La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

venerdì 25 aprile 2014

SANTA MARIA CV - LA SODDISFAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI . IN ARRIVO I FONDI PER DUE NUOVI ASILI


Negli ultimi anni, la situazione finanziaria dei Comuni, soprattutto al sud, sta attraversando momenti di considerevoli difficoltà. Per fare il sindaco di una città oggi non serve solo il carisma, la conoscenza delle leggi, una spiccata capacità amministrativa, ma anche una buona dose di coraggio, perché mentre da un lato lo Stato cerca di far quadrare i bilanci, dall’altro cresce la necessità di assistenza e supporto ai cittadini in termini di servizi.I Comuni, nonostante un’autonomia finanziaria sempre più ridotta dal Patto di stabilità, cercano, quindi,di rintracciare, attraverso strumenti conoscitivi e operativi, le risorse finanziarie, congruenti con gli interventi e gli obiettivi strategici preposti.
Nel programma elettorale del candidato sindaco di S. Maria Capua Vetere, Biagio Maria Di Muro, e della sua coalizione, fu inserita all’epoca una nota importante: “ …le proposte in programma non vogliono rappresentare ‘il libro dei sogni’, ma sono obiettivi raggiungibili che impegnano a perseguirli concretamente e naturalmente per gradi, nei dovuti tempi e con le necessarie risorse finanziarie”.
PACTA SERVANDA SUNT
"Ciò che è stato stabilito per accordo va mantenuto" o, secondo l'interpretazione popolare, " I patti vanno rispettati".
Un milione e quattrocentomila euro per due asili nido in città.
Questo è l’esito di una richiesta di finanziamento avanzata dall’amministrazione comunale, che ha visto terminare pochi giorni fa il suo iter.
Il sindaco Biagio Di Muro, infatti, ha firmato a Napoli, alla direzione generale delle politiche sociali della Regione Campania, i due atti di concessione dei fondi (messi a disposizione dall’Unione Europea) per la ristrutturazione degli edifici che dovranno ospitare i bambini.
 Si tratta del plesso scolastico del rione Iacp e di una parte dell’ex Mulino Buffolano, destinati ad accogliere 36 bambini ciascuno, per un totale di 72 posti in asili nido comunali.
Lo stesso atto di concessione dei finanziamenti prevede che, entro giugno del 2015, i lavori di ristrutturazione dovranno essere completati, in modo da avviare l’attività a partire dall’anno scolastico 2015-2016.
La realizzazione di due asili nido – commenta il sindaco Di Muro – rappresenta un passo importante nella direzione del sostegno alle famiglie e delle politiche sociali in generale. La possibilità, anche se per il momento limitata a 72 bambini, di essere accuditi in strutture qualificate costituisce un valido aiuto per i genitori, specialmente nel contesto del rione Iacp. Il nostro impegno dovrà proseguire lungo la stessa strada, con l’obiettivo di venire incontro alle esigenze anche di altre zone della città. E’ indubbio, comunque, che il via libera ai due asili nido è un intervento che le giovani famiglie sammaritane attendevano da anni”.
L’asilo nido nel Rione IACP è solo uno dei tanti interventi che sono in programma per arricchire e migliorare la vivibilità del quartiere per troppo tempo abbandonato all’incuria e al disinteressamento totale
Finalmente, dopo essere intervenuti  solo sulle tante emergenze che hanno assorbito le energie e l’attenzione del Sindaco e dell’Amministrazione comunale, si può cominciare ad attuare ciò che era stato  promesso in campagna elettorale : a breve saranno distaccati ,proprio agli IACP, gli uffici dei Servizi Sociali. 
Gli impegni presi saranno portati a termine, ci vorrà più tempo di quanto si era pensato ma il quartiere degli IACP  vedrà a breve  il suo completo recupero così come gli altri quartieri periferici della città (rotonda e farmacia a Sant’Andrea).


Nessun commento: