La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

mercoledì 30 settembre 2015

IMAGISTRATI DELLA PROCURA DI NAPOLI NORD SVELANO UNA ASSOCIAZIONE DEDITA ALLA RAPINE IN DANNO DI AUTOTRASPORTATORI - 27 ORDINANZE E 31 INDAGATI

In data odierna, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise hanno dato esecuzione nelle province di Caserta, Napoli, Salerno e Benevento - ad una ordinanza dl custodia cautelare emessa dal GIP, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 31 persone, indagate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alle rapine in danno degli autotrasportatori, sequestro dl persona, ricettazione e porto abusivo di armi da fuoco.
L’attività di indagine, avviata nel novembre 2014 con L’attivazione di numerose intercettazioni, ha consentito di individuare un articolato gruppo criminale, ritenuto responsabile di circa 20 rapine a mano armata al danni di autotrasportatori, avvenute da novembre 2014 a giugno 2015 nel territori delle province di Caserta, Napoli e Salerno, su tratti viari a scorrimento veloce.
In particolare, sono stati raccolti concreti elementi circa I ‘esistenza di un sodalizio criminoso, caratterizzato da un'articolata ripartizione dei compiti tra numerose persone con alto grado di specializzazione nella gestione logistica delle rapine, ovvero il reperimento di depositi atti ad ospitare la merce rapinata e l’attivazione di canali di mercato illegale.
A seguito delle investigazioni sono stati individuati:
• gli autori materiali delle rapine, che agivano anche con tecniche di tipo paramilitare;
• Ie persone, spesso autotrasportatori, il cui compito era quello di fornire informazioni utili ai lini dell’esecuzione delle rapine (caratteristiche e tipologia dei carichi autocarri da rapinare). E’ singolare che uno dei soggetti destinatari deII’ordinanza di custodia cautelare sia proprio un autista che era già stato vittima di rapina;
II modus operandi ulilizzato dai rapinatori era il seguente:
• un componente della banda percorreva in avanscoperta il tragitto prescelto, allo scopo di verificare l’eventuale presenza di controlli delle forze di polizia;
• gli altri complici, in numero da 3 a 5, bloccavano I'autocarro da rapinare e, sotto Ia costante minaccia delle armi, costringevano l’autista a seguirli a bordo dei Ioro autoveicoli, per rilasciarlo poi in aperta campagna, a centinaia di chilometri dal luogo del crimine;
• installavano successivamente sugli automezzi strumenti atti al disturbo delle frequenze radio, i c.d. Jammer, allo scopo di inibire il funzionamento di eventuali apparati di localizzazione installati sugli automezzi.
L'indagine aveva gia consentito, nel mesi scorsi, di trarre in arresto 11 persone - tra cui un latitante appartenente a organizzazione di stampo camorristico, bloccato prima di compiere l’ennesima rapina e in possesso di carta di identità rubala e contraffatta (con l’apposizione di un cognome diverso dall’originario) - e di recuperare tutti gli automezzi rapinati e Ia refurtiva (scarpe, prodotti alimentari, stoffe, computer, farmaci) per un valore complessivo di circa 2.500.000,00 di Euro.

I destinatari della custodia cautelare in carcere sono stati associati presso la casa circondariale di Napoli — Poggioreale.

DESTINATARI DI CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE:
1)      CAPRIOLO GIUSEPPE, CL.1972, RESIDENTE A NAPOLI, PREGIUDICATO;
2)      CAPRIOLO PASQUALE, CL.1977, RESIDENTE A POLLENA TROCCHIA, ATTUALMENTE RISTRETTO PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI TOLMEZZO (UD);
3)      CARBONE SALVATORE, CL.1971, RESIDENTE IN OTTAVIANO (NA);
4)      CORNACCHIA GAETANO, CL.1954, RESIDENTE IN AFRAGOLA (NA), PREGIUCATO;
5)      CORTINO CIRO, CL.1984, RESIDENTE A NAPOLI, PLURIPREGIUDICATO;
6)      DAMIANO LUIGI, CL.1979, RESIDENTE A NAPOLI, PREGIUDICATO;
7)      DI PIETRO ANTONIO, CL.1958, RESIDENTE A NAPOLI;
8)      GABELLA RAFFAELE, CL.1983, RESIDENTE A NAPOLI;
9)      GIUGLIANO ANTONIO, CL.1974, RESIDENTE A NOLA, PREGIUDICATO;
10)  GIULIANO ANIELLO, CL.1964, RESIDENTE A NAPOLI, PLURIPREGIUDICATO;
11)  MANGANARO CESARE, CL.1971, DOMICILIATO IN QUALIANO;
12)  OSTINATO ANTONIO, CL.1969, RESIDENTE A NAPOLI, PLURIPREGIUDCATO, GIA’ RISTRETTO AGLI A.A.D.D;
13)  ESPOSITO GENNARO, NATO A NAPOLI IL 25.08.1979, RESIDENTE IN VIA CUPA CIMITERO NR. 10;
14)  MANDIELLO SALVATORE, CL.1965, RESIDENTE A BOSCOREALE;
15)  ROTONDO GIACINTO, CL.1952, RESIDENTE A PAGANI (SA);
16)  CAPASSO PIETRO, CL.1968, RESIDENTE A MADDALONI;
AGLI ARRESTI DOMICILIARI:
17)  D’AVINO FRANCESCO, CL.1984, RESIDENTE IN POGGIOMARINO (NA);
18)  ESPOSITO EUGENIO, CL.1954, RESIDENTE A NAPOLI, PREGIUDICATO;
19)  ESPOSITO GIANLUCA, CL.1971, RESIDENTE A NAPOLI, PREGIUDICATO;
20)  SARRACINO SALVATORE, CL.1950, RESIDENTE A VILLARICCA (NA), PREGIUDICATO;
21)  MAURELLI MAURIZIO, CL.1976, RESIDENTE A NAPOLI, PREGIUDICATO;
22)  BOGGIA VINCENZO, CL.1971, RESIDENTE AD ACERRA (NA);
23)  PICCOLO SALVATORE, CL.1975, RESIDENTE A BOSCOREALE (NA);
24)  COPPOLELLI ANTONIO, CL.1992, RESIDENTE A NAPOLI;
25)  D’AMBROSIO STEFANO, CL.1988, RESIDENTE A NAPOLI;
26)  DE FILIPPO CIRO, CL.1968, RESIDENTE A SAN MARZANO SUL SARNO (SA);
27)  CAPRIOLO GIANLUCA, CL.1988, RESIDENTE A POLLENA TROCCHIA (NA);

Nessun commento: