La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

mercoledì 23 ottobre 2013

GUARDIA DI FINANZA DI CASERTA: COOPERATIVA EDILIZIA EVADE AL FISCO OLTRE 5 MILIONI DI EURO

Al termine di una complessa e articolata verifica fiscale nei confronti di una società cooperativa costituita per la costruzione di civili abitazioni, i militari della Compagnia di Caserta hanno scoperto una maxi evasione fiscale di oltre 5 milioni di euro.
Le cooperative edilizie sono “società” senza scopo di lucro, la cui finalità è la costruzione di abitazioni destinate ai soci.
Gli appartamenti costruiti in cooperativa permettono un notevole abbattimento dei costi, in quanto, per legge, i prezzi non possono superare il tetto massimo fissato dal Comitato per l'Edilizia Residenziale.
Per questi motivi, comprare casa tramite le cooperative può risultare vantaggioso per chi non ha tante disponibilità economiche, rientrando così in determinate fasce di reddito o di agevolazioni di acquisto dell’immobile.
Spesso tali associazioni, infatti, usufruiscono del credito edilizio agevolato rilasciato dalle Regioni proprio a questo scopo. Ecco perché questo determina il fatto che bisogna possedere specifici requisiti per concorrere alla graduatoria per l’aggiudicazione dell’appartamento che si costruisce in cooperativa.
Inoltre, tali tipologie di imprese collettive hanno anche diritto ad altre forme di agevolazioni fiscali, come l’imposta di bollo, quella di registro e la deduzione dal reddito soggetto ad IRES.
Nel caso specifico, le indagini hanno evidenziato come il presidente della “finta cooperativa” abbia gestito la stessa come una vera e propria società lucrativa, applicando agli acquirenti degli appartamenti, “finti soci”, il prezzo di mercato, anziché quello agevolato, che riscuoteva per lo più in nero.
In definitiva, quindi, il costruttore ha ottenuto un doppio vantaggio economico derivante da un lato dalla possibilità di ricorrere alle agevolazioni fiscali e dall’altro dalla mancata dichiarazione del prezzo reale di vendita, mascherato appunto dai pagamenti in nero e, quindi, non dichiarati al fisco.
L’imprenditore casertano è stato segnalato alla Procura di Santa Maria Capua Vetere per violazioni tributarie per oltre 5 milioni di euro, su cui è stato calcolato il mancato versamento di IVA per oltre 500 mila euro.

Anche questa operazione di servizio costituisce ulteriore testimonianza dell’impegno profuso dalla Guardia di Finanza di Caserta a tutela, oltre che del comparto della spesa pubblica, anche, come in questo caso, del settore delle entrate tributarie nelle casse dello Stato.

Nessun commento: