La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

lunedì 27 gennaio 2014

GUARDIA DI FINANZA: Tassati i proventi illeciti frutto di una truffa all’ INPS,scoperta dalle Fiamme Gialle di Ariano Irpino

Era giugno dello scorso anno, allorché la Guardia di Finanzaportava a compimento la complessa indagine sulle indebite percezioni previdenziali a danno dell’INPS, e, per esso, dello Stato. Nel corso delle attività investigative, venivano deferite all’Autorità giudiziaria della soppressa Procura di Ariano Irpino, per truffa ai danni dello Stato, due donne;(contesto, ora, al vaglio della Procura della Repubblica di Benevento).Una, perché era riuscita a “scucire”,decine di migliaia di euro,avendo ottenuto, mediante artifici, una prestazione pensionistica a favore di una ignara zia, che, però, incassava lei, giacché delegata, anche dopo la morte della parente, non avendonecomunicato all’Inps il decesso.
La seconda,poiché aveva scientemente falsificato i certificati medici prodotti all’ ASL e all’INPS, e strumentali al riconoscimento delle pensioni d’invalidità e di accompagnamento, che, pertanto, percepiva indebitamente.I finanzieri di Ariano Irpino l’hanno seguita per mesi, e l’hanno ripresa mentre faceva regolarmente la spesa, prendeva i mezzi pubblici e faceva lunghe passeggiate in centro tra i negozi, sempre da sola.

Nei giorni scorsi, i finanzieri hanno definitivamente concluso il servizio. Hanno tassato i proventi illeciti percepiti, per un ammontare complessivo di decine di migliaia di euro. È in forza dell’art. 14, della Legge 537/1993, che la Guardia di Finanza, oltreché scovare simili condotte, riconduce a tassazione i relativi, illeciti arricchimenti dalle stesse prodotte. Quindi, il maltolto allo Stato, viene, con tutti i mezzi consentiti, anche la tassazione, ricondotto nelle casse del legittimo titolare, ossia, la collettività: quella che onestamente contribuisce alle spese pubbliche, e che, giustamente, si indigna innanzi a spregiudicate furberie.

Nessun commento: