La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

domenica 23 marzo 2014

ASSOCIAZIONE GIORNALISTI TERRA DI LAVORO: VENGA RISPETTATA LA LEGGE 150/2000 ALL’INTERNO DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE DI CASERTA.





                                   

Siamo venuti a conoscenza che, a breve, si dovrebbero prendere alcune decisioni all'interno di importanti strutture della pubblica amministrazione di Terra di Lavoro, dalle quali si comprende come il processo di armonizzazione tra le funzioni di governo e quelle relative alla comunicazione delle stesse sia ancora fortemente condizionato da una cattiva conoscenza delle norme che da anni regolano questo rapporto in maniera precisa e adeguata.
Nell’Asl di Caserta e nell’Azienda ospedaliera "Sant’Anna e San Sebastiano" della stessa città esistono delle strutture organizzate dotate di risorse e
personale qualificato, che, nel pieno rispetto dei contenuti previsti dalla
normativa vigente (a partire dalla legge 150/2000 e dalle linee guida, decise
dalla Regione Campania - decreto 18/2013, capitolo 10-Comunicazione nelle Aziende sanitarie), sovraintendono alla elaborazione delle strategie di comunicazione, definendone i contenuti e producendo informazioni e documentazioni sulle attività svolte, sia in campo amministrativo che sanitario.
Nell’Asl esiste una situazione di evidente carenza relativa ai requisiti e alle
competenze, che porta questa azienda (come ha notato, in una sua recente
lettera, il Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana
Giovanni Rossi) ad utilizzare, addirittura, personale non iscritto all’albo dei
giornalisti. Di contro, nell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano”, una struttura di grande valore professionale, guidata da un giornalista regolarmente iscritto all'Ordine nazionale dei giornalisti, verrebbe ridimensionata e professionalmente mortificata attraverso una nuova classificazione, che la trasformerebbe da unità operativa complessa, quale dovrebbe essere sicuramente, in base alle norme citate, a struttura semplice e per di più incomprensibilmente inserita alle dipendenze di un’Unità Operativa Complessa appartenente al comparto sanitario.
E’ chiaro che un atto così discriminatorio, che mortifica la dignità dei giornalisti, non potrebbe mai essere approvato dalle istituzioni di categoria (Ordine dei Giornalisti ed Organizzazioni Sindacali territoriali e nazionali). Invitiamo, perciò, i soggetti istituzionalmente responsabili, prima di assumere ogni decisione, a valutare attentamente e con scrupolo i dettami contenuti nelle norme che disciplinano rigorosamente i sistemi di comunicazione all’interno delle aziende pubbliche.

Nessun commento: