La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

domenica 17 agosto 2014

CARI PARLAMENTARI DI FORZA ITALIA , PD E NUOVO CENTRO DESTRA RIMARRETE SEMPRE DEI BANDITI!!! ( ogni riferimento è a quelli che si sentono mammasantissintimi ma in realta’ sono degli emeriti imbecilli !!!!)



La scarcerazione dell’onorevole Cesaro , secondo i parlamentari del centro destra ha comunque aperto uno spiraglio nella vita politica ed amministrativa del paese rivendicando i torti ricevuti . Ma le dichiarazioni e i comunicati stampa che si sono susseguiti in questi giorni  da parte di pseudo onorevoli ex alleanzini, forzisti  e del centro destra sono  stati degli autentici boomerang.
 Tanto per capirci l’inchiesta non è chiusa e pertanto si sa in Italia durante il periodo estivo ne accano di cotte e di crude .
 Non a caso c’è una importante indagine  che ha ramificato i suoi rami  anche nelle altre che si sono susseguite grazie ad una confessione più volte ripresa in parecchi fascicoli. E’ quella dell’imprenditore  Ragosta e del suo gruppo legato, guarda caso, anche alle partecipazioni in alberghi e flotte navali ,  più volte raggiunto da misure restrittive della liberta’ personale che nel luglio 2012 ha reso dichiarazioni molto raccapriccianti su uffici della pubblica amministrazione e più precisamente  su fatti corruttivi e concussivi.
Gli episodi  che venivano elencati, non solo avevano a che fare con uffici della pubblica amministrazione che erano nei paraggi del centro di Napoli , ma anche personaggi politici che ricoprivano incarichi importanti fra cui il presidente della provincia che all’epoca era l’onorevole Luigi Cesaro.
Il teorema che i magistrati della DDA di Napoli tentano  di attuare, è quello che più volte abbiamo dichiarato da questo blog e cioè quello del triunvirato composto da camorra, imprenditoria e politica passando anche dagli uffici delle pubbliche  amministrazione, che assomiglia per certi versi a ciò che aveva enunciato Dante Alighieri nella Divina Commedia  - Padre, figliuolo e Spirito Santo.
Ebbene tutto ciò è stato la base di una approfondita inchiesta più volte scritta da questo blog leggendo provvedimenti giudiziari che si sono susseguiti nel corso degli ultimi 2 anni, dove il sottoscritto da voce libera dell’informazione ha  cercato di informare , ma più volte è stato deriso perché non apparteneva a nessun colore politico e sigle sindacali, ma stante a ciò che è stato dichiarato addirittura è stato messo in “quarantena” anche dal punto di vista lavorativo .
 La monezza quindi non è quella che è stata debellata o meglio è stata isolata,  fra cui l’onorevole Nicola Cosentino, ma sono tutti quelli che si ergono a paladini della giustizia perché desiderano essere al di sopra di ogni sospetti , quando poi i sospettati sono loro .
 Caro presidente Silvio Berlusconi  se lei avesse avuto parlamentari  e consigliori  con i testicoli  e una donna al suo fianco che non avrebbe badato soltanto a nascondere le magagne di una Campania   malandata politicamente parlando, forse oggi farebbe ancora il presidente del consiglio.

 Si ricordi presidente l’unità d’Italia nacque a Napoli dopo le quattro giornate .  

Nessun commento: