La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

giovedì 25 settembre 2014

CARABINIERI IN AZIONE - LE OPERAZIONI DEL GIORNO A CASERTA

In merito ai fatti di cui al comunicato stampa inviato precedentemente e che ad ogni buon fine si riporta a seguito si specifica che la banconota di euro 10 elargita dall’arrestato non venne intascata dalla vittima ma dal suo fidanzato che appena venutone in possesso si allontanò con una scusa lasciando vittima ed aggressore soli nei giardini. La ragazza, pertanto, come risulta agli atti, non si è mai mostrata consenziente verso l’ Ibrai Sali.

In Caserta, nei giardini di piazza Carlo III, i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della locale compagnia hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto il cittadino rumeno Ibrai Sali, cl. 83, domiciliato in Casagiove (CE), poiché gravemente indiziato per il reato di violenza sessuale. L’uomo, la notte del 14 giugno 2014, proprio in piazza Carlo III, incontrò un suo connazionale residente a Reggio Rmilia, unitamente alla fidanzata, una ventenne del casertano. Nella circostanza, in cambio di 10 euro, abusò sessualmente della giovane fuggendo subito dopo. la ragazza, invece, venne trasportata presso l’spedale di Caserta, dove le fu diagnosticato un “trauma escoriatico genitale. trauma spalla dx. depressione reattiva” e giudicata guaribile in 7 gg.. La successiva attività info-investigativa, avviata dai Carabinieri, ha consentito di ricostruire i fatti e raccogliere inconfutabili elementi di colpevolezza nei confronti del fermato che è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. L’A.G., condividendo appieno le risultanze investigative dell’Arma ha convalidato il fermo disponendo la detenzione in carcere perIbrai Sali.

Nessun commento: