La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

venerdì 12 febbraio 2016

RICETTAZIONE , DETENZIONE ILLEGALE DI ARMI DA FUOOO - LA PROCURA DI SANTA MARIA CAPUA VETERE CHIEDE ED OTTIENE TRE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE

In data 11 febbraio 2016, i Carabinieri della Compagnia di Marcianise hanno dato esecuzione al decreto di fermo di indiziato di delitto emesso, dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di tre cittadini di nazionalità albanese per i reati, commessi in concorso fra di loro, di ricettazione, detenzione illegale di numerose armi da fuoco e resistenza a pubblico ufficiale. I tre, in data 12.01.2016, erano riusciti a sottrarsi ad un posto di blocco predisposto dai carabinieri su strada, lungo la S.P. 265 Marcianise-Maddaloni. Nella circostanza, i tre, mentre viaggiavano a bordo di una Citroen Picasso -risultata intestata ad una società inesistente- avevano omesso di fermarsi all'alt imposto dalla pattuglia dei carabinieri e, dopo aver effettuato un tentativo di speronamento, si davano a precipitosa fuga, innescando un inseguimento che si protraeva per circa 2 Km, terminato nelle campagne di Maddaloni, ove i soggetti, abbandonato il veicolo, fuggivano a piedi facendo perdere le loro tracce. Dall'ispezione del veicolo emergeva che nel vano bagagliaio erano allocati 6 fucili, armi comuni da fuoco, risultati compendio di furto in abitazione perpetrato in data 06.01.2016 in provincia di Bologna. Nei confronti dei citati albanesi veniva immediatamente emesso decreto di fermo dalla Procura della Repubblica di S. Maria Capua Vetere. che non poteva essere eseguito, per l'irreperibilità degli indagati. Le attività di ricerca nei luoghi solitamente frequentati dai tre soggetti venivano svolte senza soluzione di continuità -con il metodo classico e con il ricorso a strumentazione tecnica- ed hanno consentito di individuare un'abitazione in Frignano, ove i soggetti erano stati ospitati da alcuni connazionali. Nel corso della notte dell'I 1 febbraio 2016, i Carabinieri della Compagnia di Marcianise procedevano alla esecuzione del fermo dei tre soggetti indiziati di delitto. All'interno dell'abitazione ove i soggetti sono stati trovati, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato strumenti idonei alla commissione di reati con il patrimonio e consistenti in dispositivi Jammer (disturbatori, neutra!izzatori di microspie), radio ricetrasmittenti, guanti da lavoro ed una modica quantità di sostanza stupefacente.

Nessun commento: