La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

mercoledì 11 novembre 2015

RAPINE E FURTI - I CARABINIERI ESEGUONO LE ORDINANZE


In data odierna, all’esito delle investigazioni coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli VII sezione indagini, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Casal di Principe hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal1’Ufticio GIP del Tribuna1e di Napoli, nei confronti di 9 persone indagate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine, rapina aggravata in concorso e furto aggravato in concorso.
L'indagine che ha portato all’operazione condotta in data odierna ha tratto origine da un’altra attività investigativa durante la quale gli stessi militari di Casal di Principe e quelli della Compagnia di Pozzuoli avevano individuato e tratto in arresto i colpevoli di due efferate rapine in abitazione commesse il 12 ed il 19 novembre 2011 in danno di due anziane signore.
Durante la rapina del 19 novembre 2011, la 76enne Gigante Antonietta aveva perso la vita a seguito dell’aggressione subita durante 1’evento predatorio. Per questo reato era già intervenuta condanna dei cinque responsabili.
L’attività condotta dai Carabinieri dal novembre 2012 al maggio 2013 attraverso servizi dinamici di osservazione, controllo e pedinamento ed intercettazioni telefoniche, ha consentito di:
a) accertare la sussistenza di due distinte associazioni a delinquere, legate da un illecito accordo stretto tra gli indagati al fine di porre in essere una diffusa attività predatoria, concretizzatasi nella commissione di una serie indeterminata di reati contro il patrimonio, con l’articolazione di una ben distinta ripartizione di ruoli e competenze tra gli associati. I membri dei sodalizi, consapevoli di operare in un contesto organizzativo ampio sul quale far affidamento, disponevano di mezzi e strumenti specifici per la commissione dei reati fine e contribuivano, con il loro apporto, al raggiungimento degli obiettivi comuni del gruppo

b) raccogliere, a varie titolo a carico dei 9 indagati gravi indizi di colpevolezza in relazione ai seguenti eventi delittuosi:
1. tentate furto aggravate ai danni di una sala scommesse, commesso in data 21.11.2012 in Castel Volturno (CE) durante il quale, approfittando dell’erario notturno, 5 soggetti tentavano di introdursi all’interno di suddette esercizi commerciale, previa forzatura della porta d’ingresso, portando a termine la condotta criminosa sole a causa dell’azi0r1ame11te del sistema d’allarme;
2. tentate furto aggravate presse una tabaccheria, commesso in data 29.11.2012 in Qualiano (NA) durante il quale, approfittando dell’orario netturno, 6 individui, tentavano di introdursi all’interne di dette esercizi commerciale forzando la serranda, non riuscendo a portare a termine il colpo esclusivamente per la presenza del proprietario all’interno  del negozio che provvedeva a mettere in fuga i criminali dande un colpo sulla saracinesca;
3. rapina aggravata in abitazione, commessa il 2.12.2012 in Alvignano (CE) durante la quale, approfittando dell’orario notturno , 4 soggetti, travisati da passamontagna, si introducevano all’interne dell’abitazione di un sessantaduenne e, dopo averle immobilizzato nel lette e trattenute sette minaccia di un cacciavite puntate alla gela, asportavano un orologio a pendolo e 1500 euro in contanti;
4. furto aggravate commesso in danno  di un negozio di alimentari, commesso tra il 10.12.2012 e il giorno  11.12.2012 in Calvi Risorta (CE) con le seguenti modalità 4 individui, approfittando dell’orario notturno , dopo aver rette una rete metallica, facevano ingresse nel negozio e si impossessavano di 150 celli di spumante per un valere di 2800 euro circa e bevande varie per euro 700 circa. Circa 130 bottiglie di spumante sono state recuperate in occasione del ferme eseguite per una delle rapine in abitazione del novembre 2011;
5. furto aggravate in abitazione, commesse il 15.12.2012 in Alvignano (CE) con le seguenti modalità : 5 soggetti, approfittando dell’orario notturno, dopo aver forzato il cancello d’ingresse, si introducevano all’interne di deposito di pertinenza di un’abitazione e asportavano 20 damigiane di vino da 54 litri ciascuna;
6. furto aggravate presse una sala giochi, commesso il 16.12.2012 in Pagani (SA) durante il quale 4 individui, approfittando dell’orario notturno e forzando i lucchetti della saracinesca, si introducevano all’interno di detto esercizio e asportavano una gettoniera cambia monete e la somma di 4950 euro prelevata da 2 slot machine e dai cassetti di una scrivania;
7. furto aggravato presso un bar, commesso in data 19.12.2012 a San Giorgio a Cremano (NA) con le seguenti modalità: 4 soggetti, approfittando dell’orario notturno e previa forzatura dei lucchetti della serranda, si introducevano all’interno dell’esercizio commerciale e asportavano due cesti natalizi del valore di 160 euro, 330 euro in contanti prelevati dal registratore di cassa, 4 slot machine e una gettoniera cambia monete contenenti 5000 euro circa;
8. furto aggravato presso una sala giochi, commesso il 23.12.2012 a Torre del Greco (NA), durante il quale 4 individui, approfittando dell’orario notturno, forzando la saracinesca e manomettendo l’impianto di allarme, si impossessavano di 3 slot machine e una macchina cambia monete contenenti la somma di 2000 euro circa;
I primi 5 eventi delittuosi sono riconducibili ad un sodalizio criminale composto da 6 indagati, mentre i restanti ad un’associazione a delinquere di cui facevano parte 4 soggetti. Un indagato dapprima si era unito all’associazione a delinquere dedita alla commissione di furti e rapine in abitazione e furti in danno di esercizi commerciali e successivamente aveva fornato un altro sodalizio che invece era specializzato nella commissioni di furti in danno di sale giochi e bar, a causa dell’efferatezza di alcuni delitti che i membri del primo gruppo erano soliti commettere.

I 9 provvedimenti (2 custodie cautelari in carcere e 7 arresti domiciliari) sono stati notificati nei confronti di 7 indagati liberi e 2 gia detenuti.

1. LETTIERI MARIA DOMENICA, cl.1974, DETENUTA PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI BENEVENTO;
2. XHELI BESIM, cl.1987, DETENUTO PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI ARIANO IRPINO (AV);
3. CAPOZZI ERGEMIRO ALESSIO, cl. 1984, di GRAZZANISE (CE),;
4. FAZZONE ANTONIO, cl. 1977, di CAPUA(CE);
5. BRANNI IVAN, cl.1987,  di NAPOLI;
6. NAPPELLO PIETRO, cl. 1979, di SESTO SAN GIOVANNI (MI);
7. PAUDICE ROSARIO, cl.1980, di NAPOLI;
8. FERRARA CIRO, cl.1964, di NAPOLI;
9. PINTO VINCENZO, cl. 1991, di NAPOLI.


Nessun commento: