La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

lunedì 9 febbraio 2015

CASTELVOLTURNO - LA POLIZIA FERMA CAPO ZONA DI PORTA NOLANA

Davvero non conosce sosta l’attività di prevenzione e repressione dei reati posta in essere  dagli uomini del del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Castel Volturno, diretto dal Vice Questore Aggiunto d.ssa Carmela D’AMORE che già negli ultimi giorni ha permesso di conseguire importanti risultati sul fronte del contrasto alla criminalità in genere nonché sul quello della lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti che, notoriamente, vede Castel Volturno tra le “mete preferite” dei tossicomani di ogni dove. Non meno importante, tutt’altro, è l’arresto effettuato dagli uomini della Squadra Anticrimine nella giornata di oggi, allorquando, all’esito di un’attività info-investigativa, rintracciavano, in un appartamento di Destra Volturno, D’ONOFRIO Antonio, napoletano della zona di “Porta Nolana” di 44 anni, pluripregiudicato legato alle organizzazioni criminali c he detengono il monopolio del traffico e dello spaccio in Caivano.
L’uomo, con precedenti specifici anche in materia di reati traffico e spaccio di sostanze stupefacenti fu coinvolto nell’operazione denominata “Discount 2” che porto, agli inizi del 2001, all’arresto di numerosi affiliati, tutti accusati di traffico e spaccio di droga. Non solo. Nel 2006 fu arrestato perché ritenuto colpevole dell’omicidio in danno di tale FALCO, commesso a Caivano nel 1196.

Quando è stato rintracciato dagli agenti il D’ONOFRIO non ha opposto alcuna resistenza e, una volta ultimate le formalità, è stato associato alla Casa Circ.le di S. Maria C.V. 

Nessun commento: