La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

mercoledì 10 maggio 2017

CASERTA CHIUDE IL BUONARROTI ?!! DA FAR RIVOLTARE NELLA TOMBA ANCHE IL PRESIDE MICHELE SCARAVILLI !! ECCO LINTERVENTO DI CAMILLA SGAMBATO . SOTTO UNA MIA NOTA


ITG BUONARROTI SEQUESTRATO DALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA ED ALTRI ISTITUTI SCOLASTICI SUPERIORI A RISCHIO CHIUSURA IN TERRA DI LAVORO, SGAMBATO (PD) SCRIVE A GENTILONI, RENZI, MINNITI, FEDELI, ORLANDO, BOSCHI, BRESSA, NARDELLI, ORFINI, DE LUCA, LAVORNIA, MARINO ED AI COLLEGHI PARLAMENTARI NAZIONALI E REGIONALI CASERTANI DEL PD SULLA PARALISI DELLA PROVINCIA DI CASERTA E SULLA DRAMMATICA EMERGENZA FINANZIARIA CHE VIVE L’ENTE.
“INDIVIDUAMO INSIEME LE AZIONI DA PORRE IN ESSERE PER SALVARE LA PROVINCIA IN DISSESTO E GARANTIRE IL DIRITTO ALLO STUDIO A DECINE DI MIGLIAIA DI STUDENTI CASERTANI ED IL PAGAMENTO DEGLI STIPENDI A DIPENDENTI E LAVORATORI.
LA SITUAZIONE STA PRECIPITANDO DI ORA IN ORA CON CONSEGUENZE NEGATIVE PER I CITTADINI”

 
“Vi scrivo per capire con Voi quali urgenti azioni mettere in campo per la fase emergenziale che sta vivendo la Provincia di Caserta e che si ripercuote sugli oltre 56 mila studenti casertani e sulle loro famiglie, che vedono in pericolo il loro diritto a terminare regolarmente l'anno scolastico in corso.
Caserta, per la precedente scellerata gestione amministrativa, ha dichiarato il dissesto finanziario soltanto nel 2015 e, a causa dell'imposizione di obblighi di gran lunga maggiori rispetto alle altre province, non è più in grado di garantire l'assolvimento delle funzioni che le sono proprie.
Pertanto in queste condizioni, la Provincia si è trovata nell'oggettiva impossibilità di procedere all'approvazione di un bilancio di previsione stabilmente riequilibrato”.

Si apre così la lettera inviata nel pomeriggio di ieri, all’esito della chiusura dell’Istituto Tecnico per Geometri “Buonarroti” di Caserta disposta dalla Procura della Repubblica per la scarsa sicurezza dell’edificio, dall’On. Camilla Sgambato al Presidente del Consiglio dei Ministri Gentiloni, ai Ministri Minniti, Fedeli ed Orlando, ai Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Boschi e Bressa, alla Presidente della Commissione Cultura della Camera Nardelli, al neo Segretario nazionale del Pd Renzi e al Presidente Orfini, ai Presidenti della Regione Campania De Luca e della Provincia Lavornia e ai colleghi parlamentari casertani.

“Come temevo, si palesano i primi gravissimi esiti di questo dissesto finanziario.
Questa mattina è stato infatti notificato alla dirigente scolastica dell'Istituto tecnico statale Buonarroti un provvedimento di sequestro dell’immobile, su disposizione della Procura della Repubblica. E questo a causa di un vecchio cantiere di rifacimento di una facciata esterna e di ristrutturazione di alcune parti pericolanti: i lavori sono fermi da lungo tempo per le difficoltà finanziarie della Provincia. Nelle prossime ore potrebbe arrivare un provvedimento di chiusura per un altro istituto superiore, perché la mancanza di manutenzione delle strutture rappresenta un serio rischio per l’incolumità di studenti e docenti”, continua la deputata del Pd, componente della VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati.

“Credo che la risoluzione del problema non sia più rinviabile: se non adottiamo azioni ad hoc, rischiamo seriamente l'interruzione dei pubblici servizi.
Ho già scritto alla ministra Fedeli e con la Senatrice Capacchione alla sottosegretaria Boschi e, con la forza del senso di responsabilità che mi deriva dalla rappresentanza, chiedo a tutti Voi un tavolo istituzionale per trovare soluzioni immediate a quella che è diventata una vera e propria emergenza.
C'è un emendamento alla manovrina da me depositato in commissione bilancio: sarebbe auspicabile che esso venisse accolto.
Avremmo fatto un deciso passo in avanti.  Ripeto, è in serio pericolo la conclusione dell'anno scolastico!”, conclude Sgambato.


Caserta, 10.05.2017

ECCO LA MIA NOTA PUBBLICATA ANCHE SU FB

Il 5 aprile scrivevo su fb che Caserta poteva essere considerata la provincia più analbeta di tutte poichè gli istituti scolastici erano in disuso visto che mancavano fondi . Oggi a distanza di un mese e cinque giorni sembra che il sottoscritto aveva il sentore che qualcosa doveva accadere . Ed è accaduto. La scuola la mia scuola istituto tecnico michelangelo buonarroti per geometri chiude i suoi cancelli grazie anche alla sciattezza di dirigenti scolastici che non hanno voluto premere ancor di più la protesta che doveva essere fatta insieme ai rappresentanti politici della provincia , invece si sono scostati dal muro che cadeva a pezzi . si dovrebbero vergognare perchè il compianto professor Michele Scaravilli preside della scuola deceduto qulache anno fa , si sta rivoltando nella sua tomba . lui non avrebbe mai acconsentito a quello che è ' accaduto . Cara Camilla e Rosaria cercate se potete di non far chiudere una scuola dove hanno insegnato personaggi professionistici carismatici e professionali . il Michelengelo Buonarroti è stata una scuola che ha lasciato il segno e non può essere cancellata

Prospero Cecere
5 aprile ·
Adesso la provincia di Caserta sará la provincia più analfabeta d' Italia. Grazie politici casertani tutti e nessuno escluso.



Nessun commento: