La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 14 luglio 2015

OPERAZIONI MEDEA - LA STORIA DEGLI IMPRENDITORI PROCESSATI E CONDANNATI - CI SONO ANCHE I FRATELLI MASTROMINICO CHE A SANTA MARIA CV HANNO FATTO BUSINESS

ECCO GLI IMPRENDITORI DI MICHELE ZAGARIA  

Le numerose indagini che hanno coinvolto il gruppo dei Casalesi hanno sistematicamente rivelato l'interesse da parte dell'organizzazione camorristica di . penetrare nei settori dell'imprenditoria.
Alcuni processi, tal uni dei quali (anche definiti  con sentenza, vanno in questa sede a titolo esemplificativo richiamati . ~
• il processo cd. NormandiaII nel quale è emerso il controllo degli appalti con il sistema della rotazione nell'ambito di un ampio cartello di imprenditori collusi, gestito da Carmine SCHIA VONE e Nicola SCHIAVONE; ·
• il processo cd. "Il principe e la ballerina" che ha fatto emergere il sistema di controllo del voto in Casal di Principe e la complicità del Sindaco Cipriano CRISTIANO, condannato per concorso esterno in associazione matìosa in primo grado, nonché la gestione degli affari ad opera del clan Russo-Schiavone per la costruzione di un ·centro Commerciale;
• il processo che ha condotto alla condanna, per lo stesso reato, di Enrico MARTINELLI, Sindaco di San Cipriano d'Aversa;
• il processo in cui è stato condannato per Favoreggiamento di Michele  Zagaria, l'allora sindaco di Grazzanise Enrico PARENTE;
• il processo in cui si è proceduto all'arresto di Fortunato ZAGARIA, Sindaco di
Casapesenna; - . ,
• il processo in cui è stato arrestato per partecipazione ad associazione mafiosa l'imprenditore Giuseppe CARANDENTE TARTAGLIA , socio di fatto di Michele e Pasquale Zagaria nel settore dei rifiuti;
• il processo relativo al mega appalto di Villa Literno, che ha coinvolto il Sindaco Enrico FABOZZI insieme agli imprenditori Giovanni MALINCONICO. e Pasquale e Giuseppe MASTROMINICO;
• il processo cd Titano (n.9368/10), in cui sono  stati condannati diversi esponenti del clan dei casalesi (fazione Schiavone e Zagaria) per avere fatto confluire in territorio di San Marino enormi capitali, ivi riciclati da una locale società finanziaria.
• Il processo n.l787/14, in cui è stata data esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti, tra gli altri, di ZAGARIA Elvira, sorella di Michele, e di DONCIGLIO Raffaele, imprenditore di Casapesenna, gravemente indiziati del delitto di cui all' art.416 bis e di una serie di condotte volte a turbare la regolarità di appalti nel settore della pubblica sanità casertana;
• Il procedimento n.l5858/14, rispetto al quale è stata eseguita una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di CILINDRO Raffaele, imprenditore di Casapesenna, gravemente indiziato di appartenere al clan di Michele Zagaria e di essersi procurato, grazie a tale sua appartenenza, ingenti lavori pubblici e privati

Nessun commento: