La Rete fornisce accessi preziosi alla politica, inedite possibilità individuali di espressione e di intervento politico e anche stimoli all'aggregazione e manifestazione di consensi e di dissensi. Ma non c'è partecipazione realmente democratica, rappresentativa ed efficace alla formazione delle decisioni pubbliche senza il tramite di partiti capaci di rinnovarsi o di movimenti politici organizzati, tutti comunque da vincolare all'imperativo costituzionale del "metodo democratico".

DALLO STRALCIO DEL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO
ROMA 22 APRILE 2013


email
procecere@alice.it
procecere@virgilio.it



ECCO UNTC - UNIONE NAZIONALE PER LA TUTETELA DEI CONSUMATORI

Visualizzazioni secondo Google dal 2009

domenica 8 settembre 2013

PETIZIONE PER IL CONSERVATORIO DI CASERTA

Risale al ventiquattro maggio 1974 e porta il n° 544/40 la prima deliberazione della Giunta Comunale di Caserta con la quale veniva formalizzata la richiesta di istituzione in Caserta di un Conservatorio Statale Musicale. In quell'epoca, come oggi ancora si ricorda, era sindaco l'ottimo avv. Vincenzo Gallicola; Assessori: Francesco Rossi, Pasquale Marotta, Aldo Marcaccio, Michele De Crescenzo, Ciro Esposito, Antonio Vignola, Vitagliano Petrillo, Giuseppe Ziccardi.
Sono passati trentacinque anni da quella data, sono sorti in Campania altri Conservatori e la città di Caserta, benché annualmente e sistematicamente presente con la sua immancabile richiesta al Ministero della P.I. e successivamente al MIUR viene completamente ignorata.
Individuare le cause di tanta insensibilità da parte degli organi preposti porterebbe alla solita triste conclusione delle strategie politiche sbagliate e delle inefficienze della struttura del potere centrale.
L'immagine semplicistica ed inaccurata del MIUR, nella fattispecie, anche per altri interventi (vedi Università) è oramai troppo nota.
Quando si vuoi negare una richiesta, come quella di Caserta, si contrappone puntuale I'esigenza di rispettare i vincoli ostativi delle leggi. Stranamente, però, ci è tristemente riservato constatare che per altre città, tali vincoli non esistono e puntualmente si realizzano.
Non vorremmo che la nostra considerazione venisse tacciata di municipalismo. Ma una spiegazione pure ci dev'essere data. Non crediamo di chiedere cose impossibili.
Caserta, è l'unica città capoluogo della Campania priva di Istituto Musicale per cui molti giovani che intendono avviarsi a tale disciplina artistica sono costretti ad iscriversi a scuole di altri centri affrontando, in conseguenza, notevoli disagi anche di carattere economico.
E quando citiamo Caserta intendiamo riferirci ad una Provincia con circa 800.000 abitanti che sulla base di studi e di ricerche effettuate ha un rilevantissimo numero di studenti interessati alle discipline musicali.
Intendendo aderire alle numerose sollecitazioni che pervengono da ogni parte, propongo al Comitato dei genitori dei corsi del conservatorio di Avellino che attualmente si tengono a Caserta, di aderire al gruppo di spinta coordinato dall'Achitetto Giancarlo Pignataro per estendere la raccolta di firme per una petizione popolare.

Nessun commento: