La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 28 luglio 2015

CARABINIERI IN AZIONE - LE OPERAZIONI DEL GIORNO IN PROVINCIA DI CASERTA

In Maddaloni (Ce), i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato, in flagranza, Vinciguerra Giuseppe,cl.1981 del posto, perché ritenuto responsabile del reato di evasione. I militari dell’Arma hanno sorpreso il 34enne fuori dalla propria abitazione, dove è sottoposto al regime degli arresti domiciliari. L’arrestato è stato accompagnato nuovamente presso il proprio domicilio, sempre in regime degli arresti domiciliari, in attesa del giudizio per direttissimo dinanzi all’Autorità Giudiziaria.

 In Gricignano di Aversa (Ce), i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato Pezone Filomena, cl.1987 del posto, poiché destinataria di un ordine di carcerazione emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Avellino. La donna, già sottoposta al regime degli arresti domiciliari, dovrà espiare una pena definitiva di anni 7 di reclusione, perché ritenuta responsabile dei reati di maltrattamento e violenza sessuale. L’arrestata è stata tradotta presso la Casa Circondariale di Pozzuoli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


In Macerata Campania (Ce), i carabinieri della Stazione di San Prisco, hanno arrestato F. C. cl.1993 del posto, poiché destinatario di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Ce), per il reato di rapina in concorso. Il provvedimento è scaturito a seguito di una complessa attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, e condotta dai militari dell’Arma di San Prisco che ha consentito di individuare nel 22enne l’autore di una rapina commessa, in concorso con altro soggetto in corso d’identificazione, a San Prisco (Ce) il giorno 30 maggio 2015, in danno di una persona minorenne. L’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Villa Literno (Ce), lungo la strada S.P. Trentola-Ischitella, i Carabinieri della Compagina di Casal di Principe (Ce), nell’ambito di un servizio di controllo del territorio, finalizzato alla prevenzione e repressione del fenomeno della prostituzione su strada, hanno identificato 3 cittadine ucraine, 4 cittadine rumene ed una cittadina albanese. Le 8 cittadine straniere sono state tutte segnalate alla Questura di Caserta per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio dal comune di Villa Literno. Inoltre sono state sanzionate per non aver ottemperato all’ordinanza sindacale che vieta lo stazionato sulla pubblica via, violando il divieto di assumere atteggiamenti, modalità comportamentali, ovvero indossare abbigliamenti che manifestino inequivocabilmente l’intenzione di adescare o esercitare l’attività di meretricio. Alle 8 donne e ad un cliente sono state elevate sanzioni amministrative per un importo pari a euro 1.600,00.

 L’attività di controllo del territorio, con l’avvicinarsi del periodo di massima festività che caratterizza il mese di agosto, si fa sempre più pressante da parte dell’Arma di Piedimonte Matese. L’assidua verifica dei soggetti che si portano verso il Matese ed in particolare verso le zone alto montane,  ha consentito ai militari di San Gregorio di rintracciare un pregiudicato di Piedimonte Matese S.G. di 34 anni, che circolava alla guida di un ciclomotore privo della patente di guida ed il veicolo senza la prevista targa di circolazione. Oltre alle sanzioni amministrative ed al sequestro del veicolo al soggetto è stata richiesta l’applicazione del foglio di via obbligatorio al fine di evitare che possa ritornare nell’area per commettere illeciti. Analoga sorte è toccata ad un altro pluripregiudicato F.S. 48enne proveniente da Colleferro (RM) che si aggirava nel comune di San Gregorio e Castello del Matese nei pressi dei negozi ed abitazione isolate, anche per lui è stato richiesto l’applicazione del foglio di via, fornendo così una risposta alle possibili intenzioni dei malintenzionati.
Ad Alvignano un minore degli anni 18 è stato trovato alla guida di una Fiat Punto mentre circolava liberamente nell’abitato. Oltre alla denuncia a carico del minore per guida senza patente è scattata l’analogo provvedimento a carico dei genitori per incauto affidamento ed il fermo amministrativo del veicolo. A Dragoni ancora una volta i militari della Stazione di Alvignano ed il Radiomobile hanno proceduto al fermo amministrativo di veicoli con pendenze amministrative a carico dell’Ente erogatore del prestito di acquisto, a cio si aggiungono le innumerevoli sanzioni per guida con veicoli sprovvisti di copertura assicurativa ai sensi dell’art. 193 C.d.S. che nonostante i continui controlli sono ancora appannaggio di numerose persone.


I Carabinieri della Stazione di Mondragone hanno arrestato Palmieri Rocco, cl.1978 del posto, poiché ritenuto responsabile del reato di lesioni personali aggravate. I militari dell’Arma lo hanno rintracciato e bloccato poco dopo che aveva aggredito e percosso violentemente due persone con un grosso bastone di legno fortificato da chiodi, nel corso di una lite scaturita per futili motivi riconducibile a rancori personali. Le vittime sono una 61enne ed una 31 enne del luogo, le quali soccorse e trasportate dai sanitari del 118 presso il pronto soccorso della clinica “Pineta Grande” di Castel Volturno, sono state entrambe giudicate guaribili in giorni 30 rispettivamente per vari traumi e fratture. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, i militari rinvenivano e sequestravano la citata arma impropria. L’arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa della celebrazione del rito direttissimo.


Nessun commento: