La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

domenica 21 giugno 2015

MIGRANTI – ZINZI (FORZA ITALIA): “NO A SOLUZIONI DALL’ALTO. LA NOSTRA E’ UNA TERRA DI EMERGENZE, NON PUO’ SUPPORTARE ALTRE GRAVI CRITICITA’”.



“Il nostro territorio vive costantemente in emergenza e non è certamente in grado di supportare altre situazioni di enorme criticità come quella dell’accoglienza di circa 1300 migranti. Gli episodi di tensione che si sono registrati ieri a Pontelatone non fanno che confermare tutto ciò”. Così il consigliere regionale di Forza Italia, Gianpiero Zinzi, ha commentato la notizia dell’arrivo, a partire dal prossimo agosto, di 1280 migranti in provincia di Caserta, che dovranno essere ospitati in apposite strutture dislocate sull’intero territorio.
“Questa vicenda – ha proseguito Zinzi – è la dimostrazione plastica dell’incapacità del Governo Renzi, che scarica sui territori la propria inadeguatezza nell’affrontare il problema immigrazione, soprattutto a livello europeo. In questo caso il razzismo non c’entra nulla. Crediamo fortemente nel valore della solidarietà, che resta un principio cardine del vivere civile. Tuttavia, esso non deve mai comportare il venir meno della sicurezza delle nostre città e dei nostri cittadini, che resta l’assoluta priorità. Imporre ai territori soluzioni dall’alto e irrazionali, senza tener conto delle realtà locali e dei loro problemi, è irresponsabile e non fa altro che aumentare le tensioni sociali e le difficoltà nell’accoglienza di chi chiede aiuto”.


Nessun commento: