, nella parte dispositiva evidenzia inequivocabilmente che “gli insediamenti di attività commerciali, ricadenti su aree non conformi agli strumenti urbanistici vigenti, saranno possibili o attraverso i procedimenti di variante così come previsto dalla normativa vigente o in presenza di nuova pianificazione urbanistica....”.
3.3. Per quanto esposto, non può ragionevolmente ritenersi che la S.C.I.A. sia passibile di modificare la destinazione dell'area, in contrasto con le previsioni delle N.T.A. del P.R.G. e che possa superare il disposto dell'art. 23-ter del D.P.R. n. 380/2001, che prevede allo scopo il rilascio di uno specifico permesso di costruire, assistito da relativa procedura in variante.
Giova evidenziare che a termini dell’art. 23-ter del D.P.R. n. 380/2001 la richiesta di cambio di destinazione di un immobile da categoria produttiva a commerciale, determina un mutamento "rilevante", con le implicazioni in termini di carichi urbanistici e di impatto sul territorio che esso comporta, anche per la necessità, nel caso di specie, di procedere al frazionamento di un vastissimo complesso immobiliare, circostanze tutte che il T.A.R. non ha mancato di evidenziare.
3.4. Il Comune, nel negare la ricevibilità della S.C.I.A., ha tenuto conto di ciò e, in particolare, delle prescrizioni della delibera regionale n. 349/2005 (che ha approvato il S.I.A.D.), in cui è detto che nelle aree non conformi al P.R.G. gli insediamenti produttivi possono essere ammessi solo previa variante allo stesso, senza alcuna distinzione tra aree "D" esistenti e aree "D" di nuova individuazione.
Pertanto, al fine di modulare l'insediamento sul territorio di strutture di vendita di rilevante impatto urbanistico in modo armonico, la pianificazione commerciale del Comune ha preso a riferimento le aree omogenee individuate in sede di governo del territorio, perché è la zonizzazione operata a rendere possibile lo sviluppo commerciale in modo coerente con l'assetto urbanistico generale.
In altri termini, il giudizio di compatibilità astratta della struttura di vendita con il territorio nel quale è destinata a sorgere non può che basarsi sull'area omogenea di piano regolatore e quindi nella verifica degli standard urbanistici ivi esistenti.
Il processo di liberalizzazione delle attività commerciali perseguito dall’Unione Europea e dal legislatore nazionale, non consente il superamento delle pianificazioni urbanistiche, frutto di complesse scelte di natura politica e amministrativa, rivolte alla corretta e razionale utilizzazione del territorio e il S.I.A.D. deve essere letto in coerenza con esse.
4. L'appellante contesta, ancora, la sentenza nella parte in cui il Tribunale ha osservato che il Comune, con varie delibere, avrebbe sempre tutelato la destinazione industriale dell'area.
4.2. La censura non coglie nel segno.
Sovviene, al riguardo, la deliberazione n. 17 del 14 maggio del 2014 del Consiglio comunale di Santa Maria Capua Vetere in cui è detto letteralmente che " l'area ex Finmec (già Italtel), oggi assegnata a destinazione urbanistica industriale deve rimanere esclusivamente tale e salvaguardata da interessi speculativi nel redigendo PUC". Dello stesso tenore la delibera n. 29 del 15 maggio 2012, con cui il Comune ha espresso l'intendimento di tutelare la vocazione produttiva industriale dell'area ex Siemens “con esclusione di utilizzare la suddetta area industriale agli eventuali fini dell'applicazione della legge regionale sul Piano Casa".
Pur trattandosi, invero, di enunciazioni di principio, dette delibere manifestano con chiarezza l'orientamento del Comune in tema di assetto territoriale.
4.3. Prive di rilievo sul piano giuridico e tecnico sono le affermazioni presenti nella perizia giurata prodotta dall'appellante e cioè che la zona in cui ricade l'insediamento de quo sarebbe provvista di tutte le opere di urbanizzazione primaria e secondaria e che essa non avrebbe carattere unitario ma sarebbe composta da più particelle disposte su un'area di circa 200 mila mq.
4.4. Al riguardo, a prescindere dalle eccezioni del Comune circa l'ammissibilità della perizia, perché non depositata in primo grado, l’ente locale ha dettagliatamente evidenziato che le urbanizzazioni presenti nell'area sono solo funzionali al vecchio complesso industriale autonomo e indipendente dal contesto circostante. Inoltre gli accessi all'area interamente recintata, per le loro caratteristiche, non consentirebbero l'utilizzazione pubblica diretta delle strade presenti nell'ambito del lotto né vi sarebbero aree di parcheggio a disposizione, fermo restando l’esistenza di un unico ingresso per accedere al capannone da utilizzarsi da parte dalla società Cooperativa.
5. Nessuna contraddittorietà è ravvisabile, infine, in ordine ad un'altra iniziativa assentita e che sarebbe simile a quella richiesta. Al riguardo, infatti, il T.A.R. ha espressamente osservato che in quel caso si trattava di un intervento su un unico lotto, completamente urbanizzato e che l’intervento è stato autorizzato con permesso di costruire e non con semplice S.C.I.A.
In ogni caso, come rilevato dal Comune, eventuali irregolarità pregresse non possono consentire di "continuare a compromettere l'equilibrio urbanistico della città".
6. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano in Euro 5000,00 in favore del Comune appellato.
P.Q.M.
Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta), definitivamente pronunciando sull'appello, come in epigrafe proposto, lo respinge.
Condanna la parte soccombente al pagamento delle spese del presente grado di giudizio che si liquidano in misura di Euro 5000,00 in favore del Comune di Santa Maria Capua Vetere appellato.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 5 dicembre 2017 con l'intervento dei magistrati:
Antonino Anastasi, Presidente
Fabio Taormina, Consigliere
Carlo Schilardi, Consigliere, Estensore
Giuseppe Castiglia, Consigliere
Luca Lamberti, Consigliere


L'ESTENSORE
IL PRESIDENTE
Carlo Schilardi
Antonino Anastasi