La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

lunedì 22 giugno 2015

NUOVO COLPO ALL’ASSOCIAZIONE A DELINQUERE CAMPANA SPECIALIZZATA NEL RICETTARE FARMACI RUBATI. ESEGUITE 9 MISURE CAUTELARI, ANCHE NEI CONFRONTI DI NOTA FARMACISTA DEL QUARTIERE NAPOLETANO DI SAN LORENZO

 Il Gruppo di Fiumicino della Guardia di Finanza ed il Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, nell’ambito dell’operazione “PharmaLab”, hanno eseguito una nuova ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Napoli Nord, su richiesta del Sostituto Procuratore Dott.ssa Diana RUSSO, nei confronti di nove soggetti, tutti campani, tra cui anche una nota farmacista napoletana, appartenenti ad una pericolosa associazione a delinquere, operante nelle province di Napoli, Caserta e Genova, specializzata nel ricettare ingenti quantitativi di farmaci di provenienza delittuosa, provento di furto. Nel giugno 2014 le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Roma sequestrarono un ingente quantitativo di farmaci rubati ed arrestarono un primo farmacista della provincia di Salerno, tutt’ora sottoposto a misura cautelare. Le successive indagini hanno consentito, nel marzo 2015, di individuare i soggetti partecipi del sodalizio criminale, delineare il loro ruolo ed eseguire un primo provvedimento cautelare nei loro confronti. Le recenti indagini, anche di natura tecniche, hanno permesso di raccogliere nuovi e circostanziati elementi probatori, appurare la reiterazione delle condotte delittuose da parte di tutti i soggetti facenti parte al gruppo, nonché individuare un’ulteriore deposito occulto. Tali ultimi riscontri, hanno consentito l’emissione del recente provvedimento restrittivo della libertà personale nei confronti di tutti i soggetti, nonché di una ulteriore farmacista partenopea. Oltre all’esecuzione delle misure cautelari personali, è stato sottoposto a perquisizione un nuovo immobile in uso al sodalizio criminale, ubicato a Casoria, divenuto l’attuale deposito del farmaci rubati. L’operazione ha permesso di impedire che migliaia di costosissimi farmaci, oramai inutilizzabili e pericolosi per la salute dei consumatori, potessero invadere i banchi delle farmacie compiacenti dislocate su tutto il territorio nazionale ed impedire al gruppo criminale senza scrupoli di lucrare a discapito della salute degli ignari malati. Le indagini, condotte anche con l’ausilio di intercettazioni telefoniche ed ambientali sono state possibili grazie ad un’intensa e dinamica attività investigativa che ha accertato, in termini giudiziari, la responsabilità penale di tutti i sodali, tra l’altro già arrestati in passato, per le medesime condotte criminali. In più interventi repressivi sono stati rinvenuti e sequestrati oltre 68.000 confezioni di farmaci di vario tipo, genere ed origine - anche Comando Provinciale Guardia di Finanza Roma 00141 Roma, Via Nomentana 591 Tel  06.87022372 Fax  06.87022364 ospedaliera - per un valore di mercato pari a circa 1.800.000,00 euro, stoccati in depositi occulti ed in due farmacie, situati ad Arzano, Casoria e Napoli. Le attuali attività investigative, dirette dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, hanno messo in evidenza le reiterate condotte criminose di tutti i sodali che ora dovranno rispendere dei reati previsti e puniti ex artt. 416 (associazione a delinquere), 648 c.p. (ricettazione), art 73 D.P.R. 309/90 (detenzione di sostanze stupefacenti) e art. 61 c.p. (circostanze aggravanti). 

Nessun commento: