La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

giovedì 25 settembre 2014

CASAPESENNA - LA SQUADRA MOBILE DI CASERTA ESEGUE TRE PROVVEDIMENTI NEI CONFRONTI DI AGENTI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Nel corso della mattinata, la Polizia di Stato di Caserta ha eseguito una Ordinanza di applicazione della misura cautelare coercitiva personale dell’obbligo di presentazione alla P.G., emessa dalla Sezione del G.I.P. presso il Tribunale di Napoli Nord, in relazione al reato di truffa aggravata continuata, nei confronti di tre appartenenti al Corpo della Polizia Municipale di Casapesenna (CE), Z. P., cl. 58; Z. S., cl. 54, e G. P., cl. 55.
Le indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, e condotte dalla Squadra Mobile di Caserta, tramite prolungati servizi di osservazione e pedinamento, permettevano di accertare come i tre indagati, abitualmente, dopo avere effettuato il breve servizio di vigilanza e viabilità nei pressi delle scuole, arbitrariamente non proseguivano le analoghe attività nei luoghi loro assegnati con formale ordine di servizio del loro comando.
In particolare, i pedinamenti, anche di tipo tecnologico, effettuati tramite installazione di sistemi di localizzazione GPS sulle autovetture private dei citati vigili, permettevano di rilevare come gli stessi, pressoché quotidianamente, a bordo dei loro veicoli, abbandonavano o non assumevano il servizio nei luoghi stabiliti con l’ordine giornaliero, trascorrendo il loro turno dedicandosi alle loro personali e private occupazioni quali la spesa, magari insieme alla moglie, o altre commissioni, ovvero si recavano in altri comuni limitrofi per consumare il caffè o, addirittura, uno di essi, raggiungeva un appezzamento di terreno di proprietà, ubicato nel comune confinante, per curare le viti che vi erano impiantate

Gli accertamenti degli investigatori venivano estesi allo stato di servizio degli indagati, permettendo di rilevare che presso il Comando dei Vigili Urbani di Casapesenna da anni non vengono svolte le ordinarie attività di controllo alla viabilità, né elevate contravvenzioni per violazioni al C. di S. ovvero effettuate ispezioni amministrative e ad eventuali cantieri edili aperti nel territorio

Nessun commento: