La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

martedì 16 dicembre 2014

GUARDIA DI FINANZA DI CASERTA: RILEVATO L’OMESSO VERSAMENTO DEL TRIBUTO SPECIALE SUI RIFIUTI PER OLTRE DUE MILIONI DI EURO DA PARTE DEL CONSORZIO SALERNO 2.




Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta, su indicazione dei competenti Uffici della Regione Campania, ha accertato l’omesso versamento del tributo speciale, per oltre 2 milioni di euro, da parte del Consorzio dei Comuni del Bacino SALERNO 2 conseguente al conferimento di rifiuti nella discarica di S. Tammaro (CE), località Maruzzella, negli anni 2011 e 2012.Attraverso una complessa analisi della documentazione acquisita, è emerso che il Consorzio SALERNO 2, debitore d’imposta del tributo in parola, a fronte del conferimento da parte della Provincia di Caserta di circa 600 mila tonnellate di rifiuti, non ha effettuato alla regione Campania i versamenti relativi agli anni in esame, quale previsto ristoro ambientale.
Oltre al tributo speciale, l’ente consortile dovrà ora versare nelle casse regionali ulteriori 750 mila euro a titolo di sanzione pecuniaria.

Il tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi (c.d. “ECOTASSA”), disciplinato dalla legge regionale n. 16 del 07.12.2010, si applica per il conferimento in discarica dei rifiuti provenienti da attività di bonifica e smaltimento. Il soggetto passivo d’imposta è il gestore dell’impresa di stoccaggio definitivo, ossia il Consorzio SALERNO 2, con obbligo di rivalsa nei confronti di colui che effettua il conferimento.

Già nel 2011 i militari del Nucleo avevano contestato la medesima violazione al Consorzio, per altri due milioni di euro, relativamente alle precedenti annualità 2009 e 2010.


Il risultato odierno si inquadra nell’ambito delle attività di polizia economico – finanziaria svolte dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta in collaborazione con gli enti locali.

Nessun commento: