La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

venerdì 20 maggio 2016

OPERAZIONE DDA A GRAZZANISE - RITORNA LIBERO L'ARCHITETTO MALENA - IL RIESAME LO RIMETTE IN LIBERTA'


 L’architetto Maurizio Francesco Malena ritorna in libertà. Lo ha deciso il tribunale del riesame di Napoli dopo aver accolto le tesi difensive dell’avvocato Emilio Maddaluna . Malena era finito sotto inchiesta nell’operazione della Dda di Napoli dove  i carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) avevano  eseguito 8  provvedimenti restrittivi della libertà tra cui l’ex sindaco Enrico Parente e l’attuale responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Grazzanise ma vi erano anche alcuni imprenditori casertani. 
Le accuse abbastanza pesanti sono state focalizzate su una presunta  associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, turbata libertà degli incanti, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, intestazione fittizia di beni e reati in materia di armi, tutti con l’aggravante del metodo mafioso.
In particolare, le indagini avevano  consentito, tra l’altro, di acclarare per gli anni 2008 e 2009, le infiltrazioni della criminalità organizzata nel Comune di Grazzanise (Caserta) ed i rapporti intrattenuti, dall’allora primo cittadino, con soggetti legati al clan “dei Casalesi”.
Nel mirino degli inquirenti i lavori per la realizzazione del collettore fognario, che sarebbero andati a ditte collegate al clan camorristico.

Da oggi però Maurizio Malena è un uomo libero stava scontando una pena detentiva domiciliare.  

Nessun commento: