La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 10 luglio 2018

CASERTA GIORNALISTI 2 - ECCO COME RENZI E GENTILONI PAGAVANO I GIORNALISTI CASERTANI - CRONACHE BECCA 574 MILA EURO . BELLO FARE LA VITTIMA

Qualcuno forse si è dimenticato che Cronache di Caserta e Napoli  hanno beccato dallo Stato circa 574 mila euro come anticipo sui contributi editoriale nazionali , ma si scopre anche che il manifesto ne ha beccato un milione di euro. La lista la pubblichiamo erchè noi non abbiamo paura anzi testimoniamo come altri giornalisti con tanti problemi hanno scritto per quel giornale diventato oggi un vero e proprio giornalimo da terzo mondo . Vorrei assolvere del tutto il direttore che conoscono da tempo immemrabile Mimmo Palmiero , ma non la famiglia Clemente che dopo essere stato bersagliata  dai magistrati sammaritani adesso si permette il lusso di mandare avanti giornalisti i quali fanno anche le vittime. bello fare la vittima e prendere 574 mila euro!!!!!! E........ avete ancora crediblità.  
CLICCA QUI SOTTO E VEDI I GIORNALI ITALIANI CHE FANNO I SAPUTELLI 

martedì 19 giugno 2018

CASERTA - COME E' BELLO SAPERE CHE I GIORNALISTI CASERTANI SONO FINITI NEL WATER CLOSE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO

MEGLIO VEDERE IL MONDIALE ... TI DIVERTI !!

Che squallido giornalismo che c’è oggi in provincia di Caserta, anzi no in regione ed anche a livello nazionale. A Caserta ci siamo battuti per una notizia, un comunicato, un convegno ed adesso soltanto perché i canali nazionali si sentono autorizzati ad entrare negli uffici pubblici casertani ci dobbiamo mettere a terra anche il tappetto rosso come quanto accaduto all’Asl di Caserta con il servizio delle Iene. Sono disgustato, anche se poteva essere un buon servizio giornalistico, da come in maniera oserei dire invadente e senza scrupoli possano entrare nella privacy di centinaia e centinaia impiegati che lavorano , anche se andavano dal direttore generale, la troupe delle iene sia entrata prepotentemente nella nostra città ad opera di qualche giornalistucolo che vuole un po di notorieta’ facendo il servo di qualche infame .   
Che peccato che il vero giornalismo casertano sia finito nel water close della camera dei deputati e del senato della repubblica italiana, perché oggi tutti si sentono paladini della legalità, grandi giornalistici che fanno anche i muccusselli in televisione ma anni addietro sono stati dei veri e propri cocainomeni.
 Oggi assistiamo a dei talk show vomitevoli , per stare in tema di vocaboli giornalistici europei, da parte di conduttori televisivi si assistono episodi alquanto particolari degni di essere proprio dei “deviati sessuali” che impongono la loro deviata informazione  pronta ad attaccare politici che oggi si sono guadagnati la loro credibilità dopo tutte le fesserie che il Ratman di Arcore e il Grullo di Pontassieve ci hanno narrato.
 E’ disgustoso come Rai in primis Mediaset , e la7 altre televisioni trasmettono talk show che non sanno fare altro di dire fascisti, nazisti , e di dire a qualche ministro usa il congiuntivo errato . La verità è una sola, questi giornalistucoli stanno solo difendendo una casta e non il popolo , in quanto dietro di loro vi è una macchina di traffici illeciti di imprenditori i quali pagano tutti dal politico al giornalista conduttore. Perché ??? E molto semplice. La politica che si è avuta in questi ultimi quindici anni è stata quella corruzione soprattutto negli uffici della pubblica amministrazione, ma siccome ad una parte politica non sta più bene perché c’è  l’avvento del nuovo governo, ecco che si sgancia il giornalista stupido che si va a prendere anche “ i buffi” cosi diventa vittima e ha il suo tornaconto.  E Vedete in Italia che si deve fare per essere servo !!!!    
VEDIAMOCI IL MONDIALE CHE FORSE E' MEGLIO

martedì 12 giugno 2018

ESCLUSIVO POLITICA A SANTA MARIA CAPUA VETERE - BALDASSARRE PREPARE IL SUO PIANO , MA LEONE VUOLE ATTUARE L'ALTRO PIANO QUELLO REGOLATORE

Le vicende  politiche consumate in questi giorni nella città di Santa Maria Capua Vetere hanno avuto grosse ripercussioni sulla credibilità degli amministratori sanmaritani . L'uscita di scena del presidente della commisione e consigliere comunale Antonio Baldassare non ha placato ancora gli animi di dialettica cittadina che si è consumata in questi giorni nella città  o meglio si aspettano le nuove mosse politiche che si andranno a formare dopo appunto queste fantomatiche "dimissioni" del Baldassarre il quale zitto zitto sta navigando sott'acqua per escogitare scenari politici. 
Tutti sanno che sia il sindaco Antonio Mirra e il consigliere Nicola Leone hanno preso le distante da ciò che accaduto a Antonio Baldassarre , poichè il consigliere Leone sembra che con queste sue dichiarazioni possa ancora avere quella credibilità politica , in quanto il suo obiettivo è in ogni caso la costituzione del nuovo piano regolatore della città di Santa Maria Capua Vetere che insieme al consigliere Luigi Bosco, che guarda caso ha messo il suo quartier generale in Piazza San Pietro ma è meglio che cambia zona, vuole attuare. 
 Non a caso i due sfruttando amicizie in Regione Campania con il sessano Gennaro Oliviero cercano di ottenere favori personali e e per la città di Santa Maria Capua Vetere, ma come dicevano alcuni antichi " E' Furnut'  l'evr"
Vi sono infatti mesi e forse giorni contati in Regione Campania e ai comuni dove a comandare vi sono persone che oggi non hanno voce in capitolo in quanto non sono personaggi politici che possano avere credibilità da questo nuovo governo che tiene alla  larga tutti i doppiogiochisti a meno che non facciano il salto della quaglia politico. 

 La conferma di tutto ciò  si è avuta ieri sera quando  il ministro dell'interno Matteo Salvini è stato intervistato da Lilli Gruber raggiungendo il massimo dello share e dove la rai è andata in panne poichè sono saltate due centraline elettriche di saxa rubra mandando in tilt le trasmissioni per 10 minuti . 

 Insomma è preludio poichè ieri sera Salvini ha parlato e si è oscurata la rai e' un segno anche per gli altri ?     

ESCLUSIVA - Elezioni amministrative a San Tammaro cosa è successo a San Tammaro ?



 Cari lettori  vi scrivo perché la vicenda politica che si è consumata a San Tammaro penso che senza precedenti.
 Al di là quindi del fattore politico,  sembra che domenica notte durante lo spoglio delle schede elettorali sembra che sono stati segnalati 76 voti che puzzano di qualcosa che oseremo dire di melma.
 In sostanza per effetto di una legge elettorale amministrativa che dura da diversi anni ogni scheda può essere votata in modo sbagliato mettendo una croce sulla lista e quindi sul simbolo  ed esprimere in modo errato il candidato di un’altra lista . Per effetto di questo errore la scheda doveva essere contestata, ma sembra che sono state  convalidati i voti  al simbolo della lista e non al candidato.
 E chi sono i due contedenti ?  Una  lista  un candidato . ma andiamo al sodo i voti dati alla lista circa  76 voti sono stati ritenuti validi dai presidenti di seggio e ritenuti non validi al candidato  che era in un’altra lista .
 Ma una domanda sorge spontanea per dirla alla Lubrano . Chi ha dato l’ordine di votare in quel modo ?  E’ possibile mai che in un paese come quello di San Tammaro vi siano persone che non sappiano votare, o meglio è possibile che qualche lupo famelico politico   ha escogitato un piano politico  per far vincere soltanto una lista e denigrare le altre due ? E’  possibile mai che la legge elettorale possa favorire in modo errato una lista  e denigrare un candidato ?  E’ possibile mai che nessuno durante lo spoglio abbia notato questo e non ha contestato queste schede ?
Ma saranno i  presidenti di commissioni avrete un gran da fare perché queste sono cose serie e controllare bene
 !!!
 Io ho avuto il coraggio di denunciarlo altri no.

lunedì 11 giugno 2018

.ELEZIONI AMMINISTRATIVE A SAN TAMMARO - E’ IN ATTO UNA VERA PROPRIA GUERRA DEI ROSES "AGRICOLA" .



Il capolavoro di Warren Adler dove un Danny De vito  che diresse magistralmente un Micheal Douglas e una Mary Kathleen Turner potrebbe assomigliare per certi versi ma in maniera un po differente a quello che sta accadendo in un piccolo anzi quasi frazione di Santa Maria di Casal di Principe.
 A San Tammaro , guarda caso quando ci sono le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale  pur di sostenere una persona di famiglia  candidato non in una lista ma in ogni lista che si presenta,  si inscena una vera e propria fantomatica guerra politica dove mogli, mariti, cognati, nipoti, nonni, cugini, amici , fidanzate e amanti al seguito   e tutti vogliono la palma del “c’ero anche io” .
Quello che sta accadendo in queste ore a San Tammaro con gente fuori i seggi con matita e fogli per vedere e ascoltare lo spoglio delle schede scrutinate (che non servono a niente perché potrebbero lasciare tranquilli presidente e scrutatori e non accalcarsi  perché ci potrebbero essere uscite poco felici)  ha davvero della infelicita’
La notte poi corona il successo per dire “ Ho vinto “  ma chi ha vinto ? Visto che tutti i personaggi politici che sono in Campania di qualsiasi colore politico non contano più un emerito pene.
La conferma si ha proprio dalla capitale e dalle due camere deputati e senato che hanno votato la fiducia  al governo ha raggiunto più del sessanta per cento Quindi chi vince oggi e il perdente politico di domani e a san tammaro sono tutti perdenti  perchè non potranno avere mai voci in capitolo a Roma sono politicanti vecchi 


martedì 22 maggio 2018

UN MILIARDO E SETTECENTOMILIONI DI IMPOSTE NON VERSATE LA GUARDIA DI FINANZA ESEGUE SEQUESTRI

Nella mattinata, odierna nell'ambito di un'indagine coordinata da questa Procura, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Ottaviano, all'esito di un'articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Nola, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP presso il Tribunale di Nola finalizzato alla confisca "per equivalente" - fino alla concorrenza di circa 1.712.844,60 milioni di euro - nei confronti di una nota casa di cura della zona vesuviana nonché del suo legale rappresentante. Le indagini sono scaturite da una denuncia trasmessa dall'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale II di Napoli - Ufficio Territoriale di Nola - che, nell'ambito del controllo automatizzato della dichiarazione modello 770 per l'anno 2013 nei confronti della casa di cura, ha accertato che il rappresentante legale non ha versato, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione annuale di sostituto d'imposta modo 770/2014, le ritenute dovute sulla base della stessa dichiarazione ed ammontanti a complessivi euro 1.712.844,60. Il provvedimento è finalizzato a cautelare le somme di denaro presenti sui conti correnti, i beni mobili ed immobili di proprietà della società e del legale rappresentante, indagato per la suddetta condotta illecita di omesso pagamento delle ritenute dovute relativamente all'anno 2013 per un importo complessivo fino a concorrenza di 1.712.844,60 euro. L'operazione odierna costituisce un ulteriore positivo risultato raggiunto dall'Autorità Giudiziaria e dalla Guardia di Finanza, impegnate quotidianamente, a tutela della sicurezza economico finanziaria deIl'area nolana, nelle attività volte al contrasto delle forme più insidiose di evasione fiscale e dei crimini finanziari.

L’ISISS STEFANELLI DI MONDRAGONE FA RIVIVERE IL REAL BORGO DI SAN LEUCIO




Si è concluso stamattina, 22/05/2018 il percorso di alternanza scuola-lavoro dell’Indirizzo Turistico dell’Isiss Stefanelli di Mondragone presso il Complesso Monumentale Belvedere di San Leucio con un Convegno a cui hanno partecipato la Ds dell’Isiss Stefanelli Prof.ssa Giuseppina Casapulla, il Sindaco di Caserta Avv. Carlo Marino e la Direttrice del Complesso Monumentale Dott.ssa Ezia Pamela Cioffi.
Il percorso di alternanza è stato svolto sotto la guida delle docenti Prof. Nardella Giovanna, Papaccio Carmela, Turco Antonietta e Cristiani Giuseppina, che hanno lavorato con le classi 4 e 5AT e 4 e 5BT  realizzando una campagna pubblicitaria volto alla valorizzazione del Real sito e  che è stata presentata nel corso del convegno.
Al termine della presentazione , alla quale gli alunni hanno partecipato indossando abiti in seta realizzati dal Liceo artistico di San Leucio, è iniziata la visita del Real Sito sotto la guida di altri studenti, che hanno assunto le vesti di novelli ciceroni e guide turistiche ed hanno sapientemente illustrato la storia di San Leucio, accompagnando i visitatori nella fabbrica serica, che rappresenta un interessante percorso di archeologia industriale con sale con strumenti per la produzione e la lavorazione della seta e nelle stanze del Complesso Monumentale, laddove sono state ricreate delle scene di vita in costume d’epoca.
Si è trattato di un vero e proprio interessante viaggio nella storia realizzato grazie alla competenza, dedizione e pazienza delle docenti organizzatrici e della voglia di conoscere e di imparare degli alunni coinvolti. Ogni studente ha apportato le sue idee e la sua creatività nell’ideazione e progettazione della campagna ed ognuno ha ricoperto un proprio ruolo nella realizzazione della stessa. Graditi per tutti i complimenti del Sindaco, della Dirigente scolastica e dei visitatori. Ad maiora.   

IL GIUDICE DI CASSIOPEA DONATO CEGLIE SI DIMETTE DALLA MAGISTRATURA ORDINARIA .

APPRENDIAMO E PUBBLICHIAMO LA NOTIZIA DI ROSARIA CAPACCHIONE SU FAN PAGE
VALE LA PENA LEGGERLA

https://napoli.fanpage.it/dopo-accuse-e-condanne-il-pm-donato-ceglie-si-dimette-dalla-magistratura/

domenica 20 maggio 2018

LE COSE BELLE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - PORTE APERTE AI MONUMENTI - LE SCUOLE ADOTTANO I MONUMENTI CON LA PROFESSORESSA TIZIANA CHIANESE


      Santa Maria Capua Vetere –  Nei giorni 24 -25  Maggio 2018 si concluderà la Terza Edizione del progetto “ Terra di lavoro apre le porte… le scuole adottano i monumenti” organizzato, in ogni dettaglio,  dalla  Prof.ssa  Tiziana Chianese, collaboratrice del Dirigente Scolastico e responsabile Grandi Eventi . Il progetto  condiviso dalla Dirigente Scolastica Prof.ssa Silvana Decato  è stato supportato  dalla proficua collaborazione della prof.ssa Vincenza Zona dell’Istituto Tecnico Economico Statale, Amministrazione, Finanza, Marketing , Turistico, Serfin e Sia “, Leonardo da Vinci” di  Santa Maria Capua Vetere,  ( Via C. Santagata n. 18”).
Il progetto “Terra di lavoro apre le porte….Le scuole adottano i monumenti” ha richiesto la collaborazione dei Comuni di S. Maria C.V., San Prisco, Casapulla,  San Tammaro, Macerata Campania e  il Polo Museale della Campania e della Soprintendenza Archeologia delle belle arti e paesaggio di Caserta e Benevento.Ogni scuola ha scelto un monumento del proprio territorio da studiare e valorizzare consentendo agli studenti di " appropriarsene", allargando lo sguardo sulla storia artistica, culturale, civile del luogo in cui vivono.Gli studenti coinvolti durante il percorso di studio hanno costruito un rapporto diretto, motivato e anche affettivo, con il monumento prescelto per poterlo "raccontare",  descrivendone le caratteristiche e rievocandone la storia. Solo così hanno saputo riconoscerne il loro  valore indicandolo come elemento fondante e ineliminabile del cammino di civiltà del genere umano cui l'arte rimanda.L’ ITES Leonardo da Vinci di Santa Maria C.V ( scuola capofila), e le scuole aderenti al progetto apriranno i monumenti nei seguenti giorni:
GIOVEDI’ 24 MAGGIO 2018
dalle ore 9:00 alle 12:30

v I.T.E.S. “Leonardo da Vinci” – S. Maria C.V.
“Mitreo”  e  “ Convento degli  Alcantarini” in Santa Maria C.V

v I.C. “Marco Polo – Benedetto Croce” - San Prisco
                            “Mosaico di Santa Matrona” in  San Prisco

v I.C. “Raffaele Uccella”  - Santa Maria C.V.
“Satiro in Riposo di Prassitele” Museo Archeologico dell'Antica Capua  in Santa Maria C. V.

v  I.C. “Principe di Piemonte”- Santa Maria C.V.
                            Complesso museale  Angiulli in Santa Maria C. V.

v I.C. “Carlo Gallozzi”- Santa Maria C.V.
                Bottega del tintore e Domus via degli Orti in Santa Maria C. V.

v I.C. 2 “Rita Levi Montalcini”- Santa Maria C.V.
          Real Sito di Carditello e monumento ai Garibaldini in Santa Maria C. V.

v I.C. “Stroffolini”- Casapulla
Tela di  Enrico Buonpane e  orologio della famiglia Buonpane Sala Consiliare Comune di Casapulla

v I.C. ad indirizzo musicale  - Macerata Campania
                            Parrocchia di San Marcello Martire di Caturano

               Gli alunni dei diversi istituti scolastici faranno da cicerone ai turisti che visiteranno i siti ed
illustreranno e racconteranno la storia dei monumenti adottati.

Venerdì 25 Maggio  dalle 9.00 alle 12.30 tutte le scuole partecipanti al progetto esporranno i propri  lavori  all’Anfiteatro Campano di Santa Maria C.V.
Alle ore 12:00 flash mob.


venerdì 18 maggio 2018

CASERTA CITTA' NEL BARATRO PIU' TREMENDO!!! MA LA COLPA CERTAMENTE NON E' DI CARLO MARINO MA DEL CONTORNO DI DIRIGENTI COMUNALI E IMPIEGATI I QUALI ADDIRITTURA RISPONDONO IN MANIERA NON CONSONA .

ANZIANI E DISABILI SEMPRE PIU' SOLI  E NON RISPETTATI!!!

I MIEI COLLEGHI QUESTO NON LO SCRIVONO - PERCHE' PRENDONO LE 
B........ELLE!!!!


Che peccato che negli uffici della pubblica amministrazione vi siano dirigenti e impiegati che non sanno nenache cosa significa assistere un disabile . Già  perchè questa categoria a Caserta e presso  gli uffici della pubblica amministrazione di tutti gli enti, non sanno neanche cosa significhi, essendo i figli ad   assistere un disabile prendedosi addirittura un giorno di permesso per loro e sbrigare gli adempimenti che purtroppo  non possono risolvere . 
Ma andiamo per ordine. 
Ieri mattina un cittadino di Caserta si era recato presso gli uffici di Piazza vanvitelli  per interloquire in primis con qualche amico conoscente per risolvere un problema al suo familiare poichè essendo  molto antenne quasi 90 ed invalida, chiedendo  di sapere se per queste persone, residenti nell'arco di 250 metri di diametro del centro storico, vi fosse qualche servizio di assistenza anche  legislativa per questo soggetti,   ma gli impiegati hanno risposto che  si doveva recare in via San Gennaro, anche se era disabile  . Al cittadino poi  gli è stato risposto che nessun servizio era stato predisposto anzi l'impiegato del comune di via San Gennaro dove avevano sede gli uffici poteva essere contattato e con una autorizzazione  si poteva recare a casa del disabile, se impossibilitato, e predere la firma per la carta di identita' o qualche altro documento. 
E' inutile affermare  che  non capisco come , sia l'assessore Dora Esposito che il Dirigente Iovino, non hanno mai instaurato all'interno del comune di Piazza Vanvitelli un servizio per gli anziani disabili che risiedono nell'arco di 250 metri di diametro. 
Il centro storico si sa è un  luogo di residenza da circa 60 anni di numerosi antenni i quali hanno comprato tanti anni fa una casa e si sono insediati perchè negli anni settanta quella piazza doveva essere la nuova city , poi per qualche piccio o per qualche infezione uterina di qualche  ex assessora o ex assessore o dirigente isediatosi già da diverso tempo con la precisone da circa 20 anni  che soffre di umanità maschile gli uffici demografici anagrafe ed elettorale,  sono stati dislocati,  anni addietro,   in zone limotrofe prima in via Patturelli dove una volta esisteva una sala cinematografica, e poi presso la Caserma Sacchi zona San Benedetto Parco Cerasole ubicata in una stradina dove per trovare un posto auto bisogna fare la fila.
In sostanza  dopo aver dialogato prima con qualche operatore e poi con incaricati di Via san Gennaro i quali dopo aver prospettato la richiesta della risoluzione del problema,  ed avendo a che far nel corso della giornata con circa 50 persone ed una sala piena di gente che chiedeva certificati di ogni genere, con spirito di abnegazione i due incaricati a cui l'amministrazione gli dovrebbe " fare un monumento" per quello che fanno ogni giorno , hanno risolto il problema di carattere amministrativo rilasciando al figlio la richiesta di un certificato storico di residenza per il suo familiare disabile.
L'episodio si è concluso nel migliore dei modi, ma rimane per certi versi, una mancanza di un servizio non per gente comune , ma per antenni disabili che devono in ogni caso , per sbrigare qualche adempimento e si trovano ad essere , se non ci fosse qulache persona di famiglia ad essere soli ed abbandonati e senza nessuno che possa risolvergli qualche adempimento  di carattere amministrativo . 
Ma non fisce qui.
Sempre ieri mattina lo stesso cittadino desiderava segnalare una piccola inadempienza che era accaduta in via Cesare Battisti proprio dove c'è la vetrina di un noto negozio di pelletteria . 
 Come testimonia la foto, in quel posto vi era un posto per disabili  con tanto di cartello , dove per un mero errore,  invece di colorarlo in giallo lo hanno colorato in blu. Di fatto una anomalia che il cittadino  ieri mattina desiderava segnalarla agli organi competenti. una volta chiesto dove si doveva recarsi si è recato al terzo piano dall'ingegnere Giovanni Natale , persona pregiatissima , si è barcamenato in un episodio che lo ha lasciato un po allibito. 
Una volta entrato nell'Ufficio ha chiesto del dirigente , ma alcuni impiegati hanno risposto che non era ancora giunto e non poteva sostare perchè oggi non era pubblico . All'uopo il cittadino aveva notiziato di dover segnalare  una anomalia che da diversi giorni era stata riscontarta , ma alcuni impiegati avevano chiesto di allontanarsi perchè non poteva sostare girardogli addirittura le spalle. A quel punto il cittadino ha dichiarato che in quel momento  stava assistendo un disabile e proprio perchè quel posto poteva servire non solo per l'assistenza del suo familiare , ma anche per altri disabili , gli hanno risposto che si doveva rivolgere agli uffici della polizia municipale dislocati presso la zona ex saint gobain  . Il citttadino alla risposta non ha potuto far altro che allontanarsi e uscendo dal settore addirittura ha trovato la porta di uscita chiusa. 

Non è certamente consono il comportamento avutosi nei locali dell'ex pretura , completamente diversi da quelli dell'Ufficio Anagrafe perchè nonostante vi siano molteplici anomalie all'ufficio di via san gennaro ( circa 12 persone in meno nell'organigramma perchè in pensione ) nel centro storico ci siano persone che in maniera  quasi scostante hanno risposto a cittdini che desiderano non far incorrere in sanzioni. 

 Certamente non vuole essere un monito verso personaggi politici amministrativi , ma verso personale amministrativo e qualche dirigente i quali dovrebbero organizzare in maniera più lineare servizi e controlli nel territorio casertano qunado addirittura a pagarrne le spese sono proprio i disabili . 

E concludendo ............ ricordiamoci che nella ordinanza di custodia cautelare di personaggi politici posti in stato detenzione dalla DDa di Napoli  poi assolti in formula piena , alcuni affiliati al clan dei casalesi dispensavano a destra e a manca permessi nella zona Ztl , poi se quaacuno chiede un permesso di sosta sotto casa dove vi è  un disabile bisogna pagare.                  


mercoledì 16 maggio 2018

GOVERNO SALVINI , DI MAIO LO STATO PER LE LORO PAZZIELLE HANNO VERSATO GIà 50 MILIONI DI EURO A I DEPUTATI E SENATORI E ........NESSUNO PARLA


C’era una volta un Parlamento , un senato tanti deputati e senatori che avevano a cuore le sorti della nazione e del popolo italiano dando esempio legiferando ed avendo un comportamento etico e morale che oggi non è neanche la quinta parte di coloro che sono stati eletti .
 A fare da contorno a questa appropriazione indebito da parte di questi nuovi senatori e deputati che si sono insediati il 23 marzo 2018 che sono suscettibili di reato secondo l’articolo 650 del codice penale, sono i direttori di tutte le reti televisive nazionali,  che purtroppo hanno il compito  di raccontare di ciò che accade nel nostro paese, i quali per volere di qualcuno ci “ azzuppano il pane”. Infatti i direttori di tutte le reti televisive creano nei confronti degli italiani uno spregio e un vomito politico che mai fino ad ora era successo, lasciando nel più totale abbandono quei cittadini che hanno avuto a che fare negli ultimi due mesi con rottamazione delle cartelle esattoriali per racimolare soldi per non farsi pignorare o ipotecare la casa dove almeno hanno un tetto,  con le bollette gas e luce  che sono aumentate a dismisura, con una spesa sempre più pesante all’interno delle famiglie. Ma andiamo per ordine.
 Il 23 marzo 2018 si sono insediati le due camere quella dei deputati e del senato dove hanno preso posto ben 930 parlamentari e il 23 aprile 2018 senza legiferare almeno un provvedimento hanno pensato soltanto  alle elezioni  dei segretari e questurini facendosi i piaceri e piacerini a vicenda e alle comunicazioni del neo presidente Fico . In sostanza dal 23 marzo 2018 al 23 aprile e fino a maggio 2018 hanno beggiato alla Camera e Senato soltanto 8 volte per un totale di circa 13000 euro al mese caduno.
Il totale globale speso dallo stato è stato di circa 12 milioni di euro ma visto che ci sono anche i versamenti dei contributi per deputati e senatori , la ragioneria dello stato ha sborsato circa  il doppio circa 24 milioni di euro  e quindi visto che fra una settimana scatta il secondo mese di latitanza del governo,  ai 930 deputati sul loro conto in banca  giungera’ il secondo stipendio di 13000 euro per una sola seduta quella del 11 maggio 2018 senza fare un merito c………..o!!! diciamolo in italiano “ pene”!!
Mi domando , anzi per dirla alla Lubrano “Domanda”  questa gente a cui gli italiani hanno espresso  la loro fiducia e lo dico a tutti, non dovrebbero dare un esempio etico, morale culturale alla popolazione ed anche a chi è all’interno della pubblica amministrazione ???
 Che esempio può avere dai personaggi politici un impiegato dello stato o servitore dello stato??!!
C’era un vecchio film, se non erro “Italiani , brava gente “ , ma visto  che il popolo oggi non è scemo ma ha capito che senza soldi non si cantano messe certamente non crederà più a questi politici
Egregi  Mario  Orfeo , Bianca Berlinguer, Lucia Annunziata,  Ida Colucci, Enrico Mentana e tanti altri e chi ne ha più ne metta  , non fate orecchie da mercante evidenziate che al lassismo politico  oggi corrisponde una indebita appropriazioni di denaro dello stato per   deputati e senatori   che occupano lo scranno !!!!
Questa è anarchia e ahimè l’Italia sta facendo la fine di quando Beirut, autentica perla del mediterraneo negli anni sessanta venne saccheggiata da persone senza scrupolo iniziando quella guerra civile e santa che ha portato alla guerra nel mediterraneo!!
 Come dice un antico uno sponsor pubblicitario …….Concludendo ………. Cari deputati e senatori fra poco l’America finisce pure per voi  v’ ne iat ‘ a casa !!!!


martedì 17 aprile 2018

CASERTA - LE TESTIMONIANZE DI GIUSTIZIA E LEGALITA' DEL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA AIROMA AL CONVEGNO A CASERTA DI AZIONE E PARTECIAZIONE DI ENRICO TRAPASSI E DI ULTIMI L'ASSOCIAZIONE DI DON ANIELLO MANGANIELLO



Esperienze di Giustizia e Legalita’, questo è il tema del convegno organizzato dal movimento Azione e Partecipazione a cui fa capo Enrico Trapassi e l’Associazione per la legalità di cui è fondatore Don Aniello Manganiello .  L’appuntamento è per venerdi 20 aprile 2018  alle ore 18.30 presso L’Hotel Europa di Caserta. Un parterre di eccezione ci sarà, poiché essendo i punti del convegno  di giustizia e legalità  sempre all’ordine del giorno,   Enrico Trapassi, presidente dell’associazione  insieme al gruppo che ha costituito ha deciso  di mettere un serio e particolare sigillo sociale ad un tema che guarda caso è certamente molto sentito fra gli operatori sociali , operatori del terziario, cittadini , addetti ai lavori professionisti ed operatori della giustizia . Proprio per questi motivi Enrico Trapassi giovane e rampante professionista per l’occasione ha invitato il procuratore della repubblica del tribunale di  Napoli Nord Domenico Airoma che è anche vicepresidente del “Centro studi Rosario Livatino” che interverrà alla conviviale raccontando agli intervenuti le sue esperienze di lavoro come tutore della giustizia in un territorio  come quell’agro aversano e  dell’hinterland  napoletano a ridosso del territorio normanno, dove ogni giorno accadono episodi di cronaca e di malagiustizia.
 Non a caso proprio oggi a Parete, si è registrato un episodio di cronaca alquanto particolare dove un imprenditore mentre era nella sua abitazione ha esploso quattro colpi di arma da fuoco regolarmente detenuta per intimorire persone sospettabili a bordo di due moto i quali doveva eseguire forse una esecuzione . L’imprenditore aversano titolare di un ristorante accortosi che qualcosa non andava per il verso giusto ha attirato l’attenzione di passanti esplodendo i colpi in aria facendo dileguare il commando. Tale episodio porta alla luce non solo la malavita in quei posti ma soprattutto il tema della legittima difesa .  

Insieme a lui interverranno anche il sovrintendente della polizia di Stato Nicola Barbato insignito della medaglia d’oro al valor Civile. Nicola Barbato in servizio presso la   squadra mobile di Napoli, diretta dal  dirigente superiore di polizia Vittorio Pisani ha contribuito a rendere grande, è impegnata in una delicata operazione antiracket a Fuorigrotta, uno dei quartieri caldi del capoluogo campano. Nicola Barbato, cinquantenne, uno dei migliori elementi della squadra, ha  indagato sotto copertura su un imponente giro di estorsioni. Quando  nasce una sparatoria con uno dei camorristi ormai prossimo all'arresto. Un colpo di pistola devasta purtroppo l'agente di polizia, distruggendogli la spina dorsale e riducendolo in fin di vita. Gli aggressori, grazie alle indagini di Barbato, saranno successivamente catturati.
E’ inutile dire che don Aniello Manganiello fondatore di Ultimi associazione della legalità concluderà con un suo intervento le esperienze che si sono succedute negli ultimi 10 anni .
 Il convegno sarà moderato da Antonella Bufone Ufficio Stampa del Sindacato di polizia COISP.
 E’ UNA OCCASIONE DA NON PERDERE .