La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

venerdì 16 gennaio 2015

CARABINIERI IN AZIONE - LE OPERAZIONI DEL GIORNO IN PROVINCIA DI CASERTA


I carabinieri del Comando Stazione di Lusciano (CE), hanno eseguito un’ordinanza di aggravamento della misura degli arresti domiciliari, emessa dalla Corte di Appello di Napoli, che ha disposto custodia cautelare in carcere nei confronti di COSTANZO Pasquale, cl. 82, del luogo, già sottoposto agli arresti domiciliari. Il provvedimento scaturisce da ripetute violazioni agli obblighi imposti dall’A.G. Il COSTANZO è stato associato presso la casa circondariale di S.M. Capua Vetere (CE).
Tarda mattinata odierna, in Giano Vetusto (CE), via s.p. 307 incrocio per Calvi Risorta (CE), autovettura Volkswagen Golf, condotta da un 25enne del posto, causa corso accertamenti, impattava frontalmente con autovettura Fiat Punto, condotta da un 50enne infermiere di Pignataro Maggiore (CE), marciante in senso opposto. Seguito violentissimo impatto il conducente della Fiat Punto decedeva sul colpo, come costatato da personale 118 intervenuto. Il conducente della W. Golf, invece, veniva trasportato presso l’ospedale civile di Caserta (CE) dove rimaneva ricoverato in prognosi riservata. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i militari del locale comando Stazione e quelli del radiomobile della Compagnia di Capua che hanno effettuato i rilievi. La salma è stata traslata presso l’istituto di medicina legale di Caserta.
 In data 17 settembre 2014 fu tratto in arresto dai carabinieri della Stazione di San Felice a Cancello per maltrattamenti in famiglia e lesioni. In quella circostanza  i militari dell’Arma, intervenuti a seguito di una richiesta pervenuta al 112, lo sorpresero, in flagranza,  nel mentre inveiva contro la moglie, 30enne, che aveva, poco prima dell’arrivo dei carabinieri, anche aggredita con calci e pugni e minacciata di morte. Questa mattina, gli stessi militari dell’arma hanno notificato a TERRACCIANO Giuseppe Fiore, cl. 77, di Arienzo,l’ordinanza di aggravamento della misura cautelare, per maltrattamenti in famiglia, emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – 1° sez. penale.Lo stesso, infatti, nonostante agli arresti domiciliari, ha continuato a minacciare telefonicamente la moglie. Il tutto è stato accuratamente accertato e documentato dai carabinieri della Stazione di San Felice a Cancello che hanno relazionato all’Autorità Giudiziaria. Da qui l’emissione dell’odierno provvedimento consistente nell’aggravamento della misura cautelare nei confronti del TERRACCIANO che è stato, quindi, condotto presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere. 

Il 12 e 13 gennaio scorso, in Frignano (CE), i carabinieri del locale Comando Stazione hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto rispettivamente CORONELLA Raffaele, cl. 83 di Villa di Briano (CE) e di fatto domiciliato in San Marcellino (CE) e PAVEL George Marian, cl. 89, rumeno,  residente in Villa di Briano (CE). I due, in concorso con altro complice resosi irreperibile, sono ritenuti responsabili di violenza sessuale di gruppo e lesioni personali, commessi ai danni di una 32enne polacca residente in Villa di Briano.  Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti la donna l’11 gennaio scorso avrebbe conosciuto i tre in un locale di San Marcellino. Alle ore 23.00, al momento di andare via dal locale, la 32enne avrebbe chiesto un passaggio. I tre, invece di accompagnarla a casa, l’avrebbero condotta in un terreno agricolo di Frignano, dove l’avrebbero violentata. Il CORONELLA ed il PAVEL sono stati associati presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.  Questa mattina, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato il fermo.    
ICapua (CE), i Carabinieri della locale stazione, hanno arrestato, in esecuzione dell’ordine di carcerazione per espiazione pena detentiva emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di S. Maria Capua Vetere (CE), il pregiudicato Maiello Giovannicl. 1965del luogoL’uomo dovrà espiare una pena definitiva di mesi 6 e giorni 20 di reclusione perché riconosciuto colpevole di furto aggravato commesso in data 30.11.2011 in Santa Maria Capua VeterePertanto l’uomo è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

ICasaluce  (CE), via Provinciale Teverola Casaluce, i Carabinieri della stazione di San Prisco (CE), in collaborazione con quelli della stazione di Teverola (CE) hanno arrestato, in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Esposito Luigi, cl. 1978 di Mugnano di Napoli (NA). L’uomo, nel corso di un servizio di controllo del territorio, controllato a bordo dell’autovettura in uso, si è subito mostrato oltremodo agitato insospettendo i militari dell’Arma. Durante la perquisizione, infatti, è stato trovato in possesso di un involucro contenente gr. 600 di sostanza stupefacente del tipo marijuana, occultata sotto il sedile lato passeggero dell’autovettura. La sostanza stupefacente è stata sequestrata mentre l’arrestato è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere e posto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

In Carinola (CE) località San Rocco, i Carabinieri della locale stazione, nell’ambito di uno specifico servizio finalizzato salvaguardia e la tutela ambientale hanno deferito, in stato di libertà,  due persone del luogo responsabili di aver adibito un terreno di circa 2000 (duemila) mq. a sito di stoccaggio e smaltimento non autorizzato di rifiuti, in particolare di materiali edili di risulta. L’area è stata sottoposta a sequestro.

Nessun commento: