La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 2 giugno 2015

A PIAZZA PULITA LA BINDY FA IL CATENACCIO SUL CASO DE LUCA - SI RIFANNO LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE ? LA PARTITA SI GIOCA ALL'INTERNO DEL PD

 Dopo la conclusione delle elezioni amministrative regionali , la partita sulla credibilità  politica della Regione Campania si gioca esclusivamente all’interno del pd nazionale e soprattutto regionale.
Ieri sera alla trasmissione della la 7 “ Piazza Pulita” una Rosy Bindi alquanto “ catenacciaria “( termine di colei che si difende come in una partita di calcio )si è espressa senza mezzi termini contro il suo partito, che l’aveva accusata di esagerare sulla vicenda De Luca dopo la conferenza stampa in qualità di figura istituzionale della nazione perché ricoprente la carica di presidente della commissione antimafia.  

La Bindi che mastica di politica da oltre un trentennio, ha lasciato far capire che qualcosa si potrebbe muovere contro l’ex sindaco di Salerno Vincenzo de Luca applicando un vecchio reato di abuso di ufficio contestualmente lla legge Severino che potrebbe in ogni caso sospendere dalla carica il neo presidente eletto e quindi iniziare tutto daccapo . ma che cosa ha voluto dire il presidente della commissione antimafia , che ci saranno nuove elezioni in Campania ? E’ presto a dirlo, perché il partito del pd a livello nazionale  dovrà in ogni caso fare un esame di coscienza perché mandare al macero De Luca, significa in primis non riconoscere la sua leadership nel partito da oltre un ventennio , ma soprattutto far ricandidare le persone che hanno speso soldi e lavoro per la campagna elettorale 2015? Ma una domanda
sorge spontanea “ Perché , e questo lo hanno detto anche gli ospiti della trasmissione tra cui Lucia Annunziata e Paolo  Mieli, proprio a distanza di 48 ore dalle lezioni amministrative, quando si sapeva da tempo?, ma io ci aggiungerei  Cosa non ha funzionato nella macchina politico istituzionale del paese ? Ma i dati giudiziari nei confronti dei candidati che si erano presentati alle elezioni amministrative 2015 ,la commissione,  a che data erano stati  aggiornati?
 Una cosa è certa si la Rosy Bindi che il neo presidente De luca sono due combattenti politici che ci hanno messo la faccia , ma soprattutto tutti i candidati consiglieri che in un momento così storico mentre si stanno gustando la vittoria certamente non pensano  assolutamente ad una nuova  battaglia per una nuova elezione amministrativa.
 Staremo a vedere      

Nessun commento: