La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

lunedì 13 luglio 2015

CARABINIERI IN AZIONE - LE OPERAZIONI DEL GIORNO IN PROVINCIA DI CASERTA

Nel corso della mattinata, in Trentola Ducenta (Ce), i carabinieri del locale Comando Stazione hanno eseguito un’ordinanza di aggravamento,  emessa dall’ ufficio di Sorveglianza di Napoli, che ha disposto la detenzione in carcere nei confronti di BRANCIA Ciro, cl. 75, del posto, già sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali e detenzione domiciliare. La misura è scaturita dall’attività di controllo svolta dai militari di quel Comando Stazione, che hanno accertato le ripetute violazioni alla misura impostagli dell’A.G.. L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere (CE).



 Nella tarda mattinata, in Teano (CE), località S. Croce, in un  cantiere edile a ridosso della linea ferroviaria  - tratta Cassino/Caserta, interessato a lavori di palificazione con barriere protettive, un 39enne di Marzano Appio, operaio di una ditta di Caserta, mentre era alla guida di un mezzo del tipo “betondumpers”, utilizzato per il trasporto del calcestruzzo,  per cause in corso di accertamento, si è ribaltato infortunandosi. L’uomo è stato trasportato, da personale del 118, presso L’Ospedale Civile di Caserta, dove è tutt’ora ricoverato in prognosi riservata per: “trauma toracoaddomino perineale”. Sul posto sono giunti i carabinieri del Comando Stazione di Teano che hanno provveduto a sottoporre a sequestro il mezzo e ad informare l’Autorità Giudiziaria. Sul posto è intervenuto anche personale A.S.L. -prevenzione luoghi di lavoro.

I Carabinieri della Compagnia di Mondragone, durante l’ultimo fine settimana, nell’ambito di un servizio volto al contrasto dell’illegalità diffusa, hanno arrestato Chiarolanza Antonio, cl.1975 di Mondragone, poiché ritenuto responsabile di violazioni agli obblighi imposti da misura sorveglianza speciale con obbligo soggiorno a cui è sottoposto. L’arrestato è stato accompagnato presso il proprio domicilio, in regime degli arresti domiciliari, in attesa del rito per direttissimo da celebrarsi dinanzi all’Autorità Giudiziaria.
Nell’ambito del medesimo servizio, i militari dell’Arma, in collaborazione con il personale dell’Enel, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria 7 persone, tutte di Mondragone, poiché ritenute responsabili del reato di furto di energia elettrica, mediante manomissione dei contatori e realizzazione di allacci abusivi direttamente sulla cabina, alimentando le proprie abitazioni.
Il personale della Compagnia di Mondragone ha inoltre, deferito all’Autorità Giudiziaria un 26enne perché trovato in possesso, presso la propria abitazione di Mondragone, di tabacchi lavorati esteri di contrabbando. Il materiale è stato sottoposto a sequestro. Altre 4 persone sono state denunciate per guida senza patente.
Nel medesimo contesto sono stati deferiti un 27enne di Castel Volturno ed un 25enne di Mondragone, il primo ritenuto responsabile del reato di evasione dagli arresti domiciliari, mentre il secondo per detenzione ai fini di spaccio, poiché nel corso di una perquisizione domiciliare di quest’ultimo hanno rinvenuto della sostanza stupefacente di tipo cocaina, un bilancino di precisione e sostanza da taglio del tipo mannitolo.
Sono state inoltre identificate ed accompagnate presso il C.I.E. di Roma Ponte Galeria una 28enne ed una 23enne, la prima di origini georgiana e la seconda di origini ucraine, sorprese a praticare l’attività di meretricio nella località Ischitella di Castel Volturno.

Nessun commento: